skip to Main Content

Cingolani: il vero nemico della transizione è la burocrazia

Cingolani

Il decreto semplificazioni andrà messo alla prova e se non sarà sufficiente interverremo
Il vero nemico della transizione ecologica è la burocrazia, Roberto Cingolani non si stanca di ripeterlo e, da quando è titolare del nuovo dicastero, che gestirà quasi 70 miliardi del
<span;>Pnrr, ne ha fatto un suo mantra:’Com’è possibile che alcune procedure per ottenere i permessi durino 1.200 giorni?'”. È quanto si legge in una intervista al ministro del Secolo XIX che poi ha parlato del decreto semplificazioni: “Con il decreto legge abbiamo fatto un’operazione molto incisiva. L’attesa scende da 1.200-1.500 a poche centinaia di giorni. Poi, certo, la legge andrà messa alla prova” e “se non sarà sufficiente, interverremo per migliorarla. Abbiamo abbattuto i tempi in modo drammatico”.

Questo aiuterà la diffusione in regione come in Italia di parchi eolici che noi progettiamo e costruiamo nel mondo più che in patria? I parchi eolici nel mare, su piattaforme galleggianti, sonoil futuro? “Sono una realtà che studiamo con molta attenzione. La loro efficacia dipende in larga misura dalla mappa dei venti. Le piattaforme vanno collocate in zone favorevoli e, dal punto di vista della ventosità, il Mediterraneo non è il massimo”.

Back To Top