skip to Main Content

Clima, Aie: Affrontare emissioni di metano è essenziale

Aie

È necessaria una nuova spinta internazionale per ridurre le emissioni di metano dalle operazioni con combustibili fossili, in particolare petrolio e gas, dove le perdite possono spesso essere prevenute facilmente a costi ridotti o nulli

L’azione per il clima non può concentrarsi solo sull’anidride carbonica. I governi e le compagnie energetiche hanno grandi opportunità di ridurre le emissioni di metano, che rappresentano il modo più efficace per limitare i cambiamenti climatici a breve termine. Lo ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia in un nuovo rapporto pubblicato.

IL METANO È RESPONSABILE DI CIRCA IL 30% DELL’AUMENTO GLOBALE DELLE TEMPERATURE

Il metano è responsabile di circa il 30% dell’aumento globale delle temperature fino ad oggi. Passi rapidi per affrontare le emissioni di metano da operazioni petrolifere, gas e carbone poterebbero avere impatti immediati grazie al potente effetto del metano sul riscaldamento globale consentendo di ridurre le emissioni di metano dalle operazioni di combustibili fossili: con un percorso in grado di realizzare un taglio del 75% entro il 2030.

LE OPERAZIONI CON COMBUSTIBILI FOSSILI HANNO EMESSO GLOBALMENTE QUASI 120 MILIONI DI TONNELLATE DI METANO NEL 2020

Le operazioni con combustibili fossili hanno emesso globalmente quasi 120 milioni di tonnellate di metano nel 2020, quasi un terzo di tutte le emissioni di metano dovute all’attività umana. Gran parte di queste emissioni sono semplicemente perdite lungo la catena di produzione e fornitura che gli operatori non riescono a catturare o evitare. Esistono modi economici per limitare queste emissioni, soprattutto nel settore petrolifero e del gas. Aie stima che oltre il 70% delle attuali emissioni delle operazioni petrolifere e del gas sia tecnicamente fattibile da prevenire e che circa il 45% potrebbe essere evitato in genere senza costi netti perché il valore del gas catturato è superiore al costo della misura di abbattimento. Questa quota sarebbe molto più alta in questo momento, visti i massimi record dei prezzi del gas naturale.

COSA DICE IL REPORT

Il rapporto fornisce approfondimenti e linee guida cruciali per i governi, le autorità di regolamentazione e l’industria energetica in vista della conferenza sui cambiamenti climatici COP26 e oltre. Basandosi sulle stime delle emissioni e sulle opzioni per affrontarle nell’IEA Methane Tracker e Regulatory Roadmap and Toolkit, il rapporto identifica e quantifica una serie di misure, tra cui politiche e azioni normative, iniziative volontarie del settore e miglioramenti nella misurazione e nella rendicontazione delle emissioni.

LE PAROLE DI BIROL

“In un momento in cui ci vengono costantemente ricordati gli effetti dannosi del cambiamento climatico, è imperdonabile che si continui a consentire a enormi quantità di metano di filtrare nell’aria dalle operazioni di combustibili fossili – ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Aie -. Queste emissioni sono evitabili, le soluzioni sono comprovate e persino redditizie in molti casi. E i vantaggi in termini di riscaldamento a breve termine evitato sono enormi. Accolgo con favore il rinnovato impulso alla base di questo problema con il Global Methane Pledge, annunciato dall’Unione europea e dagli Stati Uniti, ed esorto tutti i paesi e le aziende a intensificare le loro azioni”.

È NECESSARIA UN’AZIONE RAPIDA

È necessaria un’azione rapida perché eventuali cali della domanda di combustibili fossili da soli non consentiranno di ottenere riduzioni abbastanza rapide delle emissioni di metano per prevenire gli effetti peggiori del cambiamento climatico. Nella tabella di marcia dell’IEA per le emissioni nette zero entro il 2050, le emissioni di metano dalle operazioni di combustibili fossili diminuiscono di circa il 75% tra il 2020 e il 2030. Circa un terzo di questo calo è il risultato di una riduzione complessiva del consumo di combustibili fossili, ma la quota maggiore deriva da misure e tecnologie volte a ridurre le emissioni nei campi, negli oleodotti e nelle miniere esistenti.

Il nuovo Global Methane Pledge prevede una riduzione di almeno il 30% delle emissioni globali di metano dalle attività umane entro il 2030. Se il mondo raggiungesse il 75% di riduzione del metano dalle operazioni di combustibili fossili come descritto nel nuovo rapporto Aie, ciò ridurrebbe il totale di emissioni di metano causate dall’uomo di circa il 25%, e quindi farebbe molto per raggiungere l’obiettivo del Global Methane Pledge.

COSA STANNO FACENDO GIA’ ALTRI PAESI

Molteplici stati in tutto il mondo hanno già utilizzato strumenti politici consolidati, tra cui il rilevamento delle perdite e i requisiti di riparazione, gli standard tecnologici e il divieto di flaring e sfogo non di emergenza. Alcuni paesi hanno incluso il metano insieme ad altri gas serra nei loro impegni nazionali di azzeramento netto, mentre altri hanno fatto annunci più mirati, ha ricordato Aie.

Questi governi “potrebbero anche sfruttare il loro potere d’acquisto per incentivare altri paesi a intensificare le misure contro le emissioni, dato che oltre il 40% del petrolio e del gas prodotti in paesi senza forti impegni per il metano viene esportato per il consumo in paesi che hanno tali impegni”, ha spiegato l’Agenzia internazionale per l’energia.

“Le iniziative aziendali svolgono un ruolo importante nell’affrontare le emissioni, soprattutto quando le aziende leader agiscono per diffondere le migliori pratiche in tutto il settore. Anche la crescente trasparenza sulle fonti e sull’entità delle emissioni di metano è destinata a svolgere un ruolo importante, sostenuta da promettenti sviluppi nelle tecnologie di monitoraggio, in particolare dai satelliti, e dall’istituzione di un quadro comune per la misurazione e la comunicazione delle emissioni. Per ottenere una rapida riduzione delle emissioni di metano, i governi, le aziende e le altre parti interessate devono lavorare tutti per costruire una coalizione più ampia di attori impegnati in questo sforzo”, ha concluso Aie.

Back To Top