skip to Main Content

Le banche promettono net-zero ma investono (ancora) miliardi in combustibili fossili

Combustibili Fossili

Le grandi banche sono ancora una volta sono sotto accusa per i continui finanziamenti di progetti sui combustibili fossili: 742 miliardi di dollari nel 2021

Dopo la firma dell’accordo di Parigi da parte di 193 Stati e dell’UE e dopo il vertice sul clima COP27 nel 2021, diverse importanti istituzioni finanziarie sono state prese di mira per il loro continuo sostegno alle società di combustibili fossili; riporta Oilprice.com.

LE BANCHE NON LASCIANO I COMBUSTIBILI FOSSILI

Mentre i governi di tutto il mondo introducono nuove politiche climatiche e fanno pressione sulle compagnie petrolifere e del gas affinché migliorino le operazioni e riducano le loro emissioni di carbonio, l’organizzazione internazionale e gli ambientalisti chiedono che venga esercitata una maggiore pressione sulle banche per tagliare i finanziamenti per i progetti di combustibili fossili a favore di basse emissioni alternative.

Molte delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo – scrive Oilprice.com – hanno annunciato ambiziosi obiettivi climatici e firmato impegni per la riduzione delle emissioni di carbonio sin dall’accordo di Parigi e dalla COP26, eppure poche sembrano mantenere le loro promesse. I rapporti del 2022 e del 2023 mostrano che molte delle principali banche del mondo continuano a finanziare nuovi progetti di petrolio e gas, il che sta ostacolando gli obiettivi climatici annunciati dall’AIE e da altre istituzioni e governi. A meno che ciò non si fermi, raggiungere questi obiettivi climatici sarà quasi impossibile, poiché è improbabile che i gruppi petroliferi e del gas guidino essi stessi la transizione verde.

IL RAPPORTO RAN FOSSIL FUEL FINANCE 2022

Il rapporto 2022 Rainforest Action Network (RAN) Fossil Fuel Finance Report ha mostrato quali istituzioni finanziarie stavano ancora pompando denaro nelle operazioni di petrolio, gas e carbone e le principali tendenze nel finanziamento dei combustibili fossili dal 2016 al 2022. Il finanziamento globale dei combustibili fossili – riporta Oilprice.com – è stato di $ 723 miliardi nel 2016 ed è rimasto abbastanza stabile nei successivi cinque anni, salendo a 742 miliardi di dollari nel 2021 . Le istituzioni finanziarie che hanno offerto i maggiori investimenti in combustibili fossili sono state JPMorgan Chase, Citi Bank, Wells Fargo, Bank of America e RBC.

A seguito dell’annuncio dell’Agenzia internazionale per l’energia che mira a zero emissioni nette di carbonio per il 2050, 44 delle 60 banche discusse nel rapporto si sono impegnate a raggiungere l’obiettivo di “nessun nuovo giacimento di petrolio e gas”. Tuttavia, molte di queste banche continuano a offrire finanziamenti alle compagnie petrolifere e del gas. Secondo il rapporto, 27 delle 44 banche identificate non hanno ancora una significativa politica di non espansione a livello aziendale per nessuna parte dell’industria dei combustibili fossili.

Queste istituzioni finanziarie sono state ripetutamente e pubblicamente condannate per il loro continuo finanziamento di progetti sui combustibili fossili. Lo ha dichiarato, in una nota, la deputata statunitense Rashida Tlaib, “Il nostro pianeta sta fissando un punto di non ritorno e le più grandi istituzioni finanziarie del mondo stanno gettando benzina sul fuoco”. Nel frattempo, Alison Kirsch, responsabile della ricerca e delle politiche presso la RAN, in una nota ha spiegato: “Queste istituzioni finanziarie sono direttamente complici nel minare un futuro stabile dal punto di vista climatico per tutti noi e devono immediatamente interrompere il loro sostegno a qualsiasi ulteriore espansione delle infrastrutture per i combustibili fossili”. E David Tong, Global Industry Campaign Manager presso Oil Change International, in una nota ha affermato: “l’aritmetica fondamentale di 1,5ºC richiede che la produzione di petrolio e gas diminuisca di almeno il 3-4% all’anno, a partire da ora. Ma nessuna delle principali compagnie petrolifere e del gas si è impegnata a porre fine all’espansione e le banche di tutto il mondo continuano a versare miliardi in combustibili fossili. Questo deve finire ora. Se le risposte delle banche alla crisi climatica devono essere prese sul serio”.

IL RITIRO DI HSBC DAGLI INVESTIMENTI IN COMBUSTIBILI FOSSILI

Una delle più grandi banche del mondo – HSBC – si è ritirata dagli investimenti in combustibili fossili. Nel 2022, HSBC, la settima banca più grande del mondo, ha annunciato che non avrebbe più sostenuto progetti di petrolio e gas. Prima della decisione, HSBC era uno dei maggiori prestatori di società energetiche a livello globale. La decisione presa da HSBC significa che non saranno concessi finanziamenti a nuovi giacimenti di petrolio e gas, anche se continueranno a finanziare progetti esistenti, così come verranno offerti nuovi fondi a progetti di energia rinnovabile.

Nel Regno Unito, sia Natwest che Lloyds Bank hanno annunciato piani per ridurre il finanziamento dei combustibili fossili. Anche la banca olandese ING e l’istituto di credito francese La Banque Postale hanno assunto impegni simili. Nel frattempo, Barclays ha invece deciso di aumentare i suoi finanziamenti per le startup di energia sostenibile.

IL FINANZIAMENTO SULLE INDUSTRIE FOSSILI CONTINUA

All’inizio del 2023, nuovi rapporti mostrano che il finanziamento delle operazioni sui combustibili fossili da parte delle principali istituzioni finanziarie è destinato a continuare. Dopo la COP26, il Regno Unito ha lanciato la Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ), che mira ad allineare i principali investimenti in tutto il mondo con l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura a 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali. Ciò ha portato 450 gruppi in 45 paesi con un patrimonio di almeno $ 130 trilioni a firmare l’accordo GFANZ. Tuttavia, dati recenti , raccolti da Reclaim Finance, suggeriscono che centinaia di miliardi di dollari sono stati pompati in progetti di combustibili fossili da GFANZ.

Secondo il rapporto – riporta Oilprice.com almeno 56 delle più grandi banche del net-zero banking alliance grouping (NZBA) hanno fornito 270 miliardi di dollari a 102 società di combustibili fossili per la loro espansione, attraverso 134 prestiti e 215 accordi di sottoscrizione, tra cui HSBC. Paddy McCully, analista senior di Reclaim Finance, in una nota ha dichiarato: “I membri di GFANZ agiscono come incendiari del clima. Si sono impegnati a raggiungere lo zero netto, ma continuano a versare centinaia di miliardi di dollari negli sviluppatori di combustibili fossili. GFANZ e le alleanze dei suoi membri saranno credibili solo una volta che faranno il loro gioco e insisteranno affinché i loro membri contribuiscano a porre rapidamente fine all’era dell’espansione del carbone, del petrolio e del gas fossile”.

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore