skip to Main Content

Co2: Il 5% delle centrali elettriche nel mondo inquina per il 73% delle emissioni. Lo studio dell’Università del Colorado

Co2

Lo studio ha analizzato i profili di emissione di CO2 di 29.078 centrali elettriche a combustibili fossili di 221 paesi, impianti a carbone al top

Il 5% delle centrali elettriche in tutto il mondo rappresenta quasi i tre quarti (il 73%) delle emissioni globali di CO2 da produzione elettrica. A rivelarlo è uno studio del team dell’Università del Colorado Boulder, guidato dal professore di sociologia Don Grant, membro del Renewable and Sustainable Energy Institute dell’ateneo americano.

LO STUDIO

Lo studio ha analizzato i profili di emissione di 29.078 centrali elettriche a combustibili fossili di 221 paesi e ha scoperto i “super inquinatori”. Non sorprende che le centrali elettriche più inquinanti si siano rivelate tutte le centrali a carbone che funzionavano in modo inefficiente per la quantità di energia prodotta.

POLONIA E GERMANIA NELLA CLASSIFICA

I primi dieci impianti più inquinanti sono in Polonia, India, Corea del Sud, Taiwan, Cina, Germania e Giappone, secondo la ricerca pubblicata su Environmental Research Letters. La Corea del Sud ha tre centrali elettriche a carbone tra i primi dieci super inquinatori. L’India ne ha due e gli altri paesi ne hanno una ciascuno.

Secondo gli autori della ricerca, l’intensità di emissione dei dieci peggiori impianti del mondo ha superato quella di altre centrali elettriche a combustibili fossili nei loro paesi d’origine nel 2018 a un tasso superiore dal 28,2 per cento al 75,6 per cento rispetto alle controparti. Ciò suggerisce che gli impianti sono molto inefficienti nella combustione del carbone, secondo la ricerca.

“Il motivo per cui questi impianti relativamente inefficienti vengono utilizzati così pesantemente è un argomento maturo per indagini future”, hanno scritto gli autori.

LE PREVISIONI SULLE RIDUZIONI DELLE EMISSIONI

Lo studio ha esaminato di quanto si ridurrebbero le emissioni globali nella produzione di elettricità se i super inquinatori dovessero tagliare la CO2. Se il 5% dei maggiori inquinatori abbassasse la propria intensità di emissione alla media globale per gli impianti a combustibili fossili, le emissioni mondiali di CO2 potrebbero diminuire del 25%, secondo lo studio. Se gli impianti a carbone e petrolio nel primo 5% degli inquinatori passassero al gas naturale, le emissioni globali diminuirebbero del 29,5%. Infine, se il primo 5% degli inquinatori incorporasse la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS), le emissioni globali di carbonio dalla produzione di elettricità diminuirebbero del 48,9%, sempre secondo lo studio.

“Una delle sfide che gli attivisti per il clima devono affrontare è determinare di chi è esattamente la colpa della crisi climatica – ha detto Grant a VICE -. Il nostro studio inizia ad affrontare questo problema nell’identificare i super inquinatori”.

LE CONCLUSIONI

“I risultati suggeriscono che invece di affidarsi a iniziative ambientali di vasta portata, si possono fare progressi ambientali sostanziali prendendo di mira selettivamente gli iper-inquinatori dei paesi – si legge nelle conclusioni dello studio -. Nei paesi in cui gli emettitori più grandi sono difficili da regolare, potrebbe essere più efficace prendere di mira un numero maggiore di impianti più piccoli. Per esempio, in nazioni come la Cina, che hanno numerosi impianti di medie dimensioni, potrebbe essere prudente espandere la gamma di impianti mirati da, diciamo, il top 5% al top 10%. Qualunque sia il caso, questo studio suggerisce che le politiche mirate a un piccolo sottoinsieme di super inquinatori dovrebbero essere considerate insieme agli approcci settoriali o economici”.

Back To Top