skip to Main Content

Citigroup vede il gas a 100 dollari al mmBtu se l’inverno sarà freddo

Gas

La forte domanda e la mancanza di risposta all’offerta gas hanno fortemente inasprito il mercato

Citigroup Inc. ha più che raddoppiato le sue previsioni sul gas naturale asiatico ed europeo per il prossimo trimestre e ha affermato che i prezzi potrebbero salire fino a 100 dollari per milione di unità termiche britanniche (mmBtu) in caso di un inverno particolarmente freddo.

PREZZI GNL ALLE STELLE

Secondo quanto si legge su Bloomberg, i prezzi del gas naturale liquefatto stanno salendo alle stelle poiché le scorte europee stagionalmente basse, la domanda cinese in forte espansione e i vincoli di offerta dalla Russia alla Nigeria stanno portando a una guerra di offerte per le materie prime per la produzione di energia prima dell’inverno dell’emisfero settentrionale. I prezzi dei marker Giappone-Corea sono aumentati di quasi il 50% finora questo mese fino a sfiorare i 30 dollari per mmBtu, mentre in Europa il GNL è aumentato di circa il 40% fino a sfiorare i 25 dollari.

PROBABILI PICCHI DI PREZZO

I prezzi medi del prossimo trimestre saranno moderatamente superiori ai livelli attuali nel caso base di Citi, ha affermato la banca nella nota. Tuttavia, è probabile che ci siano picchi di prezzo se il clima dovesse essere insolitamente freddo e aumentare la domanda e gli uragani nel Golfo del Messico degli Stati Uniti dovessero interrompere le forniture, i carichi potrebbero essere scambiati nell’intervallo di 100 dollari per mmBtu, o 580 dollari al barile in termini equivalenti al petrolio.

“I prezzi globali del gas naturale potrebbero continuare a diventare parabolici nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”, hanno affermato gli analisti di Citi nella nota. “La forte domanda e la mancanza di risposta all’offerta hanno fortemente inasprito il mercato. Qualsiasi aumento inaspettato della domanda o interruzione dell’offerta potrebbe spingere ulteriormente i prezzi al rialzo”.

Back To Top