Fact checking e fake news

Decreto Fer, arrivano i bandi del Gse

gse

Il periodo di apertura per le iscrizioni al bando del Gse è partito oggi alle 12 e si chiuderà improrogabilmente alla stessa ora del 30 ottobre 2019

Il Gse ha pubblicato i Bandi per la prima delle sette procedure di Registri e Aste previste dal DM 4 luglio 2019, il cosiddetto decreto Fer 1. Il periodo di apertura per le iscrizioni è partito oggi alle 12 e si chiuderà improrogabilmente alla stessa ora del 30 ottobre 2019, ha ricordato il Gestore dei servizi energetci, rammentando che le richieste dovranno essere trasmesse esclusivamente per via telematica, entro e non oltre il termine di chiusura, mediante l’applicazione informatica Portale FER-E, accessibile tutti i giorni 24 ore su 24, ad eccezione dei giorni di apertura e chiusura.

GLI IMPIANTI EOLICI ON-SHORE E FOTOVOLTAICI

rinnovabili termicheIl primo Bando pubblico riguarda l’iscrizione al Registro informatico del Gruppo A per impianti eolici on-shore e fotovoltaici, e prevede “un contingente di potenza pari a 45 MW, ferma restando l’eventuale riallocazione della potenza prevista dall’art. 20 del DM2019. In caso di avvenuta riallocazione, i nuovi contingenti saranno resi noti con la pubblicazione delle relative graduatorie”, ha precisato il Gse.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN SOSTITUZIONE DI COPERTURE ETERNIT O AMIANTO

Per l’iscrizione al Registro informatico del Gruppo A-2 per impianti fotovoltaici i cui moduli sono stati installati in sostituzione di coperture di edifici e fabbricati rurali su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto, “i soggetti Responsabili, all’atto dell’iscrizione al Registro, sono tenuti a corrispondere al Gse, a pena di esclusione dalla graduatoria, un contributo a copertura delle spese di istruttoria in funzione della potenza dell’impianto, pari a un importo di 100 euro, incrementato di: 80 euro per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW; 500 euro per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW; 1320 euro per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW; 2200 euro per gli impianti di potenza superiore a 5 MW”. L’art. 8.2 del DM2019 stabilisce, per gli impianti del Gruppo A-2 che prendono parte alla prima procedura, un contingente di potenza pari a 100 MW.

PER IMPIANTI IDROELETTRICI E A GAS RESIDUATI DEI PROCESSI DI DEPURAZIONE CONTINGENTE DI POTENZA DI 10 MW

Per l’iscrizione al Registro informatico del Gruppo B per impianti idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione, l’art. 8.2 del DM2019 stabilisce, un contingente di potenza “pari a 10 MW, ferma restando l’eventuale riallocazione della potenza prevista dall’art. 20 del DM2019”.

INTERVENTI DI RIFACIMENTO SUGLI IMPIANTI EOLICI ON-SHORE, IDROELETTRICI E A GAS RESIDUATI DEI PROCESSI DI DEPURAZIONE

Per l’iscrizione al Registro informatico del Gruppo C per gli interventi di rifacimento sugli impianti eolici on-shore, idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione, i Soggetti Responsabili, all’atto dell’iscrizione al Registro, “sono tenuti a corrispondere al Gse, a pena di esclusione dalla graduatoria, un contributo a copertura delle spese di istruttoria in funzione della potenza dell’impianto, pari a un importo di 100 euro, incrementato di: 80 euro per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW; 500 euro per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW; 1320 euro per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW; 2200 euro per gli impianti di potenza superiore a 5 MW”. L’art. 8.2 del DM 2019 stabilisce, per gli impianti del Gruppo C che prendono parte alla prima procedura, un contingente di potenza pari a 10 MW.

ASTA IMPIANTI EOLICI ON-SHORE E FOTOVOLTAICIrinnovabili

Anche per la procedura d’Asta del Gruppo A per impianti eolici on-shore e fotovoltaici, i Soggetti Responsabili, all’atto dell’iscrizione alla Procedura d’Asta, sono tenuti a corrispondere al Gse, un contributo a copertura delle spese di istruttoria di 100 €, incrementato di: 80 euro per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW; 500 euro per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW; 1320 euro per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW; 2200 euro per gli impianti di potenza superiore a 5 MW. L’art. 11.2 del DM2019 stabilisce, per gli impianti del Gruppo A che prendono parte alla prima procedura, un contingente di potenza pari a 500 MW.

ASTE PER IMPIANTI IDROELETTRICI E A GAS RESIDUATI DEI PROCESSI DI DEPURAZIONE

L’iscrizione alla Procedura d’Asta del Gruppo B per impianti idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione, prevede anche qui che i Soggetti Responsabili, all’atto dell’iscrizione alla Procedura d’Asta, siano tenuti a corrispondere al Gse, un contributo a copertura delle spese di istruttoria in funzione della potenza dell’impianto3,pari a un importo di 100 euro, incrementato di: 80 euro per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW; 500 euro per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW; 1320 euro per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW; 2200 euro per gli impianti di potenza superiore a 5 MW. L’art. 11.2 del DM2019 stabilisce, per gli impianti del Gruppo A che prendono parte alla prima procedura, un contingente di potenza pari a 5 MW.

ASTE PER GLI IMPIANTI EOLICI ON-SHORE, IDROELETTRICI E A GAS RESIDUATI DEI PROCESSI DI DEPURAZIONE

L’iscrizione alla Procedura d’Asta del Gruppo C per gli interventi di rifacimento totale e parziale di impianti eolici on-shore, idroelettrici e a gas residuati dei processi di depurazione. I Soggetti Responsabili, all’atto dell’iscrizione alla Procedura d’Asta, sono tenuti a corrispondere al GSE, a pena di esclusione dalla graduatoria, un contributo a copertura delle spese di istruttoria in funzione della potenza dell’impianto2,pari a un importo di 100 euro, incrementato di: 80 euro per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW; 500 euro per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW; 1320 euro per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW; 2200 euro per gli impianti di potenza superiore a 5 MW. L’art. 11.2 del DM2019 stabilisce, per gli impianti del Gruppo C che prendono parte alla prima procedura, un contingente di potenza pari a 60 MW.