skip to Main Content

Arriva REPower Eu, dal 2027 addio ai combustibili fossili russi

REpower Eu

Ecco tutti i piani decisi dall’Europa nel REPower Eu. In totale verranno mobilitati quasi 300 miliardi di euro “circa 72 miliardi di euro di sovvenzioni e 225 miliardi di euro di prestiti”.

La Commissione europea ha presentato oggi il piano REPowerEU, la risposta alle difficoltà e alle perturbazioni del mercato energetico globale causate dall’invasione russa dell’Ucraina. C’è una doppia urgenza per trasformare il sistema energetico europeo: porre fine alla dipendenza Ue dai combustibili fossili russi, utilizzati come arma economica e politica che costa ai contribuenti europei quasi 100 miliardi di euro all’anno, e affrontare la crisi climatica.

Il piano è semplice: agendo come un’Unione, l’Europa può eliminare gradualmente la sua dipendenza dai combustibili fossili russi più rapidamente. L’85% degli europei ritiene infatti che l’Ue dovrebbe ridurre al più presto la sua dipendenza dal gas e dal petrolio russi per sostenere l’Ucraina. Le misure del piano REPowerEU possono rispondere a questa ambizione, attraverso risparmio energetico, diversificazione dell’approvvigionamento energetico e introduzione accelerata delle energie rinnovabili per sostituire i combustibili fossili nelle abitazioni, nell’industria e nella produzione di energia.

VON DER LEYEN: QUASI 300 MLD PER IL REPOWER EU, SOLARE SU TUTTI I TETTI UE

“Putin minaccia chiunque sostenga Kiev”, e la “guerra sconvolge mercato energetico globale”. Ma “possiamo ridurre la dipendenza da Mosca” che ha visto l’Ue dipendere dalla Russia “per il 40%”. Ora “dobbiamo ridurre il più rapidamente possibile la nostra dipendenza energetica” da Mosca grazie “al piano REPower EU” che lavora “su tre livelli:, domanda, offerta, diversificando gli approvvigionamenti” e “accelerando la transizione verso l’energia pulita”, ha annunciato la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen durante la conferenza stampa di presentazione del piano. In totale verranno mobilitati quasi 300 miliardi di euro “circa 72 miliardi di euro di sovvenzioni e 225 miliardi di euro di prestiti”.

Nelle intenzioni di Bruxelles, la trasformazione verde rafforzerà la crescita economica, la sicurezza e l’azione per il clima per l’Europa e i nostri partner. Il dispositivo per la ripresa e la resilienza (RRF) è al centro del piano REPowerEU e sostiene la pianificazione e il finanziamento coordinati delle infrastrutture nazionali e transfrontaliere, nonché i progetti e le riforme energetiche. La Commissione Ue propone in particolare di apportare modifiche mirate al regolamento RRF per integrare i capitoli REPowerEU dedicati nei piani di ripresa e resilienza (RRP) esistenti degli Stati membri, oltre al gran numero di riforme e investimenti pertinenti che sono già presenti nei RRP. Le raccomandazioni specifiche per paese nel ciclo del semestre europeo 2022 alimenteranno questo processo.

RISPARMIARE ENERGIA

Il risparmio energetico è il modo più rapido ed economico per affrontare l’attuale crisi energetica e ridurre le bollette. La Commissione europea propone di rafforzare le misure di efficienza energetica a lungo termine, compreso un aumento dal 9% al 13% dell’obiettivo vincolante di efficienza energetica nell’ambito del pacchetto “Fit for 55”. Risparmiare energia aiuterà l’Europa a prepararci per le potenziali sfide del prossimo inverno. Pertanto la Commissione ha anche pubblicato oggi una “Comunicazione dell’UE sul risparmio energetico” che descrive in dettaglio i cambiamenti comportamentali a breve termine che potrebbero ridurre la domanda di gas e petrolio del 5% incoraggiando gli Stati membri ad avviare campagne di comunicazione specifiche rivolte alle famiglie e all’industria. Anche gli Stati membri sono incoraggiati a utilizzare misure fiscali per assicurare un maggior risparmio energetico, come aliquote IVA ridotte su sistemi di riscaldamento efficienti dal punto di vista energetico, isolamento degli edifici, elettrodomestici e prodotti. La Commissione stabilisce inoltre misure di emergenza in caso di grave interruzione dell’approvvigionamento, emetterà orientamenti sui criteri di definizione delle priorità per i clienti e faciliterà un piano coordinato di riduzione della domanda dell’Ue.

