Fact checking e fake news

Coronavirus, cala la domanda di energia in Italia e Spagna

coronavirus

Il lockdown italiano sta riducendo prezzi e domanda di energia. Lo stesso sta accadendo in Spagna che segue con un ritardo di 10 giorni l’andamento italiano

Nella seconda settimana di marzo, il volume di energia sul mercato italiano IPEX ha registrato un contraccolpo di circa il 5% con 5,4 TWh negoziati nella settimana al 15 marzo. Questo volume è sceso ulteriormente a circa 4,8 TWh nella settimana successiva, sebbene i dati di domenica risultino incompleti. È quanto riporta S&P Global Platts facendo riferimento alla chiusura delle attività in corso in Italia per via delle decisioni del governo assunte a seguito del diffondersi della pandemia per coronavirus.

I PREZZI ITALIANI

Il prezzo di peakload durante la prima settimana di marzo è sceso del 6% a 42,56 euro / MWh, mentre quello per il baseload è sceso del 3% a 26,24 euro / MWh rispetto a quanto registrato prima del lockdown.

La settimana successiva, il peakload è crollato a una media di 31,57 euro / MWh dal lunedì al sabato e il baseload a una media di 30,68 euro / MWh, con un picco di carico quotato con uno sconto di quasi un euro rispetto al carico di base di mercoledì.

STA ACCADENDO LO STESSO IN SPAGNA

La situazione italiana si sta replicando in modo simile in Spagna, dove si stima che gli effetti economici abbiano un ritardo di circa 10 giorni rispetto all’Italia. La domanda nella settimana dal 16 al 22 marzo è stata di 4,3 TWh, in calo del 9% rispetto alla settimana precedente, secondo i dati di Red Electrica de Espana.

I dati sulla domanda degli utenti spagnoli per febbraio hanno mostrato un piccolo positivo, rendendolo il primo aumento da aprile 2018, aiutato dall’effetto calendario.

Tuttavia, anche prima della chiusura, alcuni grandi settori industriali, come metalli, prodotti chimici e automobili, hanno mostrato cifre negative per febbraio, il che significa che la loro domanda di energia è in calo, come avviende da quasi due anni.

CARICO ITALIANO IN CALO DEL 21%

I dati di consumo forniti dell’associazione di operatori del sistema elettrico Entso-e hanno mostrato un calo del carico italiano del 21% su base annua venerdì a 27,68 GW.

In Spagna il carico di venerdì in media nel corso della giornata è stato del 12% in meno rispetto allo stesso giorno dell’anno scorso.
Confrontando il carico di venerdì scorso con quello del primo venerdì di marzo di quest’anno, la domanda italiana è scesa del 6,3% e la domanda spagnola è scesa del 14,3%.