Scenari

Clima, per Aie prioritario investire in economie emergenti e in via di sviluppo

Aie

Un nuovo rapporto dell’AIE, in collaborazione con la Banca Mondiale e il World Economic Forum, mostra che sono necessari sforzi internazionali concertati per un futuro economico sostenibile e resiliente nel mondo in via di sviluppo

Il futuro energetico e climatico del mondo dipende sempre più dal fatto che le economie emergenti e in via di sviluppo siano in grado di passare con successo a sistemi energetici più puliti, richiedendo un cambio di passo negli sforzi globali per mobilitare e incanalare la massiccia ondata di investimenti che è necessaria. È quanto emerge da un nuovo rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (Aie).

RAPPORTO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA BANCA MONDIALE E IL WORLD ECONOMIC FORUM

Il rapporto speciale – realizzato in collaborazione con la Banca Mondiale e il World Economic Forum – stabilisce una serie di azioni per consentire a questi paesi di superare i principali ostacoli che devono affrontare nell’attrarre i finanziamenti per costruire sistemi energetici puliti, moderni e resilienti che possono alimentare le loro economie in crescita per i decenni a venire.

GLI INVESTIMENTI ANNUALI IN ENERGIA PULITA NELLE ECONOMIE EMERGENTI E IN VIA DI SVILUPPO DEVONO AUMENTARE DI PIÙ DI SETTE VOLTE

Gli investimenti annuali in energia pulita nelle economie emergenti e in via di sviluppo devono aumentare di più di sette volte – da meno di 150 miliardi di dollari l’anno scorso a oltre 1 trilione di dollari entro il 2030 per mettere il mondo sulla strada per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050, secondo il rapporto, Financing Clean Energy Transitions in Emerging and Developing Economies. A meno che non venga intrapresa un’azione molto più forte, le emissioni di anidride carbonica legate all’energia da queste economie – che sono principalmente in Asia, Africa e America Latina – sono destinate a crescere di 5 miliardi di tonnellate nei prossimi due decenni.

BIROL: NON C’È CARENZA DI DENARO MA NON STA TROVANDO LA STRADA VERSO I PAESI, I SETTORI E I PROGETTI DOVE È PIÙ NECESSARIO

“In molte economie emergenti e in via di sviluppo, le emissioni stanno salendo mentre gli investimenti in energia pulita vacillano, creando una linea di faglia pericolosa negli sforzi globali per raggiungere gli obiettivi climatici e di energia sostenibile – ha detto Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Aie -. I paesi non stanno iniziando questo viaggio dallo stesso posto – molti non hanno accesso ai fondi di cui hanno bisogno per passare rapidamente a un futuro energetico più sano e prospero – e gli effetti dannosi della crisi Covid-19 durano più a lungo in molte parti del mondo in via di sviluppo. Non c’è carenza di denaro in tutto il mondo, ma non sta trovando la sua strada verso i paesi, i settori e i progetti dove è più necessario – ha aggiunto Birol -. I governi devono dare alle istituzioni finanziarie pubbliche internazionali un forte mandato strategico per finanziare le transizioni dell’energia pulita nel mondo in via di sviluppo”.

CRESCENTE DIVARIO TRA LE ECONOMIE AVANZATE E IL MONDO IN VIA DI SVILUPPO

Le recenti tendenze nella spesa per l’energia pulita indicano un crescente divario tra le economie avanzate e il mondo in via di sviluppo, anche se la riduzione delle emissioni è molto più conveniente in quest’ultimo. Le economie emergenti e in via di sviluppo rappresentano attualmente due terzi della popolazione mondiale, ma solo un quinto degli investimenti globali in energia pulita, e un decimo della ricchezza finanziaria globale. Gli investimenti annuali in tutte le parti del settore energetico nei mercati emergenti e in via di sviluppo sono diminuiti di circa il 20% dal 2016, e affrontano costi di debito e di capitale che sono fino a sette volte più alti che negli Stati Uniti o in Europa.

Evitare una tonnellata di emissioni di CO2 nelle economie emergenti e in via di sviluppo costa in media circa la metà che nelle economie avanzate, secondo il rapporto. Questo è in parte dovuto al fatto che le economie in via di sviluppo possono spesso passare direttamente a tecnologie più pulite ed efficienti senza dover eliminare gradualmente o riadattare progetti energetici inquinanti che sono già in corso.

Ma i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo che cercano di aumentare gli investimenti in energia pulita devono affrontare una serie di difficoltà, che possono minare i rendimenti aggiustati al rischio per gli investitori e la disponibilità di progetti bancabili. Le sfide riguardano la disponibilità di accordi commerciali che sostengono entrate prevedibili per investimenti ad alta intensità di capitale, l’affidabilità creditizia delle controparti e la disponibilità di infrastrutture abilitanti, tra gli altri fattori a livello di progetto. Questioni più ampie, tra cui le finanze pubbliche esaurite, l’instabilità della valuta e le debolezze dei mercati bancari e dei capitali locali sollevano anche sfide per attrarre gli investimenti.

