Scenari

Cosa pensano i big della distribuzione gas della decarbonizzazione

gas

I CEO delle società leader in Europa hanno incontrato Dominique Ristori, DG per l’Energia della Commissione Europea, per rimarcare il ruolo chiave di metano e biometano nel processo di decarbonizzazione dell’economia

Paolo Gallo, CEO di Italgas (Italia), Dan Pantilie, CEO di Distrigaz Sud Retele (Romania), Gabriel Sousa, CEO di Galp Gás Natural Distribuição (Portogallo), Edouard Sauvage, CEO di GRDF (Francia) e Nuria Rodriguez Peinado, CEO di Nedgia (Spagna) hanno incontrato a Bruxelles Dominique Ristori, Direttore Generale per l’Energia della Commissione Europea, per discutere di come il gas naturale e il biometano possono contribuire alla decarbonizzazione dell’economia europea.

I CINQUE CEO HANNO APPREZZATO LA STRATEGIA DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI A LUNGO TERMINE STABILITA DALL’UE

biometanoL’associazione GD4S (Gas Distributors for Sustainability) opera per una maggiore considerazione delle soluzioni tecniche innovative offerte dal gas naturale e dalle esistenti infrastrutture di distribuzione nell’ambito della strategia europea per la decarbonizzazione. I cinque CEO hanno apprezzato la strategia di riduzione delle emissioni a lungo termine stabilita dall’Ue e hanno ricordato che per garantire equilibrio e resilienza il mix energetico del futuro dovrà basarsi su diverse alternative, tra cui il gas.

I VANTAGGI DELLE RETI DI DISTRIBUZIONE

Le infrastrutture e le reti di distribuzione presentano infatti alcuni vantaggi fondamentali, tra i quali la capacità di immagazzinare un’enorme quantità di energia rinnovabile e riconsegnarla in occasione dei picchi di domanda giornalieri o stagionali; i 2 milioni di chilometri di rete esistenti, ovvero un’infrastruttura altamente efficiente e già pronta all’uso per mettere in collegamento tra loro i produttori locali di energia rinnovabile e i clienti di tutta Europa.

GD4S INVITA LA COMMISSIONE A PORRE ANCHE “IL GAS AL CENTRO DELLA SUA STRATEGIA”

Le reti di distribuzione del gas, proseguono le aziende, “sono dunque un patrimonio europeo unico già pienamente disponibile che, grazie al progressivo aumento della disponibilità di gas rinnovabile (biometano e P2G), possono essere utilmente impiegate per favorire il processo di decarbonizzazione dell’economia europea”. In questo contesto, il GD4S invita la Commissione a porre anche “il gas al centro della sua strategia, insieme all’energia elettrica, per combinarne efficacemente i vantaggi”.

IL GAS SOLUZIONE EFFICIENTE E ACCESSIBILE PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA

Ricordando il sostegno già espresso alla Ue per il raggiungimento degli obiettivi climatici e di efficienza energetica, i CEO hanno sottolineato come il gas “sia una soluzione efficiente e accessibile per la transizione energetica soprattutto nelle regioni economicamente più svantaggiate e che l’utilizzo di altre fonti di energia, caratterizzate da elevate emissioni di carbonio e da rendimenti inferiori, dovrebbe invece essere progressivamente ridotto per favorire il raggiungimento degli obiettivi energetici e climatici comunitari e quindi ritengono poco credibile la previsione di riduzione del consumo globale di gas contenuta in scenari di recente pubblicazione”. 

LE RICHIESTE CHIAVE DEI DISTRIBUTORI

Riguardo la revisione della Direttiva sul mercato interno del gas attesa nel 2020, i CEO hanno posto l’accento su alcune richieste-chiave per consentire ai gestori delle reti di distribuzione di partecipare alla costruzione di un network infrastrutturale sempre più sostenibile, diffuso e digitalizzato. In particolare “la creazione di uno specifico organismo Ue in rappresentanza dei distributori del gas naturale per garantire un’equa considerazione dei settori elettrico e gas nella costruzione del sistema di regole europeo, che lavori a stretto contatto con l’analogo organismo dei distributori di energia elettrica su temi quali la sicurezza informatica e il sector coupling”. Ma anche “l’introduzione al 2030 di obiettivi, vincolanti per la UE e indicativi per i singoli Stati membri, per l’immissione in consumo di gas rinnovabile, da associare a ulteriori obiettivi specifici per i settori del riscaldamento e condizionamento e dei trasporti, allo scopo di accelerarne lo sviluppo e il processo di trasformazione sostenibile della rete”. Infine, GD4S “crede nel potenziale del gas rinnovabile come soluzione chiave per il futuro del sistema energetico dell’UE e la sua decarbonizzazione”.