Advertisement Skip to content
Russia

Come e perché il petrolio della Russia continua a rifornire i mercati

Le società commerciali di nuova costituzione, principalmente al di fuori dell’Europa, hanno gestito almeno la metà di tutte le esportazioni di prodotti grezzi e raffinati della Russia finora quest’anno, spesso utilizzando una “flotta ombra” di navi cisterna.

Il petrolio russo? Soggetto a restrizioni ed embargo, eppure continua ad essere venduto sui mercati. Come? Le società di trading di materie prime di nuova costituzione a Hong Kong e negli Emirati Arabi Uniti (EAU) hanno sostituito i giganti del commercio e del petrolio nella gestione del greggio e dei prodotti russi dopo l’invasione dell’Ucraina e le sanzioni dell’UE e del G7 e i limiti di prezzo che ne sono seguiti.

IL TRADING “OMBRA”

Secondo alcune stime, queste società commerciali di un anno o più giovani hanno spedito almeno la metà di tutte le esportazioni russe di greggio e prodotti raffinati finora quest’anno, scrive Oilprice. 

Insomma, mentre i principali trader di petrolio e le major sono state costrette a sospendere i loro rapporti con i russi, molte società commerciali incorporate in giurisdizioni al di fuori dell’Europa hanno rilevato la maggior parte del trading con il petrolio russo con l’aiuto di intermediari e spesso una “flotta ombra” di petroliere.

DOVE SI TROVANO LE SOCIETA’ CHE COMMERCIANO CON LA RUSSIA

La maggior parte delle compagnie di navigazione che trasportano il greggio russo, senza violare le sanzioni e il tetto massimo, hanno sede negli Emirati Arabi Uniti, Grecia, India e Cina, e alcune di esse sono parzialmente di proprietà di aziende russe, secondo fonti bancarie e commerciali anonime che hanno parlato con Reuters.

IL CASO ROSNEFT

Ad esempio, Rosneft, il principale produttore di petrolio in Russia ha appena concluso una delle sue più grandi gare d’appalto degli ultimi anni per aggiudicare contratti di esportazione ai trader, ha riferito al Wall Street Journal qualche settimana fa.

BELLATRI ENERGY, AMUR E TEJARINAFT LE PIU’ ATTIVE

A differenza dei flop dello scorso anno nelle gare di Rosneft, la gara delle ultime settimane ha assicurato volumi di esportazione per il colosso petrolifero russo. E i grandi vincitori sono commercianti di petrolio di nuova creazione incorporati al di fuori dell’Europa. Questi sono Bellatrix Energy con sede a Hong Kong, così come Amur e Tejarinaft incorporati negli Emirati Arabi Uniti, secondo le fonti del Journal.

Le tre aziende poco conosciute sono state grandi esportatrici di petrolio russo da quando il tetto del prezzo del petrolio di 60 dollari al barile e l’embargo dell’UE sulle importazioni russe via mare sono entrati in vigore lo scorso dicembre, secondo i dirigenti del settore e i dati doganali russi visionati dal WSJ.

EXPORT PETROLIFERO RUSSO ELEVATO NEI PRIMI SEI MESI DEL 2023

Le esportazioni russe di greggio e prodotti petroliferi si sono mantenute elevate nella prima metà di quest’anno, contrariamente alle aspettative di un crollo delle esportazioni russe dopo l’embargo. E le società commerciali di nuova creazione hanno svolto un ruolo chiave nel mantenere elevate tali esportazioni.

Si stima che le società emerse dopo l’annuncio delle sanzioni nell’estate dello scorso anno abbiano gestito almeno la metà delle esportazioni russe di greggio e prodotti petroliferi finora quest’anno, secondo le stime di Reuters basate su informazioni provenienti da numerose fonti commerciali  e dati da Eikon.

Finora quest’anno, la Russia ha esportato circa 8 milioni di barili al giorno di greggio e prodotti raffinati.

NELLE ULTIME SETTIMANE SEGNALI DI RALLENTAMENTO

Tuttavia, nelle ultime settimane sono emersi segnali che le esportazioni russe stanno diminuendo, a causa dell’India, uno dei principali clienti di greggio russo insieme alla Cina, che potrebbe aver già raggiunto il picco di importazioni di greggio dalla Russia, affermano alcuni analisti citati da Cnbc.

Le esportazioni totali di petrolio dalla Russia  sono crollate di 600.000 barili  al giorno a giugno, al livello più basso in più di due anni, secondo le stime dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) nel suo ultimo Rapporto sul mercato petrolifero di luglio.

Le esportazioni di petrolio della Russia sono diminuite di 600.000 barili al giorno a 7,3 milioni di barili a giugno, il livello più basso di esportazioni di petrolio dal paese dal marzo 2021, secondo le stime dell’AIE .

Le sole esportazioni di petrolio greggio della Russia via mare  continuano a precipitare  e ora sono ben al di sotto dei livelli di febbraio e quasi 1,5 milioni di barili al giorno in meno rispetto al recente picco di fine aprile, secondo i dati di tracciamento delle petroliere monitorati da Bloomberg .

Le spedizioni di greggio della Russia sono crollate di 311.000 barili al giorno a 2,73 milioni di barili nella settimana fino al 23 luglio, mentre le esportazioni dai porti occidentali sul Mar Baltico e sul Mar Nero sono crollate a 1,17 milioni di barili al giorno, in calo di 625.000 barili al giorno rispetto alla settimana precedente, sempre secondo i dati.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su