DIVERSIFICARE LE FORNITURE E SUPPORTARE I NOSTRI PARTNER INTERNAZIONALI

L’Ue ha collaborato con partner internazionali per diversi mesi per diversificare le forniture e si è assicurata livelli record di importazioni di Gnl e maggiori consegne dai gasdotti. La nuova piattaforma energetica dell’Ue, supportata da task force regionali, consentirà acquisti comuni volontari di gas, Gnl e idrogeno unendo la domanda, ottimizzando l’uso delle infrastrutture e coordinando la sensibilizzazione dei fornitori. Come passo successivo, e replicando l’ambizione del programma comune di acquisto di vaccini, la Commissione esaminerà lo sviluppo di un “meccanismo di acquisto congiunto” che negozierà e contrarrà gli acquisti di gas per conto degli Stati membri partecipanti. La Commissione valuterà anche misure legislative per richiedere la diversificazione dell’approvvigionamento di gas da parte degli Stati membri nel tempo. La piattaforma consentirà inoltre l’acquisto congiunto di idrogeno rinnovabile.

La strategia energetica esterna dell’Ue adottata oggi faciliterà la diversificazione energetica e la creazione di partenariati a lungo termine con i fornitori, compresa la cooperazione sull’idrogeno o altre tecnologie verdi. In linea con il Global Gateway, la strategia dà priorità all’impegno dell’Unione europea per la transizione energetica globale verde e giusta , aumentando il risparmio e l’efficienza energetica per ridurre la pressione sui prezzi, incentivando lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’idrogeno e intensificando la diplomazia energetica. Nel Mediterraneo e nel Mare del Nord saranno sviluppati importanti corridoi dell’idrogeno. Di fronte all’aggressione russa, l’Ue sosterrà l’Ucraina, la Moldova, i Balcani occidentali e i paesi del partenariato orientale, nonché i nostri partner più vulnerabili. Con l’Ucraina continueremo a lavorare insieme per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento e un settore energetico funzionante, aprendo la strada al futuro commercio di elettricità e idrogeno rinnovabile, oltre a ricostruire il sistema energetico nell’ambito dell’iniziativa REPowerUkraine.

TIMMERMANS: AZZEREREMO IMPOR RUSSO ENTRO IL 2027 CON REPOWER EU

“Il 24 febbraio il mondo è cambiato e l’invasione russa dell’Ucraina ha determinato una sfida per il nostro sistema di vita che si aggiunge al Covid. Una delle conseguenze è l’intralcio al mercato europeo e globale del gas, un impatto profondo per noi che dipendiamo dai combustibili russi. A marzo ci siamo resi conto che era fattibile staccarsi dai russi. Queste sfide come la transizione verde non hanno perso la loro incisività ma sono diventate più importanti che mai. Il REPower Eu prevede misure di breve e medio termine che verranno concluse entro il 2027, dobbiamo risparmiare molta più energia, diversificare le forniture di energia avviando partenariati strategici e velocizzare la nostra transizione verso le rinnovabili. C’è un enorme potenziale per i tetti fotovoltaici. Se facciamo tutte queste cose diminuire già quest’anno di un terzo le importazioni russe azzerandole al 2027”, ha detto il vicepresidente Ue Frans Timmermans parlando del piano REPower Ue durante la presentazione a Bruxelles.

ACCELERARE L’INTRODUZIONE DELLE RINNOVABILI

Un massiccio aumento e accelerazione delle energie rinnovabili nella produzione di energia, nell’industria, negli edifici e nei trasporti accelererà la nostra indipendenza, darà impulso alla transizione verde e ridurrà i prezzi nel tempo. La Commissione europea ha proposto di aumentare l’obiettivo principale per il 2030 per le energie rinnovabili dal 40% al 45% nell’ambito del pacchetto Fit for 55. La definizione di questa maggiore ambizione generale creerà il quadro per altre iniziative, tra cui: Una strategia solare dell’UE dedicata per raddoppiare la capacità solare fotovoltaica entro il 2025 e installare 600 GW entro il 2030; un’iniziativa sui tetti solari con un obbligo legale graduale di installare pannelli solari su nuovi edifici pubblici e commerciali e nuovi edifici residenziali; raddoppiamento del tasso di diffusione delle pompe di calore e misure per integrare l’energia geotermica e solare termica nei sistemi di teleriscaldamento modernizzati e comunali: ma anche una raccomandazione della Commissione per contrastare le autorizzazioni lente e complesse per i grandi progetti rinnovabili e un emendamento mirato alla direttiva sulle energie rinnovabili per riconoscere l’energia rinnovabile come un interesse pubblico prioritario.

