Scenari

Come la risposta al Covid può rimodellare il futuro dell’energia. Il report Aie

Aie

Nel World Energy Outlook 2020 Aie mostra come nel mezzo di profonde perturbazioni e incertezze causate dalla pandemia, sia necessario aumentare gli sforzi verso politiche energetiche ben progettate per mettere il mondo sulla strada giusta per un sistema energetico resiliente in grado di raggiungere gli obiettivi climatici

“È stato un anno agitato per il sistema energetico globale. La crisi di Covid-19 ha causato più disordini di qualsiasi altro evento della storia recente, lasciando cicatrici che dureranno per gli anni a venire. Ma se questo sconvolgimento in ultima analisi aiuta o ostacola gli sforzi per accelerare le transizioni di energia pulita e raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di energia e clima dipenderà da come i governi risponderanno alle sfide di oggi”. È quanto evidenzia il World Energy Outlook 2020, la pubblicazione di punta dell’Agenzia Internazionale per l’Energia, si concentra sul periodo cruciale dei prossimi 10 anni, esplorando diversi percorsi per uscire dalla crisi.

Il nuovo rapporto fornisce l’ultima analisi dell’AIE sull’impatto della pandemia: la domanda globale di energia è destinata a diminuire del 5% nel 2020, le emissioni di CO2 legate all’energia del 7% e gli investimenti energetici del 18%. Con un approccio ormai consolidato, quello di affrontare e confrontare diversi scenari che mostrano come il settore energetico potrebbe svilupparsi.

GLI SCENARI

Lo Stated Policies Scenario (STEPS), in cui Covid-19 viene gradualmente riportato sotto controllo nel 2021 e l’economia globale ritorna ai livelli pre-crisi nello stesso anno. Questo scenario riflette tutte le intenzioni e gli obiettivi politici annunciati oggi, nella misura in cui sono supportati da misure dettagliate per la loro realizzazione.

Il Delayed Recovery Scenario (DRS) è stato progettato con le stesse ipotesi di politica come negli STEPS, ma una pandemia prolungata causa danni duraturi alle prospettive economiche. L’economia globale torna alle dimensioni precedenti la crisi solo nel 2023, e la pandemia inaugura un decennio con il più basso tasso di crescita della domanda di energia dagli anni Trenta.

Nel Sustainable Development Scenario (SDS), un’impennata delle politiche energetiche pulite e degli investimenti mette il sistema energetico sulla strada giusta per raggiungere pienamente gli obiettivi di energia sostenibile, compresi l’Accordo di Parigi, l’accesso all’energia e gli obiettivi di qualità dell’aria. Le ipotesi sulla salute pubblica e l’economia sono le stesse di quelle dello STEPS.

Il nuovo caso Net Zero Emissions by 2050 (NZE2050) estende l’analisi della SDS. Un numero crescente di paesi e di aziende sta puntando alle emissioni nette zero, in genere entro la metà del secolo. Tutti questi obiettivi sono stati raggiunti nella SDS, mettendo le emissioni globali sulla strada dello zero netto entro il 2070. La NZE2050 include la prima modellazione dettagliata dell’AIE di ciò che sarebbe necessario nei prossimi dieci anni per mettere le emissioni globali di CO2 sulla strada dello zero netto entro il 2050.

LIVELLI PRE-CRISI ENTRO IL 2023 O 2025

“Nello Stated Policies Scenario, che riflette le intenzioni e gli obiettivi politici annunciati oggi, la domanda globale di energia torna al livello pre-crisi all’inizio del 2023. Tuttavia, questo non accadrà fino al 2025 in caso di una pandemia prolungata e di un crollo più profondo, come mostrato nel Delayed Recovery Scenario. Una crescita più lenta della domanda riduce le prospettive dei prezzi del petrolio e del gas rispetto alle tendenze pre-crisi. Ma i forti cali degli investimenti aumentano il rischio di volatilità futura del mercato”, ha evidenziato Aie.

“Le rinnovabili hanno un ruolo da protagoniste in tutti gli scenari, con il solare al centro dell’attenzione. Le politiche di sostegno e le tecnologie in fase di maturazione consentono un accesso molto economico al capitale nei mercati leader – ha sottolineato l’Agenzia internazionale per l’energia -. Il fotovoltaico solare è ora costantemente più economico delle nuove centrali a carbone o a gas nella maggior parte dei paesi, e i progetti solari offrono ora alcuni dei più bassi costi di elettricità mai visti. Nello Stated Policies Scenario, le rinnovabili soddisfano l’80% della crescita della domanda globale di elettricità nel prossimo decennio. L’energia idroelettrica rimane la più grande fonte rinnovabile, ma il solare è la principale fonte di crescita, seguita dall’eolico onshore e offshore”.

BIROL: IL SOLARE NUOVO RE DEI MERCATI MONDALI

“Vedo il solare diventare il nuovo re dei mercati elettrici mondiali. Sulla base della politica attuale, è sulla buona strada per stabilire nuovi record di diffusione ogni anno dopo il 2022”, ha detto Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’IEA. “Se i governi e gli investitori intensificheranno i loro sforzi per l’energia pulita in linea con il nostro Scenario di Sviluppo Sostenibile, la crescita sia del solare che dell’eolico sarà ancora più spettacolare – ed estremamente incoraggiante per superare la sfida climatica mondiale”.

Il WEO-2020 dimostra che la forte crescita delle energie rinnovabili deve essere accompagnata da forti investimenti nelle reti elettriche. Senza investimenti sufficienti, le reti si riveleranno l’anello debole nella trasformazione del settore energetico, con implicazioni per l’affidabilità e la sicurezza dell’approvvigionamento elettrico.

