Scenari

Exxon Mobil, Chevron, Shell, BP e Total: ecco le strategie post pandemia

ExxonMobil

Tutte insieme Exxon Mobil, Chevron, Shell, BP e Total hanno svalutato quasi 50 miliardi di dollari di valore dei loro asset petroliferi e del gas a causa del crollo della domanda nel secondo trimestre dovuto alla pandemia di Covid-19.

In uno dei trimestri più impegnativi di sempre per l’industria petrolifera, le cinque più grandi compagnie petrolifere del mondo – ExxonMobil, Chevron, Shell, BP e Total – hanno svalutato quasi 50 miliardi di dollari di valore dei loro asset petroliferi e del gas. Tutto ciò mentre i prezzi delle materie prime crollavano e per alcuni di loro si procedeva a uno strategico azzeramento delle aspettative sul futuro dei prezzi del petrolio.

TAGLI A INVESTIMENTI E PRODUZIONE

Non solo. Le cinque compagnie petrolifere internazionali hanno anche ridotto i piani di spesa in conto capitale (capex) e la loro produzione di petrolio e gas a causa del crollo della domanda nel secondo trimestre dovuto alla pandemia di Covid-19.

Tutte le major – con l’eccezione di Exxon – hanno ricalibrato, infatti, il valore delle loro attività nel settore petrolifero e del gas nel secondo trimestre per via dei bassi prezzi del petrolio e delle aspettative di una domanda depressa che dovrebbe continuare anche nei prossimi trimestri. Da un estremo all’altro, la Exxon non ha registrato alcuna grossa svalutazione nell’ultimo trimestre e ha mantenuto il suo dividendo. All’altro estremo la BP non solo ha dimezzato il suo dividendo e ha contabilizzato miliardi di dollari di svalutazioni, ma ha anche annunciato un cambiamento strategico per tagliare la sua produzione di petrolio del 40% e decuplicare gli investimenti in energia a basse emissioni di carbonio entro un decennio.

GLI INTERVENTI DI EXXON

Conti alla mano, Exxon ha riportato la seconda perdita trimestrale consecutiva, che è stata la peggiore perdita della sua storia moderna. La compagnia ha comunque ribadito l’impegno al pagamento dei dividendi, valutando le sue attività paese per paese dopo aver individuato “un significativo potenziale di ulteriori riduzioni”.

Una settimana dopo la pubblicazione dei risultati, Exxon ha dichiarato in un documento della SEC che i bassi prezzi del petrolio potrebbero portare a riduzioni del 20% delle sue riserve comprovate alla fine del 2020, rispetto ai 22,4 miliardi di barili equivalenti al petrolio registrati alla fine del 2019.

“Se i prezzi medi visti finora nel 2020 persisteranno per il resto dell’anno, secondo la definizione SEC di riserve comprovate, alcune quantità di petrolio, bitume e gas naturale non si qualificheranno come riserve comprovate a fine anno 2020”, ha detto Exxon.

COSA FA LA CHEVRON

A differenza della Exxon, l’altra supermajor statunitense, la Chevron, ha registrato svalutazioni per un totale di 5 miliardi di dollari dopo aver registrato i peggiori risultati trimestrali degli ultimi tre decenni. Gli oneri della Chevron includono 1,8 miliardi di dollari, per lo più associati a revisioni al ribasso delle prospettive dei prezzi delle materie prime, la svalutazione completa dell’investimento di 2,6 miliardi di dollari in Venezuela, e un onere di 780 milioni di dollari dovuto alle indennità di licenziamento, in quanto prevede di tagliare il 13%, ovvero circa 6.000 posti di lavoro, della sua forza lavoro.

LE STRATEGIE DI SHELL E TOTAL

Dall’altra parte dell’Atlantico, le major europee Shell e Total sono riuscite ad evitare perdite grazie alle loro attività di trading petrolifero che hanno attutito il colpo dei bassi prezzi del petrolio.

Tuttavia, sia Shell che Total hanno anche contabilizzato le perdite legate alla revisione delle prospettive del prezzo del petrolio. Shell ha contabilizzato una svalutazione di 16,8 miliardi di dollari al netto delle imposte mentre rivedeva le sue ipotesi di prezzo e i fondamentali di mercato. Total ha contabilizzato svalutazioni per 8,1 miliardi di dollari – di cui 7 miliardi nelle sabbie bituminose del Canada – per aver ridotto le sue aspettative di prezzo a breve termine.
“Oltre il 2030, visti gli sviluppi tecnologici, in particolare nel settore dei trasporti, Total prevede che la domanda di petrolio avrà raggiunto il suo picco e i prezzi del Brent dovrebbero tendere verso il prezzo a lungo termine di 50 dollari al barile, in linea con lo scenario IEA SDS”, ha detto Total.

LA SITUAZIONE DIVIDENDI

Total, tuttavia, ha mantenuto intatto il suo dividendo, diventando l’unico major europeo a non aver finora fatto ricorso a tagli di dividendo quest’anno. Equinor e Shell hanno tagliato i dividendi già a fine aprile e inizio maggio, mentre Eni e BP hanno annunciato tagli di dividendi con i risultati del secondo trimestre nelle ultime due settimane.

LA SCELTA DI BP

Bp ha dimezzato il suo dividendo, riducendo il pagamento agli azionisti per la prima volta dal disastro della Deepwater Horizon nel 2010. Il taglio non è stato una sorpresa essendo ampiamente atteso dagli analisti. Lo è stato invece l’impegno di Bp a ridurre la sua produzione di petrolio e gas del 40% entro il 2030 come parte della sua strategia di trasformare se stessa da una International Oil Company (IOC) a una Integrated Energy Company (IEC).
BP si era impegnata a diventare un’impresa energetica a zero emissioni entro il 2050 all’inizio di febbraio, prima che la pandemia COVID-19 dilagasse in tutto il mondo.

Commentando la strategia di BP svelata la scorsa settimana, Luke Parker, Wood Mackenzie Vice President, Corporate Analysis, ha dichiarato: “Se c’è mai stato un momento in cui resettare tutto è stato questo. Diversi fattori sono confluiti per renderlo possibile: il coronavirus e tutto ciò che ne consegue; il perno strategico verso lo zero netto delle emissioni all’orizzonte; il reset dei dividendi della Shell; una nuova leadership con il credito in banca. Il nostro punto di vista è che la BP ha preso una linea di condotta prudente”.