Gli Stati membri dovrebbero, inoltre, istituire aree di riferimento dedicate per le energie rinnovabili con procedure di autorizzazione abbreviate e semplificate in aree con rischi ambientali inferiori. Per aiutare a identificare rapidamente tali aree di riferimento, la Commissione sta mettendo a disposizione serie di dati su aree sensibili dal punto di vista ambientale come parte del suo strumento di mappatura digitale per i dati geografici relativi all’energia, all’industria e alle infrastrutture.

È stato inoltre fissato un obiettivo di 10 milioni di tonnellate di produzione nazionale di idrogeno rinnovabile e 10 milioni di tonnellate di importazioni entro il 2030, per sostituire gas naturale, carbone e petrolio nelle industrie e nei settori dei trasporti difficili da decarbonizzare. Per accelerare il mercato dell’idrogeno, i colegislatori dovrebbero concordare obiettivi secondari più elevati per settori specifici. La Commissione sta inoltre pubblicando due atti delegati sulla definizione e produzione di idrogeno rinnovabile per garantire che la produzione porti alla decarbonizzazione netta. Per accelerare i progetti sull’idrogeno, sono stanziati ulteriori 200 milioni di euro per la ricerca e la Commissione si impegna a completare la valutazione dei primi importanti progetti di comune interesse europeo entro l’estate.

Un piano d’azione sul biometano definisce strumenti tra cui una nuova alleanza industriale per il biometano e incentivi finanziari per aumentare la produzione a 35 miliardi di metri cubi entro il 2030, anche attraverso la politica agricola comune.
Ridurre il consumo di combustibili fossili nell’industria e nei trasporti

La sostituzione di carbone, petrolio e gas naturale nei processi industriali ridurrà le emissioni di gas serra e rafforzerà la sicurezza e la competitività. Risparmio energetico, efficienza, sostituzione del carburante, elettrificazione e una maggiore diffusione di idrogeno, biogas e biometano rinnovabili da parte dell’industria potrebbero far risparmiare fino a 35 miliardi di metri cubi di gas naturale entro il 2030 , oltre a quanto previsto dalle proposte Fit for 55.

PRONTI CONTRATTI SUL CARBONIO PER DIFFERENZA

La Commissione Ue lancerà inoltre contratti sul carbonio per differenza per sostenere l’adozione dell’idrogeno verde da parte dell’industria e finanziamenti specifici per REPowerEU nell’ambito del Fondo per l’innovazione, utilizzando i proventi dello scambio di emissioni per sostenere ulteriormente il passaggio dalla dipendenza russa dai combustibili fossili. La Commissione ha deciso di fornire poi orientamenti sugli accordi di acquisto di energia e energia rinnovabile e fornire uno strumento di consulenza tecnica con la Banca europea per gli investimenti. Per mantenere e riconquistare la leadership tecnologica e industriale in settori come il solare e l’idrogeno e per sostenere la forza lavoro, la Commissione propone di istituire un’alleanza dell’industria solare dell’UE e un partenariato per le competenze su larga scala. La Commissione intensificherà inoltre i lavori sulla fornitura di materie prime critiche e preparerà una proposta legislativa.

Per migliorare il risparmio energetico e l’efficienza nel settore dei trasporti e accelerare la transizione verso veicoli a emissioni zero, la Commissione presenterà un pacchetto per l’inverdimento del trasporto merci, con l’obiettivo di aumentare significativamente l’efficienza energetica nel settore, e valuterà un’iniziativa legislativa per aumentare la quota di veicoli a emissioni zero nelle flotte di auto pubbliche e aziendali al di sopra di una certa dimensione. La comunicazione dell’UE sul risparmio energetico include anche molte raccomandazioni a città, regioni e autorità nazionali che possono contribuire efficacemente alla sostituzione dei combustibili fossili nel settore dei trasporti.

