skip to Main Content

Auto elettriche: i paesi a basso reddito restano indietro. Report Acea

Auto Elettriche

I paesi con una quota di mercato totale di auto elettriche inferiore al 3% hanno un Pil medio inferiore a 17.000 euro

Le forti variazioni nazionali nelle vendite di auto elettriche nell’Ue sono chiaramente correlate al tenore di vita di un paese. È quanto emerge da una nuova ricerca dell’Associazione dei costruttori europei di automobili (Acea).

L’ANALISI

Le auto elettriche a batteria e ibride plug-in hanno costituito il 10,5% di tutte le nuove auto vendute nell’Unione europea lo scorso anno. Tuttavia, 10 stati membri avevano ancora una quota di mercato inferiore al 3%.

L’analisi dimostra che l’adozione delle auto elettriche da parte dei consumatori è direttamente collegata al Pil pro capite di un paese, indicando che l’accessibilità economica rimane un problema importante.

LE PAROLE DI HUITEMA

“Come nel caso della distribuzione delle infrastrutture di ricarica, c’è una chiara divisione nell’accessibilità economica delle auto elettriche tra l’Europa centro-orientale e l’Europa occidentale, così come un pronunciato divario nord-sud”, ha dichiarato Eric-Mark Huitema, direttore generale dell’Acea.

QUESTIONE DI PIL

I paesi con una quota di mercato totale di auto elettriche inferiore al 3% hanno un Pil medio inferiore a 17.000 euro. Questo è il caso per esempio dei paesi dell’Europa centrale e orientale e della Grecia. Inoltre, i cinque paesi con la più bassa diffusione delle auto elettriche hanno anche pochissimi punti di ricarica – meno dell’1% del totale dell’Ue ciascuno.

D’altra parte, una quota di mercato superiore al 15% per le auto elettriche si trova solo nei paesi più ricchi del Nord Europa con un Pil medio di oltre 46.000 euro.

Quasi tre quarti di tutte le vendite di auto elettriche dell’Unione europea sono concentrate in quattro paesi dell’Europa occidentale con alcuni dei Pil più alti (Svezia, Paesi Bassi, Finlandia e Danimarca). Il restante quarto delle vendite è distribuito in 23 stati membri.

Come dimostrano i recenti dati dell’Agenzia europea dell’ambiente, i pesanti investimenti dell’industria automobilistica nei veicoli a basse emissioni stanno pagando. Con le vendite di auto elettriche che sono triplicate tra il 2019 e il 2020 e le emissioni medie di CO2 scese di un 12% l’anno scorso.

“Per continuare questo progresso sulla strada verso lo zero, la Commissione europea deve ora urgentemente garantire che tutte le condizioni giuste siano in atto – e che nessun paese o cittadino sia lasciato indietro. I veicoli a zero emissioni devono essere accessibili e convenienti per tutti”, ha commentato Huitema.

SERVONO INCENTIVI

Le case automobilistiche europee chiedono quindi incentivi adeguati per stimolare le vendite di questi veicoli nel lungo periodo, e obiettivi infrastrutturali vincolanti per ogni stato membro dell’Ue.

L’Acea ha pubblicato questi dati in vista delle proposte della prossima settimana quando si deciderà sui nuovi obiettivi di CO2 per le auto in tutta l’Ue e una revisione della direttiva sulle infrastrutture per i carburanti alternativi – entrambi i quali faranno parte del pacchetto sul clima “Fit for 55” della Commissione europea.

Back To Top