skip to Main Content

Biden pensa alla riserva strategica per abbassare i costi dell’energia

Petrolio

Gli Stati Uniti stanno attualmente pompando circa 11,5 milioni di barili di petrolio al giorno, in calo rispetto ai 13 milioni al giorno di inizio 2020 malgrado i prezzi del greggio

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden “sta valutando” un potenziale rilascio di greggio dalla Strategic Petroleum Reserve per abbassare i prezzi della benzina dopo che l’OPEC+ ha respinto la sua richiesta di aumentare più velocemente la produzione di greggio. Lo ha affermato il segretario all’Energia Jennifer Granholm secondo quanto riferito da Bloomberg.

“L’amministrazione Biden è molto preoccupata per il prezzo alla pompa e anche per il prezzo del gas naturale, del propano e dell’olio da riscaldamento – ha detto Granholm in un’intervista televisiva a Bloomberg -. La SPR è sicuramente sul tavolo come opzione. Il presidente avrà altro da dire su questo”.

OPEC+ HA IGNORATO LE RICHIESTE

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati hanno ignorato le richieste dei clienti e si sono attenute al piano per aumenti mensili graduali della produzione di petrolio di 400.000 barili al giorno. I grandi consumatori affermano, tuttavia, che non è abbastanza per sostenere la ripresa economica post-Covid, con gli Stati Uniti che chiedevano fino al doppio di offerta.

LA CARTA DELLA RISERVA STRATEGICA

Lo strumento più potente a disposizione di Biden per abbassare i prezzi è l’SPR, un’enorme riserva di greggio di oltre 600 milioni di barili tenuti sottoterra in Louisiana e Texas per le principali emergenze. Ha abbastanza greggio per sostituire tutto il petrolio importato dagli Usa dall’OPEC+ per più di un anno.

Granholm ha respinto l’argomento, avanzato da alcuni trivellatori statunitensi, secondo cui le restrizioni di Biden sull’industria sono responsabili dei prezzi elevati.

“Non è l’azione del presidente che sta inducendo le compagnie petrolifere e del gas a decidere in questo momento di rallentare. Sono stati rallentati a causa del Covid”, ha detto Granholm. Le compagnie petrolifere e del gas hanno migliaia di contratti di locazione su terreni federali che attualmente non utilizzano.

LA PRODUZIONE USA

Gli Stati Uniti stanno attualmente pompando circa 11,5 milioni di barili di petrolio al giorno, in calo rispetto ai 13 milioni al giorno di inizio 2020. Tutte le perdite di produzione si sono verificate nelle fasi iniziali della pandemia di Covid-19, quando il greggio è crollato. Ma da allora la produzione si è ripresa solo modestamente, nonostante un aumento dei prezzi che è tornato sopra gli 80 dollari al barile.

Back To Top