SIMSON: ABBIAMO BISOGNO DI 50 MLD DI MC DI GNL E 10 MLD DI GAS DA FONTI NON RUSSE ALL’ANNO

“Abbiamo deciso di aumentare al 45% la quota di rinnovabili con l’energia solare come fonte più grande, eolica il 31% della capacità al 2030. Una sfida fattibile. Ma quando parliamo delle rinnovabili c’è il problema dei permessi, ci possono volere 9 anni per l’eolico e 4,5 anni per il fotovoltaico. Per questo proponiamo un nuovo cammino e far si che vengano dati in modo più veloce, condivideremo delle best practice per accelerare queste procedure. Dobbiamo essere creativi, per questo proponiamo di spingere sulla direttiva RED. Innanzitutto la produzione di energia elettrica è nell’interesse pubblico, dobbiamo applicare delle norme semplificate e creare delle zone di riferimento dove le procedure per ottenere un permesso saranno più semplici. Il tempo necessario dovrebbe scendere a un anno e non a danno dell’ambiente. In questo modo attingeremo al potenziale di sole e vento”, ha detto la commissaria all’energia Ue Kadri Simons durante la conferenza stampa a Bruxelles. “Abbiamo anche strategie per eolico offshore, idrogeno e con la strategia di oggi vogliamo aumentare a 600GW entro il 2030 di solare. È adatto per risolvere le nostre sfide, ci sono le tecnologie e i costi sono diminuite. Per corroborare tutto ciò abbiamo la direttiva per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. Bisogna avere dei partenariati, delle competenze lavorative. Infine abbiamo bisogno di 50 mld di mc di Gnl e 10 mld di gas da fonti non russe all’anno”, ha precisato Simson aggiungendo che le azioni russe “hanno fatto aumentare la volatilità dei prezzi energetici su cui proponiamo delle misure a breve termine per l’imposizione delle tasse sugli aumenti dei prezzi. È facile dire che l’ambizione dell’Europa di diventare indipendente dal gas russo è una chimera, dobbiamo riconoscere che separarci dalla Russia sarà doloroso ma i benefici economici saranno maggiori dei costi a breve termine, in questo modo avremo un sistema energetico più sostenibile nel lungo periodo”.

INVESTIMENTO INTELLIGENTE: 210 MLD AGGIUNTIVI DA QUI AL 2027

Il raggiungimento degli obiettivi REPowerEU richiede un investimento aggiuntivo di 210 miliardi di euro da qui al 2027. Si tratta di un anticipo sulla nostra indipendenza e sicurezza. Tagliare le importazioni russe di combustibili fossili può far risparmiare all’Europa quasi 100 miliardi di euro all’anno. Questi investimenti devono essere sostenuti dal settore pubblico e privato e a livello nazionale, transfrontaliero e dell’UE.

Per sostenere REPowerEU, 225 miliardi di euro sono già disponibili in prestiti nell’ambito della RRF. La Commissione ha adottato oggi la legislazione e le linee guida per gli Stati membri su come modificare e integrare i loro RRP nel contesto di REPowerEU. Inoltre, la Commissione propone di aumentare la dotazione finanziaria RRF con 20 miliardi di euro in sovvenzioni dalla vendita di quote del sistema di scambio di quote di emissione dell’UE attualmente detenute nella riserva di stabilità del mercato, da mettere all’asta in modo da non perturbare il mercato. In quanto tale, l’ETS non solo riduce le emissioni e l’uso di combustibili fossili, ma raccoglie anche i fondi necessari per raggiungere l’indipendenza energetica.

Nell’ambito dell’attuale QFP, la politica di coesione sosterrà già progetti di decarbonizzazione e transizione verde fino a 100 miliardi di euro, investendo in energie rinnovabili, idrogeno e infrastrutture. Ulteriori 26,9 miliardi di euro dai fondi di coesione potrebbero essere resi disponibili in trasferimenti volontari all’RRF. Ulteriori 7,5 miliardi di euro della Politica Agricola Comune sono inoltre resi disponibili attraverso trasferimenti volontari alla RRF. La Commissione raddoppierà il finanziamento disponibile per l’invito su larga scala 2022 del Fondo per l’innovazione questo autunno portandolo a circa 3 miliardi di euro.

Le reti transeuropee dell’energia (TEN-E) hanno contribuito a creare un’infrastruttura del gas dell’UE resiliente e interconnessa. È necessaria una limitata infrastruttura del gas aggiuntiva , stimata in circa 10 miliardi di euro di investimenti, per integrare l’elenco dei progetti di interesse comune (PCI) esistente e compensare completamente la futura perdita di importazioni di gas russe . Le esigenze di sostituzione del prossimo decennio possono essere soddisfatte senza bloccare i combustibili fossili, creare risorse bloccate o ostacolare le nostre ambizioni climatiche. Anche l’accelerazione dei PIC elettrici sarà essenziale per adattare la rete elettrica alle nostre esigenze future. Il meccanismo per collegare l’Europa sosterrà questo obiettivo e la Commissione lancia oggi un nuovo invito a presentare proposte con una dotazione di 800 milioni di euro, con un altro a seguire all’inizio del 2023.

