Scenari

Cosa farà l’Iran con Joe Biden presidente

produzione petrolifera

Le mosse di Biden e su quali basi verranno condotti i negoziati con l’Iran

L’Iran sta aspettando la fine del mandato del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e il passaggio di consegne con il successore Joe Biden come manna dal cielo. I rapporto con l’ormai ex numero uno della Casa Bianca non sono mai stati buoni, fin da quando Trump ha deciso di ritirare unilateralmente il suo paese dal Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) nel maggio 2018 per poi irrogare sanzioni contro Teheran, tutt’ora in corso.

I CONSIGLI DI KERRY

In effetti, secondo John Bolton, ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti sotto Trump, l’Iran ha seguito i consigli dell’ex segretario di Stato, John Kerry, che – nel 2018, dopo che gli Stati Uniti avevano annunciato il ritiro dal JCPOA – consigliò all’Iran di rimanere nell’accordo nucleare e aspettare fino al termine del mandato trumpiano.

L’Iran ha fatto esattamente ciò che Kerry ha consigliato e non c’è da meravigliarsi che Teheran sia ora impegnata ad aumentare drasticamente la pressione sul nuovo presidente democratico, Joe Biden, con l’intenzione di costringere gli Stati Uniti a tornare al JCPOA sostanzialmente invariato e revocare tutte le sanzioni.

Tuttavia, secondo quanto si legge su Oilprice, Teheran potrebbe aver calcolato male come Biden reagirà a questa pressione.

“Dal risultato dell’ultima elezione del presidente degli Stati Uniti, l’Iran è stato impegnato a costruire una posizione negoziale dalla quale possono uscire facili compromessi quando riprenderanno i colloqui con gli Stati Uniti sul reimpegno di Washington nel JCPOA e sulla fine delle sanzioni” si legge su Oilprice citando una fonte di alto livello dell’industria petrolifera e del gas iraniana: “Fondamentalmente – ha aggiunto la fonte -, l’Iran ha pensato di annunciare una serie di mosse apparentemente molto pericolose nel periodo precedente alla presa del potere di Biden, ma in realtà queste mosse possono essere annullate molto rapidamente senza alcun vero danno e sono destinate a essere scambiate per i giusti termini, che non cambierebbe la versione dell’accordo JCPOA concordata dall’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama”.

LE MOSSE IRANIANE

Una di queste mosse è stata il sequestro della scorsa settimana da parte del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC) e la successiva rimozione in un porto iraniano tra Qeshm e l’isola di Larak di una petroliera sudcoreana (in seguito identificata come la Hankuk Chemi da 20.000 tonnellate) con il pretesto dell’inquinamento petrolifero dell’imbarcazione.

La realtà alla base del sequestro era ben diversa secondo la fonte. “In primo luogo, era l’anniversario di un anno dell’assassinio da parte degli statunitensi del maggiore generale Qassem Soleimani, il pensatore strategico geopolitico iraniano e comandante della forza d’élite al Quds (“Gerusalemme”) dell’IRGC. In secondo luogo, la Corea del Sud è un alleato chiave degli Stati Uniti nella regione dell’Asia del Pacifico, su cui la principale superpotenza iraniana, la Cina, sta cercando di affermare la completa sovranità. Terzo, secondo l’Iran, la Corea del Sud deve alla Repubblica islamica quasi 7 miliardi di dollari di entrate petrolifere. E infine, riaffermando la sua volontà di dirottare navi dentro e intorno al Golfo Persico, l’Iran con questa mossa sottolinea a Biden che lo Stretto di Hormuz (attraverso il quale scorre circa un terzo di tutte le forniture mondiali di petrolio, ndr) fa parte del ‘cortile’ della Repubblica Islamica”.

In aggiunta a ciò, l’Iran sta segnalando che può causare il caos nei mercati petroliferi mondiali con futuri sequestri soprattutto se non potrà contare sulle sue esportazioni di petrolio influenzate a dall’oleodotto Goreh-Jask che bypassa il Golfo Persico.

Tra le altre iniziative prese in questo periodo anche l’annuncio del ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, la scorsa settimana sul riavvio dell’arricchimento di uranio.

COSA FARA’ WASHINGTON

La domanda è: questa pressione dell’Iran servirà a costringere Biden a tornare a una versione 2015/16 del JCPOA? OilPrice.com ha appreso da fonti vicine alla nuova amministrazione che alcuni dei membri chiave del team che ha negoziato l’accordo originale JCPOA con l’Iran – che includeva praticamente tutte le clausole più severe che sono state poi abbandonate dall’ex presidente Barack Obama nella sua fretta di firmare l’accordo nel 2015 – “torneranno a vestire i panni del team negoziale di Biden. Queste clausole che sono state abbandonate da Obama erano le stesse clausole che sono state successivamente stabilite dall’allora Segretario di Stato Mike Pompeo dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nel 2018” e ritenute “essenziali per qualsiasi accordo concluso sotto Trump. Queste clausole originali e più dure formeranno la base della rinegoziazione del JCPOA da parte dell’amministrazione Biden con l’Iran e, a differenza dell’ultima volta”.

I punti fondamentali – più le 12 clausole specifiche – che formeranno la base della rinegoziazione del JCPOA da parte del team Biden, sono: 1. La sicurezza delle truppe statunitensi dall’Iran o gli attacchi sponsorizzati dall’Iran in Iraq e altrove; 2. La sicurezza e l’incolumità di Israele; e, 3. il legame inestricabile tra il programma di arricchimento nucleare dell’Iran e il suo programma di missili balistici. In quest’ultimo caso, il team di Biden deve chiarire assolutamente – e non c’è spazio per modifiche – che l’Iran non deve costruire, importare, mantenere, tenere o testare alcun missile balistico con una gittata superiore a 2.000. chilometri. Ciò preclude efficacemente tutti i missili balistici a “ raggio intermedio ”, ovvero quelli con una portata compresa tra 3.000 e 5.500 km, inclusi, in modo cruciale,elemento militare del suo accordo di 25 anni con la Cina, come rivelato in esclusiva da OilPrice.com.