Scenari

Ecco perché lo streaming fa male al clima

Pniec

L’utilizzo della rete, i data center, l’IoT, il bisogno di energia per alimentare i dispostivi stanno aumentando le emissioni in atmosfera danneggiando il clima

L’uso di video in streaming è cresciuto in modo esponenziale in tutto il mondo, anche per via del coronavirus che ha costretto molti a rimanere inchiodati a casa. Non è un caso che l’industria del live streaming ha registrato una crescita di quasi il 100% al culmine della pandemia, con gli spettatori che hanno consumato 3,93 miliardi di ore di contenuti ad aprile 2020 rispetto alle 1,97 miliardi di ore dell’aprile 2019. La rapida crescita di questi servizi è stata spesso collegata a un maggiore utilizzo di energia e a un aumento delle emissioni di carbonio dei data center, dall’infrastruttura di rete e dai dispositivi degli utenti, con il principale responsabile indicato nel re dello streaming video, Netflix.

Secondo quanto riportano diversi siti come il New York Post, CBC, DW, Yahoo, Gizmodo, BigThink e Phys.org guardare 30 minuti di Netflix genera tanto emissioni di carbonio – 1,6 kg di CO2 – quanto guidare per quasi 6 chilometri.

Tuttavia, si legge su Oilprice “contrariamente a quanto riportato dai media l’impatto sul clima delle abbuffate su Netflix e altre piattaforme di streaming video è in realtà relativamente modesto, sebbene Internet nel complesso stia giocando un ruolo significativo nell’uccidere il nostro pianeta”.

L’IMPATTO CRESCENTE DELLO STREAMING SUL CLIMA

Nel luglio 2019, il progetto Shift, un think tank francese, ha pubblicato un rapporto intitolato “Unsustainable and Growing Impact”. Il rapporto affermava che lo streaming video era responsabile di oltre 300 milioni di tonnellate di CO2 (MtCO2) nel 2018, più o meno equivalenti al profilo delle emissioni della Francia. Ciò implicava che un’ora di Netflix consumava circa 6,1 kilowattora (kWh) di elettricità, sufficiente per guidare una Tesla Model S per più di 30 km, far bollire un bollitore una volta al giorno per quasi tre mesi o alimentare costantemente una lampadina a LED per un mese.

Lo studio concludeva affermando che le tecnologie digitali ora emettono il 4% delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) con una percentuale che cresce con uno scatto annuale del 9%.

Tuttavia, lo scorso anno il progetto Shift ha pubblicato un articolo di follow-up per correggere un errore di conversione bit / byte, che ha rivisto al ribasso le emissioni di CO2 rilasciate guardando mezz’ora di Netflix di un fattore da 8 a 0,2 kg da 1,6 kg per mezz’ora. La cifra rivista è in realtà la stessa di quella di uno studio peer-reviewed del 2014 che stimava le emissioni di 0,4 kg di CO2 all’ora.

“Tuttavia, quella cifra potrebbe essere ancora troppo alta. Con i 182 milioni di abbonati di Netflix che guardano una media di due ore di video al giorno, la cifra del progetto Shift implica che lo streaming di Netflix consuma circa 102 terawatt-ora (TWh) all’anno, circa 227 volte più delle cifre riportate da Netflix ( 0,45 TWh nel 2019 )”, sottolinea Oilprice.

Le cifre esagerate dello Shift Project possono essere attribuite a diversi fattori. Prima di tutto, “il thinktank ha sovrastimato il bitrate ipotizzando una cifra di 24 megabit al secondo (Mbps), equivalente a 10,8 gigabyte (GB) all’ora. Ciò è 6 volte superiore al bitrate medio globale di 4,1 Mbps o 1,9 GB / h riportato da Netflix nel 2019. La velocità di trasferimento per i video clock ad alta definizione è di 3 GB / h mentre la definizione ultra-alta (UHD) consumerà 7 GB / hr, parecchio ma considerevolmente inferiore alla stima di Shift Project”.

In secondo luogo, il progetto Shift sovrastima l’intensità energetica delle reti di distribuzione di contenuti (CDN) e dei data center “di un fattore di circa 35 volte rispetto ai dati derivati dai dati sul consumo di elettricità di Netflix del 2019 e sovrastima anche l’intensità energetica delle reti di trasmissione dati di circa 50 volte”.

L’efficienza energetica dei data center e delle reti di trasmissione dati è in realtà raddoppiata ogni due anni, “il che implica che l’impronta di carbonio dei data center è una frazione di quella che era 5 o 6 anni fa”.

Nel loro insieme, l’Aie stima che “lo streaming di un video Netflix consuma solo 0,077 kWh di elettricità all’ora, circa 80 volte in meno rispetto alla stima originale del progetto Shift”.

INTERNET STA UCCIDENDO IL PIANETA?

Nonostante ciò lo streaming, o internet più in generale, sono responsabili di una grossa fetta delle nostre emissioni globali di gas serra e quindi del cambiamento del clima. “In effetti, entro il 2025, potrebbe essere responsabile di un incredibile 20% del consumo globale di elettricità e fino al 5,5% di tutte le emissioni di carbonio”, si legge su Oilprice che evidenzia lo spauracchio dell’Internet of Things (IoT) e di tutto ciò che deve alimentare in termini di dati che “potrebbero aumentare le emissioni globali del 3,5% entro il 2020 e fino al 14% entro il 2040”.

In un aggiornamento di uno studio peer-reviewed del 2016, il ricercatore svedese Anders Andrae ha affermato che è probabile che la domanda di energia del settore ICT aumenti da 200-300 terawattora (TWh) di elettricità all’anno nel 2017 a 1.200-3.000 TWh entro il 2025. I data center da soli potrebbero emettere 1,9 gigatonnellate (Gt) di emissioni di carbonio, ovvero il 3,2% del totale globale.

Non solo. The Next Web ha riferito che c’erano 4,4 miliardi di utenti Internet in tutto il mondo all’inizio dell’anno, un aumento del 9% su base annua. L’India ha registrato la maggiore crescita di utenti Internet con 97,8 milioni, con Cina e Stati Uniti che hanno ottenuto il secondo e il terzo posto con 50,7 milioni e 25,4 milioni di utenti aggiuntivi, rispettivamente.

CONSUMO DI ENERGIA TRAMITE INTERNET TRIPLICHERA’ (CON EFFETTI SUL CLIMA)

I ricercatori statunitensi ora prevedono che il consumo di energia di Internet triplicherà nei prossimi cinque anni, poiché un miliardo di persone in più nei paesi in via di sviluppo si collegherà a Internet mentre IoT, robot, auto senza conducente, intelligenza artificiale e videosorveglianza cresceranno in modo esponenziale nei paesi ricchi.

Secondo le stime attuali, Internet consuma circa il 3-5% della produzione mondiale di elettricità, che arriva a 1.068 Twh.