Efficienza energetica e innovazione

Covid, sprofonda l’efficienza energetica. Il report Aie

Aie

I progressi più deboli dell’efficienza energetica in un decennio minacciano gli obiettivi internazionali in materia di clima e rendono i prossimi tre anni un periodo critico per invertire questa preoccupante tendenza

Il ritmo già lento dei progressi globali in materia di efficienza energetica è destinato a rallentare ulteriormente quest’anno a causa degli impatti economici della crisi Covid-19, rendendo più complicata la sfida per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia di energia e clima e rendendo critica un’azione governativa più forte. È quanto emerge da nuovo rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia.

INTENSITA’ ENERGETICA GLOBALE DOVREBBE MIGLIORARE SOLO DELL’1% QUEST’ANNO

L’intensità energetica primaria globale – un indicatore chiave dell’efficienza con cui l’attività economica mondiale utilizza l’energia – dovrebbe migliorare quest’anno di meno dell’1%, il tasso più debole dal 2010, secondo Energy Efficiency 2020, l’ultima edizione dell’aggiornamento annuale dell’Aie sui trend dell’efficienza. Questo è ben al di sotto del livello di progresso necessario per raggiungere gli obiettivi condivisi a livello mondiale per affrontare il cambiamento climatico, ridurre l’inquinamento atmosferico e aumentare l’accesso all’energia.

IL CROLLO DEGLI INVESTIMENTI

Le tendenze deludenti sono aggravate dal crollo degli investimenti in edifici, attrezzature e veicoli efficienti dal punto di vista energetico in mezzo alla crisi economica innescata dalla pandemia, secondo il rapporto. Gli acquisti di nuove auto, più efficienti dei vecchi modelli, hanno subito un rallentamento, mentre la costruzione di nuove case e di altri edifici più efficienti dovrebbe rallentare. Nell’industria e negli edifici commerciali, i prezzi dell’energia più bassi hanno allungato i periodi di ammortamento delle misure chiave per l’efficienza fino al 40%, riducendo la loro attrattiva rispetto ad altri investimenti. Nel complesso, gli investimenti nell’efficienza energetica in tutto il mondo sono destinati a diminuire del 9% nel 2020.

BIROL: LA CARTINA DI TORNASOLE SARÀ LA QUANTITÀ DI RISORSE CHE DEDICHERANNO AD ESSA NEI LORO PACCHETTI DI RIPRESA ECONOMICA

“Insieme alle energie rinnovabili, l’efficienza energetica è uno dei pilastri degli sforzi globali per raggiungere gli obiettivi energetici e climatici. Anche se la nostra recente analisi mostra uno slancio incoraggiante per le energie rinnovabili, sono molto preoccupato che i miglioramenti nell’efficienza energetica globale siano ora al loro ritmo più lento da un decennio a questa parte – ha detto Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell’Aie -. Per i governi che sono seriamente intenzionati ad aumentare l’efficienza energetica, la cartina di tornasole sarà la quantità di risorse che dedicheranno ad essa nei loro pacchetti di ripresa economica, dove le misure di efficienza possono contribuire a guidare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro”.
(L’articolo integrale sull’Agenzia di Stampa di Energia Oltre)