Advertisement
skip to Main Content

Energia: L’Italia aderisce a proposta Aie contro caro prezzi: sul mercato 277mila tonnellate di greggio

Petrolio

I membri dell’AIE detengono scorte di emergenza per 1,5 miliardi di barili. L’annuncio di un rilascio iniziale di 60 milioni di barili, il 4% di queste scorte

Il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha dato il via libera all’adesione dell’Italia alla proposta, su base volontaria, di rilascio coordinato di una quota delle proprie scorte petrolifere promossa dall’IEA, l’Agenzia internazionale dell’Energia, con un contributo di 2,041 milioni di barili – pari a 68,7 barili al giorno per 30 giorni – con l’obiettivo di ridurre il picco di prezzi a cui stiamo assistendo a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

SUL MERCATO 277MILA TONNELLATE DI GREGGIO

Per l’Italia si tratta di circa 277mila tonnellate di greggio che comprendono, oltre alla quantità standard stabilita, anche un ulteriore +25% a copertura della quota di quei paesi che non hanno aderito.

La decisione arriva a conclusione della riunione straordinaria della IEA di cui l’Italia fa parte insieme ad altri 30 paesi. Parte dei 60 milioni totali di barili messi a disposizione potrà essere indirizzata verso l’Ucraina come aiuto concreto anche sul fronte energetico.

I TEDESCHI IERI HANNO IMMESSO SUL MERCATO 434MILA TONNELLATE DI PETROLIO

Sempre ieri anche il governo tedesco aveva aderito rilasciando sul mercato 434mila tonnellate della sua riserva nazionale di petrolio per, all’incirca, una quota del 5,4% nell’ambito degli accordi AIE che prevedono l’immissione sul mercato di 60 milioni di barili di riserve petrolifere per compensare le interruzioni delle forniture a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

LA DECISIONE DI AIE:60 MLN DI BARILI DI RISERVE PER MANDARE UN MESSAGGIO AI MERCATI

I 31 paesi membri del consiglio direttivo dell’Agenzia internazionale dell’energia hanno infatti deciso nei giorni scorsi di immettere 60 milioni di barili di petrolio dalle loro riserve di emergenza per inviare un messaggio forte e univoco ai mercati mondiali del petrolio che non ci saranno carenze di approvvigionamento a seguito dell’invasione della Russia in Ucraina.

A QUANTO AMMONTANO LE SCORTE DI EMERGENZA DEI MEMBRI DELL’AIE

I membri dell’AIE detengono scorte di emergenza per 1,5 miliardi di barili. L’annuncio di un rilascio iniziale di 60 milioni di barili, il 4% di queste scorte, è equivalente a 2 milioni di barili al giorno per 30 giorni. Il prelievo coordinato è il quarto nella storia dell’AIE, che è stata creata nel 1974. Le precedenti azioni collettive sono state prese nel 2011, 2005 e 1991.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore