Scenari

Ascopiave, se i premi valgono come i bilanci dei Comuni soci

ascopiave

È quanto ha scritto Stefano Campo strini, Direttore dello Yunus Social Business Center, Università Ca’ Foscari Venezia, in un intervento sul Corriere del Veneto.

“Leggendo la stampa in questi giorni mi sono soffermato sulla vicenda Ascopiave, l’azienda a controllo pubblico che distribuisce gas in decine di Comuni del Veneto, il cui consiglio d’amministrazione ha recentemente approvato svariati premi a chi l’ha condotta nel 2019 (e la sta conducendo), il più alto al presidente e amministratore delegato del gruppo di oltre un milione e mezzo di euro. I complimenti ad amministratori capaci che hanno condotto evidentemente bene le società del gruppo che forniscono servizi ai cittadini. Ma mi sento di sollevare una questione morale, ma non solo, davanti a tali decisioni”. È quanto ha scritto Stefano Campo strini, Direttore dello Yunus Social Business Center, Università Ca’ Foscari Venezia, in un intervento sul Corriere del Veneto.

NON È UNA QUESTIONE PERSONALE

“Non la si prenda come una questione personale. Il soggetto in questione, evidentemente capace, può essere la più brava persona del mondo e magari darà in gran parte in beneficenza quanto quest’anno gli verrà elargito. È che bisogna affermare a chiare lettere che il sistema è sbagliato, innanzitutto perché ingiusto. Quali responsabilità e benefici avrà prodotto questa singola persona per meritare una remunerazione (aggiuntiva ad un ottimo stipendio)? Benefici e responsabilità 30 volte superiori rispetto a quelli, ad esempio, che ha prodotto la mia amica che ha lavorato notte e giorno nell’ospedale di Schiavonia (e alla quale non è stato riconosciuto neanche qualche giorno di riposo, unico premio che avrebbe voluto)? Non credo possano essere in nessun modo considerati né trenta, né dieci, ma forse neanche il doppio”, si legge.

GLI ENTI LOCALI FANNO FATICA A FAR QUADRARE I CONTI

“Non è possibile che gli enti locali facciano fatica a far quadrare i conti (a giorni uscirà il Rapporto Ca’ Foscari sui Comuni italiani che presenta il quadro drammatico della situazione) e ad una sola persona si consegni come premio quello che è il bilancio annuale di un intero Comune veneto. Con risorse, va detto, raccolte dai cittadini-utenti. L’elenco di quanto si sarebbe potuto fare con quei soldi è lungo. Ma la questione che vorrei porre è diversa”, ha aggiunto Campostrini.

FAR SI CHE LE RICCHEZZE ACQUISITE VENGANO SOCIALMENTE DISTRIBUITE

“Vorrei rivoltarla in positivo. Accogliendo gli stimoli del premio Nobel Yunus, vorrei avanzare proposte concrete per una società diversa, innanzitutto più giusta. Il primo passo è molto semplice: facciamo sì che le ricchezze acquisite vengano socialmente distribuite. Se si è riusciti a produrle, remunerati i bravi amministratori (con premi che abbiano tetti definiti ed equi rispetto al complesso della società), vanno rimesse nella società che le hanno prodotte, investite per far crescere il territorio che ospita questa società, usate per creare nuovo lavoro e opportunità, soprattutto per i più giovani che, nel gioco al rialzo dei super-ricchi, sono quelli che ci stanno perdendo di più. Se questi principi possono essere felicemente applicati ad ogni azienda privata (e diversi sono gli esempi positivi), trovo scandaloso che non lo siano in aziende partecipate dal pubblico, nate solo ed esclusivamente per produrre beneficio ai cittadini. (…) perché non provarci? Non è forse questo il momento giusto per darci nuove regole, per una società più solidale, ma, soprattutto, più giusta?”.