LE SFIDE DEI COMBUSTIBILI FOSSILI

“I combustibili fossili devono affrontare sfide diverse. La domanda di carbone non ritorna ai livelli pre-crisi nello Stated Policies Scenario, con la sua quota nel mix energetico del 2040 che per la prima volta dalla Rivoluzione Industriale è scesa sotto il 20%. Ma la domanda di gas naturale cresce in modo significativo, soprattutto in Asia, mentre il petrolio rimane vulnerabile alle maggiori incertezze economiche derivanti dalla pandemia”, si legge sul report.

“L’era della crescita della domanda globale di petrolio terminerà nel prossimo decennio – ha affermato Birol -. Ma senza un grande cambiamento nelle politiche governative, non c’è segno di un rapido declino. Sulla base delle politiche odierne, un rimbalzo dell’economia globale riporterebbe presto la domanda di petrolio ai livelli precedenti la crisi”.

GLI EFFETTI DELLA PANDEMIA SUI PAESI PIU’ VULNERABILI

“Gli effetti peggiori della crisi si faranno sentire tra i paesi più vulnerabili. La pandemia ha annullato il vantaggio di diversi anni di calo del numero di persone nell’Africa subsahariana che non hanno accesso all’elettricità. E un aumento dei livelli di povertà può aver reso inaccessibili i servizi elettrici di base per più di 100 milioni di persone in tutto il mondo che avevano accesso all’elettricità – si legge sul report Aie -. Le emissioni globali sono destinate a un rimbalzo più lento rispetto a quanto accaduto durante la crisi finanziaria del 2008-2009, ma il mondo è ancora molto lontano da una ripresa sostenibile. Un cambiamento radicale negli investimenti in energia pulita offre un modo per stimolare la crescita economica, creare posti di lavoro e ridurre le emissioni. Questo approccio non ha ancora avuto un ruolo di rilievo nei piani finora proposti, tranne che nell’Unione Europea, nel Regno Unito, in Canada, in Corea, in Nuova Zelanda e in una manciata di altri Paesi”.

“Nel Sustainable Development Scenario, che mostra come mettere il mondo sulla strada giusta per raggiungere pienamente gli obiettivi di energia sostenibile, la completa attuazione del Piano di Ripresa Sostenibile dell’AIE sposta l’economia energetica globale su un diverso percorso post-crisi. Oltre alla rapida crescita delle tecnologie solari, eoliche e di efficienza energetica, i prossimi 10 anni dovrebbero vedere un notevole aumento della tecnologia di cattura, utilizzo e stoccaggio dell’idrogeno e del carbonio e un nuovo slancio dell’energia nucleare”, osserva Aie.

BIROL: MONDO LUNGI DALL’AVER INTRAPRESO UN PERCORSO DI DECLINO DELLE EMISSIONI

“Nonostante il calo record delle emissioni globali di quest’anno, il mondo è ben lungi dall’aver fatto abbastanza per metterle in declino decisivo. La recessione economica ha temporaneamente soppresso le emissioni, ma la bassa crescita economica non è una strategia a basse emissioni – è una strategia che serve solo ad impoverire ulteriormente le popolazioni più vulnerabili del mondo – ha ammesso Birol -. Solo cambiamenti strutturali più rapidi nel modo in cui produciamo e consumiamo energia possono rompere definitivamente il trend delle emissioni. I governi hanno la capacità e la responsabilità di intraprendere azioni decisive per accelerare le transizioni di energia pulita e mettere il mondo sulla strada per raggiungere i nostri obiettivi climatici, comprese le emissioni nette zero”.

Una parte significativa di questi sforzi dovrebbe concentrarsi sulla riduzione delle emissioni delle infrastrutture energetiche esistenti – come gli impianti a carbone, le acciaierie e i cementifici. Altrimenti, gli obiettivi internazionali sul clima saranno spinti fuori dalla portata, a prescindere dalle azioni in altre aree. “Una nuova analisi dettagliata nel WEO-2020 mostra che se le infrastrutture energetiche odierne continuassero a funzionare come hanno fatto finora, si bloccherebbe già l’aumento della temperatura a 1,65 gradi – ammette Aie -.
Nonostante queste grandi sfide, la visione di un mondo a emissioni nette zero si sta sempre più diffondendo. L’ambizioso percorso delineato nel Sustainable Development Scenario si basa sul fatto che i Paesi e le aziende raggiungano gli obiettivi annunciati di emissioni nette zero in tempo e per intero, portando il mondo a zero entro il 2070”.

“Raggiungere quel punto due decenni prima, come nel nuovo caso delle Emissioni nette a zero entro il 2050, richiederebbe una serie di drastiche azioni aggiuntive nei prossimi 10 anni. Per ridurre le emissioni del 40% circa entro il 2030 è necessario, ad esempio, che le fonti a basse emissioni forniscano quasi il 75% della produzione globale di elettricità nel 2030, rispetto a meno del 40% nel 2019 – e che più del 50% delle autovetture vendute nel mondo nel 2030 siano elettriche, rispetto al 2,5% del 2019. Elettrificazione, innovazione, cambiamenti di comportamento e aumento massiccio dell’efficienza avrebbero tutti un ruolo importante. Nessuna parte dell’economia energetica potrebbe restare indietro, poiché è improbabile che un’altra sia in grado di muoversi abbastanza velocemente per fare la differenza”, ha concluso il report di Aie.