Scenari

Carbone, rimbalzo della domanda nel 2021 ma di breve durata. Il report Aie

carbone

Dopo il forte calo degli ultimi anni, si prevede che la domanda globale di carbone aumenterà del 2,6% nel 2021 prima di appiattirsi al 2025

Secondo un nuovo rapporto dell‘Agenzia Internazionale per l’Energia, una ripresa economica globale nel 2021 dovrebbe portare ad un breve rimbalzo della domanda di carbone dopo il forte calo di quest’anno innescato dalla crisi della Covid-19.

IL CONSUMO DI CARBONE NON È DESTINATO A CALARE NEI PROSSIMI ANNI

Tuttavia, ci sono pochi segnali che indicano che il consumo mondiale di carbone sia destinato a diminuire sostanzialmente nei prossimi anni, con l’aumento della domanda in alcune economie asiatiche che compenserà i cali altrove.

Poiché il combustibile è di gran lunga la principale fonte di emissioni globali di carbonio legate all’energia, le tendenze delineate nel rapporto pongono una sfida importante agli sforzi per mettere queste emissioni su un percorso compatibile con il raggiungimento degli obiettivi climatici e di energia sostenibile.

STORICO CALO DELLA DOMANDA NEGLI ULTIMI ANNI

Gli ultimi due anni hanno visto una caduta storica della domanda globale di combustibile, guidata da cali senza precedenti negli Stati Uniti e in Europa, afferma Coal 2020, l’ultima edizione del rapporto annuale dell’Aie sul mercato del settore.

Un calo dell’1,8% della domanda di carbone nel 2019 è stato causato principalmente dalla debole crescita della domanda di elettricità e dai bassi prezzi del gas naturale. Le ultime stime dell’Aie suggeriscono che la domanda di carbone sarà calata di un ulteriore 5% nel 2020 a causa delle ricadute economiche di Covid-19.

SADAMORI: IL DECLINO SAREBBE STATO ANCORA PIÙ FORTE SENZA IL FORTE RIMBALZO ECONOMICO IN CINA

“La crisi di Covid-19 ha completamente rimodellato i mercati mondiali del carbone. Prima della pandemia, ci aspettavamo un piccolo rimbalzo della domanda di combustibile nel 2020, ma da allora abbiamo assistito al più grande calo del consumo dalla seconda guerra mondiale – ha detto Keisuke Sadamori, Direttore dei mercati energetici e della sicurezza dell’Aie -. Il declino sarebbe stato ancora più forte senza il forte rimbalzo economico in Cina – il più grande consumatore di carbone al mondo – nella seconda metà dell’anno”.

SI PREVEDE UN AUMENTO DEL 2,6% DELLA DOMANDA GLOBALE DI CARBONE NEL 2021

Basandosi sull’ipotesi di una ripresa dell’economia mondiale, il rapporto dell’Aie prevede un aumento del 2,6% della domanda globale di carbone nel 2021, trainata da una maggiore domanda di energia elettrica e dalla produzione industriale.

La Cina, l’India e le economie del Sud-Est asiatico rappresentano la maggior parte della crescita, anche se gli Stati Uniti e l’Europa potrebbero entrambi vedere i primi aumenti del consumo di combustibile in quasi un decennio. Tuttavia, si prevede che la domanda globale nel 2021 rimarrà ancora al di sotto dei livelli del 2019 e potrebbe essere ancora più bassa se le ipotesi del rapporto sulla ripresa economica, la domanda di elettricità o i prezzi del gas naturale non saranno soddisfatti.

IL CONSUMO SI APPIATTIRÀ ENTRO IL 2025

Il rimbalzo della domanda di carbone nel 2021 sarà di breve durata, e si prevede che il consumo si appiattirà entro il 2025 a circa 7,4 miliardi di tonnellate. Ciò renderebbe il 2013, quando la domanda globale di carbone raggiunse gli 8 miliardi di tonnellate, il picco di tutti i tempi per il combustibile.

Ma mentre la quota del carbone sia nel mix di elettricità che nel mix energetico complessivo è in costante declino, l’uso del combustibile in termini assoluti non è destinato a un rapido declino nell’immediato futuro.

RINNOVABILI SULLA STRADA PER SUPERARE IL CARBONE COME FONTE DI ELETTRICITA’

“Le energie rinnovabili sono sulla buona strada per superare il carbone come la più grande fonte di elettricità del mondo entro il 2025. E per allora, il gas naturale avrà probabilmente assunto il carbone come seconda fonte di energia primaria dopo il petrolio – ha detto Sadamori -. Ma con la domanda di carbone che si prevede rimarrà stabile o crescerà nelle principali economie asiatiche, non c’è alcun segno che il carbone si esaurirà rapidamente”.

IL FUTURO SARA’ IN ASIA

Il futuro del carbone sarà in gran parte deciso in Asia. Oggi la Cina e l’India rappresentano il 65% della domanda globale di carbone. Con il Giappone, la Corea, Taiwan e il Sud-Est asiatico inclusi, questa quota sale al 75%. La Cina, che attualmente rappresenta la metà del consumo mondiale di combustibile, sarà particolarmente influente.

Entro il 2025, l’Unione Europea e gli Stati Uniti rappresenteranno meno del 10% della domanda mondiale di carbone, in calo rispetto al 37% del 2000. Ciò renderà molto limitati gli effetti di eventuali ulteriori cambiamenti della domanda in questi mercati.