skip to Main Content

FMI: “L’Italia deve sostenere sicurezza energetica e impegni per il clima”

Carbone

“L’attuazione completa e tempestiva del PNRR è fondamentale per aumentare la produttività e il potenziale di crescita”

Dopo la notevole ripresa dallo shock della pandemia Covid, l’economia italiana ora si trova ad affrontare i i venti contrari della guerra in Ucraina e dell’aumento dell’inflazione. Nonostante i segnali di resilienza, la crescita dovrebbe rallentare al di sotto della linea di base, con rischi al ribasso. Le misure di compensazione dovrebbero proteggere i soggetti vulnerabili, preservando i segnali di prezzo. Lo si legge sul sito del Fondo Monetario Internazionale.

Un aggiustamento basato sulla spesa potrebbe portare ad un miglioramento significativo ma graduale del saldo di bilancio e del debito pubblico. Le banche hanno resistito bene alla crisi pandemica, ma è giustificato un approccio cauto al capitale.

L’IMPORTANZA DEL PNRR PER L’ECONOMIA ITALIANA

Una forte riduzione dell’approvvigionamento energetico richiederà misure globali di sostegno alla liquidità e al reddito, ma la scala dovrebbe riflettere il margine di manovra più limitato per le politiche.
La realizzazione degli investimenti e delle riforme del PNRR sosterrà la produttività e la crescita potenziale e accelererà la transizione verde.

L’economia italiana ha ottenuto un’impressionante ripresa dallo shock pandemico, tornando vicino al livello di produzione pre-Covid entro la fine del 2021. Anche l’occupazione è rimbalzata e il mercato del lavoro si sta rafforzando. Ciò riflette il successo della campagna di vaccinazione e delle politiche per isolare i redditi e i profitti delle famiglie e delle imprese, evitando così significative ferite economiche.

Come i suoi partner dell’Unione Europea, adesso l’Italia si trova ad affrontare nuove grandi sfide economiche. La guerra in Ucraina e le interruzioni delle catene di approvvigionamento globali legate al Covid hanno spinto al rialzo i prezzi dell’energia ed intensificato la carenza di prodotti chiave.

L’Italia potrebbe essere colpita a causa della sua elevata dipendenza dall’energia importata dalla Russia.
I rendimenti dei titoli di Stato di recente sono aumentati e gli spread si sono allargati a causa delle aspettative di una più rapida normalizzazione della politica monetaria e delle preoccupazioni per l’alto debito pubblico italiano, a causa del rallentamento della crescita. Ciononostante, la crescita quest’anno finora sta mostrando segni di resilienza.

“ITALIA DEVE SOSTENERE SICUREZZA ENERGETICA E IMPEGNI PER IL CLIMA”

L’Italia ha compiuto progressi lodevoli nella riduzione delle emissioni di carbonio, ma sono necessari degli sforzi di rinvigorimento per sostenere la sicurezza energetica e gli impegni per il clima.

Una notevole riduzione delle emissioni di carbonio è stata ottenuta nei settori dell’energia e manifatturiero, soggetti al sistema di scambio di quote di emissione dell’UE, mentre la riduzione delle emissioni nei trasporti riflette le accise elevate sui carburanti.

Tuttavia, i progressi in altri settori – in particolare nel residenziale – sono limitati ed è necessaria una forte accelerazione per raggiungere gli obiettivi Fit-for-55. Investimenti molto maggiori nelle energie rinnovabili, in particolare da parte del settore privato, sono fondamentali per un settore dell’elettricità più verde e più autosufficiente, che faciliterebbe anche la riduzione delle emissioni di CO2 nei settori dell’edilizia e dei trasporti attraverso una maggiore elettrificazione.

Le recenti misure volte a semplificare le approvazioni di nuova capacità rinnovabile – inclusa l’identificazione ex ante di siti idonei in tutto il Paese – stanno dando risultati positivi. Anche i prezzi dei combustibili fossili meno volatili, supportati da un prezzo minimo del carbonio in graduale aumento, potranno incoraggiare gli investimenti.

È necessario migliorare il rapporto qualità-prezzo del programma Superbonus per l’edilizia abitativa, poiché i miglioramenti dell’efficienza energetica sono scarsamente mirati e il tasso di sovvenzione è eccessivo, nonostante le riduzioni pianificate nel tempo.

L’attuazione completa e tempestiva del PNRR è fondamentale per aumentare la produttività e il potenziale di crescita. Portare a termine le riforme e gli investimenti ridurrà i possibili effetti della crisi energetica, sosterrà la transizione verde e migliorerà la capacità dell’economia di adeguarsi alle variazioni dei prezzi relativi.

L’anticipo delle riforme – in particolare nella pubblica amministrazione, nella semplificazione delle procedure, nella giustizia civile e nella concorrenza – nel PNRR è volto a sostenere l’efficiente esecuzione degli investimenti pubblici previsti per la seconda metà del periodo del Piano.

Pertanto, il completamento con successo delle riforme in corso è fondamentale per migliorare la qualità delle infrastrutture pubbliche e l’efficienza dell’utilizzo delle risorse.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore