Territori

Ascopiave, la Lega fa il pieno. Ecco chi entra e chi esce

ascopiave

Oggi presentazione delle liste per Ascopiave, è duello tra i comuni ribelli per l’ultimo posto in cda

Luisa Vecchiato, new entry Nicola Cecconato verso la riconferma al timone con i consiglieri uscenti Quarello e Pietrobon. Dovrebbero essere questi gli esiti delle manovre attorno ad Ascopiave anche se per l’ultimo posto in cda è duello fra i comuni ‘ribelli’ che cercano l’asse con i bergamaschi di Anita, e il patto Asm-Hera.

OGGI LA SCADENZA PER LE LISTE

“Scade oggi la presentazione delle liste per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Ascopiave, che andrà in scena il 29 maggio prossimo (con uno slittamento causato dal coronavirus) – scrive La Tribuna di Treviso -. La lista della maggioranza vede Nicola Cecconato, – che dunque veleggia verso la riconferma – affiancato dai consiglieri uscenti Enrico Quarello (Pd), Greta Pietrobon (Forza Italia) e tre new entry, Roberto Bet (Lega), Luisa Vecchiato e Maria Chiara Geronazzo, entrambe commercialiste, con curricula che pesano ed entrambe della Lega. La seconda è assessore di Valdobbiadene, in ascesa, la prima è consorte di Luciano Dussin, già deputato e sindaco di Castelfranco, oggi segretario della circoscrizione della Castellana, la più potente nella Marca”.

LE GRANDI MANOVRE DEI COMUNI RIBELLI

“Le due, dice RadioLega, hanno battuto allo sprint Maria Grazia Morgan, già sindaco di Refrontolo, dirigente del “Cerletti” di Conegliano. Lega pigliatutto, con 4 posti su 7 (era a 6, c`è un posto in più e l`incremento delle quote rosa da 2 a 3). Per l’ultima poltrona, si apre la contesa fra i comuni civici ribelli, capitanati da Spresiano e Trevignano, con il loro patto di sindacato al 5.94% del capitale, dunque primi azionisti di minoranza, e l’asse Hera – Asm Rovigo, che ai attesta sul 6,8 % (somma, rispettivamente, di 2,5%e 4,3 %). Ma i comuni civici della Marca stanno tentando in tutti i modi l’accordo con la bergamasca Anita, che detiene il 3,050%, per issarsi al 9% ipotecare il posto in cda (più la presidenza del collegio dei revisori dei conti). Se sarà fumata bianca, in cda siederà un avvocato bergamasco designato da Anita, (supplente Gloria Paulon, sindaco di Segusino), mentre in pole, per la presidenza del collegio di Treviso c`è Della Putta, già liquidatore di Sinergie (altro papabile il trevigiano Baggio)”.

SCACCHIERE COMPLESSO

“Lo scacchiere, adesso, è veramente complesso (vista anche l’alleanza in nuce di A2a con Verona e Vicenza). A2a, peraltro, è anche azionista di Ascopiave con il 4,16%. Asm Rovigo ed Hera potrebbero non candidare più il sindaco di Rovigo, Gaffeo (centrosinistra), per lanciare un manager di Hera, a blindare ancora di più le nozze, mentre il comune di Rovigo designerebbe il presidente del collegio dei revisori”