Advertisement
skip to Main Content

Tutti i dubbi degli industriali sul piano energia dell’Ue

Gas

Il caro prezzi persiste e resiste. Gli sforzi dell’Unione europea proseguono ma c’è da fare i conti con le critiche

Gli interventi presi dall’Unione europea contro il caro energia sono arrivati l’altro ieri. I prezzi salgono in tutto il continente e serviva una risposta. Ne servono tante altre, anche politiche. Come il price cap. Ma le misure economiche e di risparmio sui consumi intanto sono arrivate. Eppure è già tempo di analizzare le critiche dal mondo dell’industria.

LE MISURE DELL’UE CONTRO IL CARO PREZZI

Per “far fronte agli effetti di un grave squilibrio tra domanda e offerta di energia, dovuto in gran parte al continuo armamento da parte della Russia delle sue risorse energetiche”, la Commissione Ue – con il discorso sullo stato dell’Unione di Ursula von der Leyen –  ha confermato quanto deciso già nel meeting tra tutti i ministri dell’Energia.

Riduzione della domanda con l’obbligo di abbassare il consumo di elettricità di almeno il 5% durante le ore di punta. Poi gli Stati membri dovranno ridurre la domanda complessiva di elettricità di almeno il 10% fino al 31 marzo 2023. Non solo: Bruxelles ha proposto anche un tetto massimo temporaneo alle entrate dei produttori di energia elettrica “inframarginali”.

CHI CRITICA LA COMMISSIONE

Le misure sono tante e avranno anche un complesso di ritorni economici rilevanti. Ma al mondo dell’industria sono sorti alcuni dubbi. Secondo alcuni esponenti del settore serviva e servirà di più per affrontare l’emergenza. Per esempio, dice European Aluminium, “queste misure non sono sufficienti e non salveranno l’industria dell’alluminio ad alta intensità energetica da ulteriori tagli alla produzione, perdite di posti di lavoro e possibilmente una completa ripartizione”.

Il prossimo appuntamento è fissato al 30 settembre, lì si attendono importanti aggiornamenti. “Abbiamo bisogno di una fornitura fisica di gas a prezzi competitivi per i produttori europei di fertilizzanti per riavviare la produzione”, ha detto il direttore generale di Fertilizers Europe Jacob Hansen chiedendo “ulteriori passi” sul mercato del gas.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore