Sostenibilità

Ets, via dal mercato quasi 400 milioni di quote di emissione

Lo ha deciso la Commissione europea nell’ambito del meccanismo di stabilità

Il numero complessivo di quote Ets in circolazione ammonta a 1.654.909.824. Lo ha comunicato in settimana la Commissione europea precisando che a partire dal 1 settembre 2019 al 31 agosto 2020 saranno trasferite nella Riserva di stabilizzazione del mercato (Msr) 397.178.358 quote, pari al 24% del numero totale di quote in circolazione.

LA SOGLIA MASSIMA È ATTUALMENTE FISSATA A 833 MILIONI DI QUOTE

carbonioIl numero totale delle quote in circolazione svolge un ruolo importante per il funzionamento della riserva per la stabilità del mercato (MSR) del sistema comunitario di scambio delle quote di emissione (ETS), che è entrato in funzione nel gennaio 2019. Questo indicatore mostra in modo trasparente e prevedibile l’eccedenza di quote in circolazione; finché il suo livello supera la soglia stabilita dalla legislazione, pari a 833 milioni di quote, le quote sono collocate ogni anno nella riserva. Il meccanismo consente di collocare in riserva o liberare dalla riserva quote, aumentando o diminuendo il quantitativo futuro di quote messe all’asta dagli Stati membri.

NEL PROSSIMO DECENNIO RADDOPPIERÀ IL NUMERO DELLE QUOTE

La direttiva ETS riveduta, che definisce l’architettura del sistema ETS comunitario per il prossimo decennio, prevede di raddoppiare il tasso di iscrizione delle quote nella riserva tra il 2019 e il 2023. La prossima pubblicazione del numero totale di quote in circolazione avverrà entro il 15 maggio 2020 per determinare le alimentazioni di riserva per il resto del 2020 e i primi otto mesi del 2021, ossia dal 1° settembre 2020 al 31 agosto 2021.