Scenari

Cipro entra nell’era del Gnl con la FSRU a Vassilikos

gnl

Il terminale di importazione del Gnl sarà operativo entro la fine del 2022 e porrà fine all’isolamento energetico di Cipro

Le autorità cipriote hanno salutato l’inizio di una nuova era energetica per l’isola il 9 luglio con una cerimonia che ha segnato l’inizio della costruzione di un terminal galleggiante di unità di rigassificazione e stoccaggio a Vassilikos.

IL TERMINAL

Si tratta di un terminal e una FRSU, forniti da un consorzio a guida cinese, che dovrebbero essere operativi entro la fine del 2022, consentendo a Cipro di porre fine alla sua dipendenza dalle importazioni di petrolio per alimentare il suo principale impianto di generazione elettrica a Vassilikos, dove il gigante commerciale VTTI gestisce anche un centro di stoccaggio e trasbordo di carburante, si legge su S&P Global Platts.

L’IMPEGNO DI CIPRO

Cipro ha impiegato anni per assegnare le numerose gare d’appalto, effettuare negoziati e ipotesi sulle proprie risorse di gas offshore prima di accordarsi l’anno scorso per aggiudicare un contratto da 289 milioni di euro a China Petroleum Pipeline Engineering e ai partner Metron, Hudong-Zhongua Shipbuilding, e Wilhelmsen Ship Management.

L’accordo riguarda una FSRU che verrà allestita a Singapore, nonché la costruzione di un molo, strutture di ormeggio, condutture e infrastrutture per il trasporto del Gnl rigassificato alla centrale elettrica.È il progetto più costoso intrapreso dal governo cipriota, ma si prevede che l’uso del gas ridurrà il costo dell’elettricità per i consumatori, che attualmente pagano i prezzi più alti tra gli Stati membri dell’Ue.

COSA FA IL GOVERNO

Il governo sarà proprietario del terminal Gnl attraverso la Natural Gas Infrastructure Company di Cipro (ETYFA), una consociata della Natural Gas Public Company (DEFA), per fornire gas all’autorità elettrica di Cipro (EAC), che avrà sei unità di generazione in funzione entro il 2023.

Inoltre, la disponibilità di gas sull’isola è considerata anche fonte di produttori indipendenti di energia elettrica. Ci sono tre società a Cipro con licenze per costruire centrali di generazione e vendere elettricità.
DEFA, nel frattempo, ha indetto una gara d’appalto per la fornitura di Gnl e ha ricevuto manifestazioni di interesse da 25 società internazionali.

MIX ENERGETICO DIVERSIFICATO

Parlando durante la cerimonia, il presidente cipriota Nicos Anastasiades ha affermato che il terminal consentirebbe a Cipro di garantire l’approvvigionamento energetico, diversificare il mix energetico, promuovere la concorrenza nel mercato dell’elettricità, raggiungere obiettivi ambientali e rafforzare l’economia dell’isola. Anastasiades ha aggiunto che il terminal porrà fine all’isolamento energetico del Paese, ridurrà l’impronta di carbonio dell’isola del 30%, aumenterà la flessibilità della produzione di energia e ridurrà i costi dei consumatori fino al 25%. Il progetto ha ricevuto il sostegno politico e finanziario della Commissione europea e delle istituzioni europee.

L’ETYFA ha ricevuto una sovvenzione di 101 milioni di euro dalla Commissione Ue nell’ambito del meccanismo Connecting Europe Facility, prestiti di 150 milioni di euro dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) e 80 milioni di euro dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e un investimento di 43 milioni di euro da EAC.