LE MISURE DI EMERGENZA A BREVE TERMINE DECIDE DALL’UE

In risposta a diversi mesi di prezzi dell’energia eccezionalmente elevati e volatili, la Commissione europea ha presentato anche una serie di misure aggiuntive a breve termine per far fronte ai prezzi elevati dell’energia e per affrontare possibili interruzioni dell’approvvigionamento dalla Russia. A queste si aggiungono una serie di aree in cui è possibile ottimizzare il design del mercato elettrico, rendendolo idoneo alla transizione dai combustibili fossili e più resiliente agli shock dei prezzi, proteggendo al contempo i consumatori e fornendo elettricità a prezzi accessibili.

Le Misure di intervento a breve termine

La Commissione ha invitato gli Stati membri a continuare a utilizzare il suo “Energy Prices Toolbox”, che contiene misure per abbassare le bollette energetiche pagate dai consumatori europei. Inoltre, una serie di misure a breve termine sono messe a disposizione degli Stati membri e possono essere utilizzate ora e durante la prossima stagione di riscaldamento.

In particolare nei mercati del gas una possibilità per gli Stati membri è quella di estendere temporaneamente la regolamentazione dei prezzi al consumo finale a un’ampia gamma di clienti, comprese le famiglie e l’industria. Poi “Interruttori automatici” temporanei e misure di liquidità di emergenza a sostegno del funzionamento efficace dei mercati delle materie prime, nel pieno rispetto delle disposizioni sugli aiuti di Stato; ma anche l’utilizzo della piattaforma energetica dell’UE per aggregare la domanda di gas, garantire prezzi del gas competitivi tramite acquisti congiunti volontari e ridurre la dipendenza dell’UE dai combustibili fossili russi. Infine, opzioni di intervento sui mercati dell’energia elettrica per gli Stati membri:

La possibilità di riallocare ricavi inframarginali eccezionalmente elevati (i cosiddetti guadagni inaspettati) a sostegno dei consumatori è estesa alla copertura della prossima stagione di riscaldamento.
Inoltre, i proventi della congestione possono essere utilizzati per finanziare il sostegno ai consumatori.
Un’estensione temporanea dei prezzi al dettaglio regolamentati per coprire le piccole e medie imprese.
Per le regioni con interconnessione molto limitata, la possibilità di introdurre sussidi per i costi dei combustibili nella produzione di energia per ridurre il prezzo dell’energia elettrica, purché progettati in modo compatibile con i Trattati UE, in particolare per quanto riguarda l’assenza di restrizioni alle esportazioni transfrontaliere, normativa di settore e norme sugli aiuti di Stato.

Misure dell’UE in caso di interruzione totale delle forniture di gas

In caso di interruzione totale dell’approvvigionamento di gas russo, potrebbero essere necessarie ulteriori misure eccezionali per gestire la situazione. La Commissione invita gli Stati membri ad aggiornare i loro piani di emergenza, tenendo conto delle raccomandazioni contenute nel riesame della preparazione dell’UE della Commissione.

La Commissione faciliterà la creazione di un piano coordinato dell’UE di riduzione della domanda con misure preventive di riduzione volontaria per essere pronte in caso di emergenza. In uno spirito di solidarietà, gli Stati membri meno colpiti potrebbero ridurre la loro domanda di gas a vantaggio degli Stati membri più colpiti.
Per accompagnare queste misure, potrebbe essere necessario un massimale amministrativo del prezzo del gas a livello dell’UE in risposta a un’interruzione totale dell’approvvigionamento. Se introdotto, questo limite dovrebbe essere limitato alla durata dell’emergenza dell’UE e non dovrebbe compromettere la capacità dell’UE di attrarre fonti alternative di gasdotti e forniture di GNL e di ridurre la domanda.
Un design del mercato elettrico a prova di futuro

Il recente rapporto ACER conclude che i fondamenti del design del mercato apportano vantaggi significativi ai consumatori. Rileva inoltre che esistono diversi modi per proteggere meglio i consumatori e fornire elettricità a prezzi accessibili, rendere il mercato più solido e resiliente agli shock futuri e allinearlo ulteriormente agli obiettivi del Green Deal europeo.

Basandosi sull’analisi presentata oggi, la Commissione avvierà un processo di valutazione d’impatto sui possibili adeguamenti della struttura del mercato dell’energia elettrica.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore