Scenari

Coronavirus, Alverà: Il post-Covid 19 continuerà ad accelerare alcune tendenze chiave

Snam

Abbiamo un’occasione unica per superare l’inerzia e ri-immaginare la nostra vita e il nostro mondo, ha detto Alverà

“La domanda fondamentale a lungo termine nella mente di molte delle persone con cui ho parlato è se, post-Covid, tutto tornerà com’era, o se alcune cose saranno cambiate per sempre. L’opinione sembra stare nel mezzo. La mia idea è che Covid-19 continuerà ad accelerare alcune tendenze chiave che erano già in movimento, in modi inaspettati, profondi e duraturi”. Lo ha scritto l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà in un post su Linkedin.

OCCASIONE UNICA PER IMMAGINARE DI NUOVO IL NOSTRO MONDO

“Abbiamo un’occasione unica per superare l’inerzia e ri-immaginare la nostra vita e il nostro mondo. Le grandi crisi – a livello personale, aziendale, nazionale o globale – sono dolorose. Ma lo sconvolgimento della nostra vita quotidiana, spogliati di tutto ciò che accade solo per forza di abitudine e inerzia, ci aiuta a concentrarci su ciò che è essenziale, a portare un maggiore senso di determinazione e a essere ispirati a pensare con più coraggio”, ha sottolineato Alverà.

L’INGIUSTIZIA CONTINUA AD ESSERE UNO DEI TRATTI DISTINTIVI DELLA NOSTRA EPOCA

“L’ingiustizia continua ad essere uno dei tratti distintivi della nostra epoca. Il tributo sproporzionato che la crisi ha assunto per gli anziani, gli isolati e coloro che vivono in situazioni difficili dovrebbe tenerci svegli la notte – ha proseguito il numero uno di Snam -. E con l’impatto economico del Covid-19 ancora in divenire, i Paesi, le aziende e le persone che hanno contratto drasticamente le performance, amplieranno ulteriormente il divario. Alcuni, ad esempio quelli la cui assicurazione medica è legata al lavoro, o quelli che non hanno accesso alla tecnologia, saranno colpiti più duramente dalla stessa crisi, con una doppia dose di iniquità. Con decine di milioni di persone che entrano per la prima volta nella povertà, il modo in cui li aiutiamo definirà la politica per decenni. Detto questo, a livello individuale, sono stato colpito dalla solidarietà che ho visto: l’eroismo degli operatori sanitari e gli esempi di persone disciplinate, gentili e corrette, che si legano tra loro e tra diverse generazioni. Puntare sul nostro innato senso di equità è un buon punto di partenza per iniziare a ricostruire”.

ACCELERATA LA CURVA TECNOLOGICA

“Questa crisi ci ha spinto anni avanti sulla curva tecnologica. Videoconferenze, shopping online, scuola a distanza, e-health e pubblica amministrazione online: abbiamo avuto un forte incentivo a scaricare tutti i servizi disponibili e ad imparare ad usarli. Non cancelleremo le nostre app quando tutto questo sarà finito, il che significa che alcune delle tendenze che stavano comunque crescendo, come il lavoro a distanza, la riduzione dei viaggi di lavoro, tutto ciò che è privo di esperienze fisiche (anche nelle banche, negli uffici pubblici e negli ospedali) sarà notevolmente accelerato”, ha aggiunto Alverà.

“Questa interruzione – ha proseguito – ci dà la possibilità di rendere la società a prova di futuro e di accelerare la transizione energetica. Le istituzioni avranno un ruolo chiave nella ricostruzione dopo questa crisi, e sono stati stanziati miliardi di dollari. Se questo denaro verrà sperperato, significherà stagnazione per molti anni. Se viene investito saggiamente, in infrastrutture e servizi per rendere la società più moderna e produttiva, creerà posti di lavoro e una crescita economica superiore alla tendenza pre-Covid, e accelererà i nostri progressi in materia di cambiamento climatico. Le spinte politiche per far crescere la domanda di idrogeno, ad esempio, possono sbloccare significativi investimenti privati e creare posti di lavoro senza tasse o sussidi”.

SFRUTTARE L’OPPORTUNITA’

“Dovremmo sfruttare questa opportunità per ripensare il nostro modo di lavorare. Lavorare in massa a casa significa che ora siamo avanti di 5 anni sull’adozione della tecnologia, e ha funzionato sorprendentemente bene nella nostra organizzazione. Finora, le riunioni iniziano e finiscono in tempo, sono meglio preparate e più strutturate. Dovremo capire come mantenere l’inclusività e, allo stesso tempo, dare alle persone la possibilità di andare avanti – ha ammesso il numero uno di Snam . Le aziende dovranno pensare a come inserire nuovi assunti per creare reti professionali, amicizie personali e legami con le generazioni più anziane. Il tempo dovrà essere gestito in modo diverso, per bilanciare gli incontri e le chiamate con la lettura e il pensiero. E gli estroversi come me, che pensano meglio quando parlano che quando fissano un pezzo di carta, dovranno ritagliarsi il tempo per chiacchierare, per proporre le loro idee fruttuose”.

IL RUOLO SOCIALE DELLE IMPRESE SEMPRE PIÙ SOTTO I RIFLETTORI

“Il ruolo sociale delle imprese è sempre più sotto i riflettori. Coloro che si prendono cura delle loro persone, dei loro fornitori, dei loro clienti e della loro comunità scopriranno che possono avere un impatto sorprendentemente significativo e costruiranno una buona volontà duratura per se stessi. In futuro l’ESG sarà una caratteristica sempre più determinante dei mercati finanziari – ha concluso Alverà -. La preparazione è fondamentale. Con il senno di poi, eravamo incredibilmente impreparati ad una pandemia, anche se sapevamo della minaccia. Uno dei principali vantaggi dell’essere preparati è che si può passare all’azione molto più velocemente, e abbiamo visto questa velocità dell’essenza. Siamo ben consapevoli delle altre sfide ambientali e sociali a lungo termine che si stanno accumulando, e il cambiamento climatico è in cima alla lista. Impariamo dalla nostra esperienza”.