skip to Main Content

Ecco come lo schema russo sul gas in rubli sta gasando la moneta dell’Armenia

Armenia

Banca Centrale Armena: “quando i visitatori internazionali spendono soldi nelle nostre strutture, questa è considerata una crescita delle esportazioni”

Con l’invasione russa dell’Ucraina che ha sconvolto le economie della regione, la moneta armena ha guadagnato molto valore. Dopo aver oscillato al suo tasso abituale di poco meno di 500 per dollaro, a metà marzo è scesa a circa 518 per dollaro, prima di salire a 450 lo scorso 4 maggio, un aumento del 15% in circa sei settimane. Le spiegazioni per l’ascesa del dram – questo il nome della valuta armena – sono diverse.
La Banca Centrale d’Armenia l’ha collegata all’afflusso di russi che sono venuti nel Paese per sfuggire alla repressione e alle sanzioni in patria.

“Abbiamo visitatori internazionali in Armenia. Quando queste persone spendono soldi nei nostri resort o ristoranti, è considerata una crescita delle esportazioni dal punto di vista della bilancia dei pagamenti nel nostro Paese”, ha affermato il direttore della banca, Martin Galstyan, in una conferenza stampa del 3 maggio. “Questa situazione ha portato al punto che abbiamo una progressiva crescita della valuta estera in termini di offerta alla domanda, che ha portato ad un rafforzamento del dram”.
Galstyan ha aggiunto che il futuro corso del dram dipenderà da quanto tempo i visitatori rimarranno in Armenia e da come lo trascorreranno.

LA QUESTIONE DEL PAGAMENTO DEL GAS RUSSO IN RUBLI

Un altro fattore: l’Armenia ha recentemente iniziato a pagare il gas naturale dalla Russia in rubli anziché in dollari, che era la pratica precedente. “L’Armenia era solita trasferire 35-40 milioni di dollari al mese in Russia per il solo gas naturale. Ora questo importo non viene trasferito in dollari”, ha spiegato l’economista Suren Parsyan.

Con i dollari in eccesso ora disponibili sul mercato locale, c’è meno domanda per il dollaro, a sostegno del valore del dram. “Inoltre l’attività economica in Armenia è rallentata e il potere d’acquisto delle persone è diminuito”, ha aggiunto Parsyan.

Parsyan ha affermato che la Banca centrale sembra non intervenire, vedendo una possibilità per domare l’inflazione. A maggio il cda della banca si è riunito e ha deciso di mantenere invariato il tasso di rifinanziamento al 9,25%. “Potrebbero ridurre il tasso di rifinanziamento o acquistare dollari dal mercato e riportare il tasso di cambio a quello di prima, ma la banca non vuole farlo poiché si tradurrebbe in una maggiore inflazione”, ha spiegato l’economista.

L’inflazione core finora nel 2022 è stata del 7,4%, dopo aver toccato il 7,7% nel 2021. Un aumento del dram dovrebbe aiutare a rendere le importazioni meno costose, sebbene possa danneggiare gli esportatori.
“Dal punto di vista dell’inflazione, l’aumento del dram è un fenomeno positivo perché attenua la situazione”, ha commentato Narek Karapetyan, economista del think tank Amberd, nella capitale Yerevan. “Tuttavia, non possiamo sentire subito l’impatto”. Galstyan ha affermato che l’inflazione dovrebbe scendere al 4% “nel medio termine”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore