Fact checking e fake news

Bici, bus e camminare: ecco le opzioni più green. Il report Aea

Aea

Secondo l’Aea a Roma va la maglia nera europea 2018 per la città più congestionata da traffico. Sorpassa anche Parigi e Londra

Camminare, andare in bicicletta e i trasporti pubblici nelle città rimangono le opzioni di mobilità più ecologiche disponibili rispetto agli scooter elettrici o ai viaggi in auto. Lo scrive l’Agenzia europea per l’ambiente nel suo rapporto su trasporti e ambiente 2019 che valuta come le opzioni di trasporto di “primo e ultimo miglio” ecologiche e sostenibili come biciclette, scooter o altri mezzi di trasporto a breve distanza, possono trasformare in ottimi sistemi di mobilità nelle città. Il rapporto valuta inoltre come innovativi servizi di trasporto urbano e di consegna nelle città, compreso l’uso di droni di consegna, possano rendere il trasporto di merci urbano più sostenibile.

COSA DICE IL RAPPORTO

“Il crescente uso di scooter elettrici e servizi di trasporto passeggeri sta trasformando il modo in cui ci muoviamo nei centri urbani, ma camminare, andare in bicicletta e i trasporti pubblici rimangono il modo migliore per assicurare un incremento della mobilità sostenibile nelle città – scrive l’Aea -. I viaggi brevi sono una parte essenziale del tragitto giornaliero. I servizi di autobus, treni e metropolitana coprono spesso la parte principale dei viaggi da e verso il lavoro, ma le persone devono ancora camminare, guidare o usare un altro modo per raggiungere la stazione o la fermata più vicina. Migliori viaggi nel primo o ultimo miglio, hanno il potenziale di ridurre l’uso dell’auto, riducendo il traffico, le emissioni e migliorando la qualità dell’aria. Le città possono fare molto per facilitare l’accesso ai sistemi di trasporto pubblico creando attraenti spazi urbani ben collegati alle infrastrutture di trasporto pubblico, rendendo più facili e piacevoli le passeggiate e l’uso di biciclette da e verso gli snodi e le fermate”.

Secondo l’agenzia europea, “l’utilizzo delle gambe, la bicicletta e ai trasporti pubblici saranno cruciali” per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità a lungo termine del Green Deal europeo. “Le app di digitalizzazione e mobilità possono costituire un buon sistema di mobilità urbana ancora megliore, ma non possono compensare i trasporti pubblici poco sviluppati”, avverte il rapporto. “Affinché le opzioni ecologiche abbiano buone possibilità di competere con le automobili, i prezzi devono anche riflettere i danni arrecati alla salute e all’ambiente”.

NON TUTTE LE OPZIONI DI MOBILITÀ SONO UGUALMENTE ECOLOGICHE

Andare a piedi, in bicicletta o usare i tpl “offrono i maggiori benefici sia per la salute umana sia per l’ambiente nelle aree urbane. Anche l’introduzione e la rapida adozione dello sharing può avere benefici”, tuttavia, il report indica una serie studi che dimostrano come il loro impatto sull’ambiente non sia sempre positivo. “Soprattutto i sistemi di condivisione di e-scooter sembrano attrarre utenti che altrimenti avrebbero camminato o utilizzato il trasporto pubblico. Mentre l’uso di e-scooter condivisi genera pochi impatti ambientali diretti, i loro crediti ecologici possono essere messi in discussione dagli impatti negativi sostanziali associati ai loro materiali, alla loro produzione e alla loro frequente raccolta a fini di ricarica. Allo stesso modo, gli studi dimostrano che le applicazioni di ride-hailing come Uber o Lyft fanno poco per ridurre le emissioni o la congestione e di fatto allontanano le persone dal trasporto pubblico”.

L’AUMENTO DELLE EMISSIONI DEI TRASPORTI OSTACOLA I PROGRESSI DELL’UE VERSO GLI OBIETTIVI AMBIENTALI E CLIMATICI

“Il settore dei trasporti continua a fare molto affidamento sui combustibili fossili ed è responsabile di un quarto delle emissioni di gas serra in Europa – sottolinea il report dell’Aea -. Il settore è anche una fonte significativa di inquinamento atmosferico, in particolare di particolato (PM) e biossido di azoto (NO2), nonché la principale fonte di rumore ambientale in Europa. Le emissioni dei trasporti erano del 29% superiori ai livelli del 1990 nel 2018. Secondo la proposta del Green Deal europeo, le emissioni dei trasporti devono essere ridotte del 90% entro il 2050 per raggiungere la neutralità climatica nell’Ue”.

AUTO A BENZINA SORPASSANO I DIESEL, EMISSIONI FURGONI IN RIALZO

Nel 2018, le emissioni medie di biossido di carbonio (Co2) delle nuove autovetture sono aumentate per il secondo anno consecutivo, raggiungendo 120,4 g di Co2 per chilometro. Le auto a benzina stanno sorpassando le auto a gasolio nelle vendite di nuove autovetture, ma il consumo totale di gasolio continua ad aumentare. Le emissioni medie di Co2 dei nuovi furgoni ha iniziato a seguire una tendenza al rialzo simile nel 2018. Le emissioni di gas a effetto serra prodotte dal trasporto aereo sono aumentate più rapidamente di altre modalità di trasporto con una media di oltre il 3% ogni anno dal 2013. Le emissioni di gas a effetto serra prodotte dalle spedizioni internazionali sono aumentate del 5% in 2 anni (2015-2017).

La quota di energia rinnovabile utilizzata per i trasporti nell’Ue è passata dal 7,4% nel 2017 all’8,1% nel 2018. Una cifra “ben al di sotto dell’obiettivo dell’Ue del 10% fissato per il 2020. Oltre il 27% dei cittadini europei è esposto a livelli di rumore di trasporto pari o superiori a 55 decibel (dB), compreso il 15-20% per il solo rumore del traffico stradale”.

ROMA CITTÀ PIÙ CONGESTIONATA D’EUROPA

Nel 2018, Roma è stata l’area urbana più congestionata nell’Ue, con i cittadini che hanno perso in media 254 ore l’anno a causa del traffico nelle ore di punta, il 16% in più rispetto al 2017. Più di Parigi e Londra (237 e 227 rispettivamente). Tra le 15 aree urbane Ue più congestionate, Milano occupa il quinto posto con 226 ore (+6% sul 2017), Firenze il settimo (195 ore, +3%), Napoli il decimo (186 ore, -3%), Torino il dodicesimo (167, -2%). In generale, gli italiani sono terzi in Europa per quantità di tempo passato imbottigliati nel traffico con oltre 35 ore pro-capite nel 2017, in lieve peggioramento rispetto al 2015.