BIROL: SERVE UN GRANDE CATALIZZATORE

“È necessario un grande catalizzatore per rendere il ‘20 il decennio degli investimenti in energia pulita – ha detto il dottor Birol -. Il sistema internazionale manca di un focus chiaro e unificato sul finanziamento della riduzione delle emissioni e dell’energia pulita, in particolare nelle economie emergenti e in via di sviluppo. Le strategie, le capacità e i livelli di finanziamento di oggi sono ben al di sotto del livello necessario. Il nostro rapporto è una chiamata globale all’azione – specialmente per coloro che hanno la ricchezza, le risorse e l’esperienza per fare la differenza – e offre azioni prioritarie che possono essere prese ora per muovere le cose velocemente”.

Queste azioni prioritarie – per i governi, le istituzioni finanziarie, gli investitori e le aziende – coprono il periodo da oggi al 2030, basandosi su analisi dettagliate di progetti e iniziative di successo in materia di energia pulita, efficienza ed elettrificazione, così come le transizioni per i combustibili e i settori ad alta intensità di emissioni. Questi includono quasi 50 studi di casi reali in diversi settori in paesi che vanno dal Brasile all’Indonesia, e dal Senegal al Bangladesh.

PAPATHANASIOU: È FONDAMENTALE SVILUPPARE SOLUZIONI CHE RENDANO I SISTEMI ENERGETICI PIÙ RESISTENTI AL CAMBIAMENTO CLIMATICO

“Mentre espandiamo l’accesso all’energia, abbiamo anche bisogno di una transizione globale verso un’energia a basse emissioni di carbonio. È fondamentale sviluppare soluzioni che rendano i sistemi energetici più resistenti al cambiamento climatico e ad altre crisi. Con le giuste politiche e investimenti, i paesi possono raggiungere una crescita economica duratura e la riduzione della povertà senza degradare l’ambiente o aggravare la disuguaglianza. Il settore finanziario in senso lato può e deve giocare un ruolo chiave nel raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi, mobilitando capitali per investimenti verdi e a bassa emissione di carbonio, gestendo al contempo i rischi climatici. La Banca Mondiale continuerà a sostenere i paesi che cercano assistenza per abbandonare i combustibili fossili e aumentare gli investimenti in energie rinnovabili e in efficienza energetica”, ha sottolineato Demetrios Papathanasiou, direttore globale della Banca Mondiale per l’energia.

BRENDE: LE SFIDE PER PORTARE IL CAPITALE NEI POSTI GIUSTI POSSONO ESSERE SUPERATE ATTRAVERSO UNA COMBINAZIONE DI POLITICHE INTELLIGENTI, INNOVAZIONE FINANZIARIA,

“La necessità di scalare l’energia pulita nelle economie emergenti offre un’enorme opportunità di investimento. Questo rapporto mostra che le sfide attuali per portare questo capitale nei posti giusti possono essere superate attraverso una combinazione di politiche intelligenti, innovazione finanziaria, così come un’azione collettiva coraggiosa. Il World Economic Forum è impegnato a consentire la cooperazione tra più soggetti per accelerare il progresso in questo importante settore”, ha aggiunto Børge Brende, presidente del World Economic Forum.

Il rapporto chiede di concentrarsi sull’incanalare e facilitare gli investimenti nei settori in cui le tecnologie pulite sono pronte per il mercato, specialmente nelle aree delle rinnovabili e dell’efficienza energetica, ma anche di gettare le basi per aumentare i combustibili a basse emissioni di carbonio e le infrastrutture industriali necessarie per decarbonizzare le economie in rapida crescita e urbanizzazione. Chiede anche di rafforzare i quadri finanziari sostenibili, di affrontare le barriere agli investimenti stranieri, di facilitare le procedure per le licenze e l’acquisizione di terreni, e di eliminare le politiche che distorcono i mercati energetici locali.

Il rapporto sottolinea, infine, che gli investimenti e le attività nel campo dell’energia pulita possono portare sostanziali opportunità economiche e posti di lavoro in industrie che si prevede fioriranno nei prossimi decenni con l’accelerazione delle transizioni energetiche in tutto il mondo. Chiede che le transizioni energetiche pulite siano incentrate sulle persone e inclusive, includendo azioni che costruiscano modelli equi e sostenibili per l’accesso universale all’energia moderna. La spesa per elettrodomestici più efficienti, veicoli elettrici ed edifici efficienti dal punto di vista energetico può fornire ulteriori opportunità di lavoro, e può sostenere specialmente il ruolo delle donne e delle imprenditrici nel guidare il cambiamento e migliorare l’uguaglianza di genere.