Territori

Il Turkmenistan soddisfatto dell’interesse Ue sul gasdotto del Caspio

m5s

Il progetto prevede la fornitura di risorse turkmene al mercato europeo per 30 miliardi di metri cubi di gas all’anno per almeno 30 anni

Il Turkmenistan ha accolto con favore il grande interesse mostrato dall’Unione europea riguardante la realizzazione del gasdotto transcaspico e la fornitura di gas naturale turkmeno al mercato europeo. Almeno secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa statale Turkmen Dovlet Khabarlary.

I RECENTI NEGOZIATI TRA UE E TURKMENISTAN HANNO RIGUARDATO IN GRAN PARTE PROPRIO IL SETTORE ENERGETICO

turkstreamLa questione è stata affrontata durante i recenti negoziati a Bruxelles. Le parti hanno discusso di cooperazione tra Turkmenistan e Ue nel settore energetico, di modernizzazione del quadro giuridico riguardante il partenariato e l’attuazione del progetto di costruzione del gasdotto transcaspico. La delegazione del Turkmenistan era rappresentata dal vice primo ministro degli Esteri Rashid Meredov, che ha tenuto una serie di incontri, in particolare con il vicepresidente della Commissione europea per l’energia Maros Sefcovic, nonché una riunione di lavoro con i rappresentanti della Direzione generale energia Ue. Nel corso dell’incontro sono stati toccati anche una serie di temi che vanno dell’ulteriore miglioramento delle attività della Caspian Development Corporation (CDC), alla continuazione dei negoziati del gruppo di lavoro sull’attuazione del Trans Caspian Pipeline, comprese le questioni economiche, ambientali e commerciali.

DISPONIBILITÀ A CONTRIBUIRE AD ATTRARRE INVESTIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DEL TRANS CASPIAN PIPELINE

Il presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov è stato informato dei risultati del viaggio durante una conferenza telefonica. I partecipanti ai negoziati dell’Unione Europea hanno espresso la loro disponibilità a contribuire ad attrarre investimenti per la realizzazione di questo importante progetto energetico che, come ha rilevato il capo di Stato, non soddisfa solo gli obiettivi nazionali, ma mira anche a rafforzare la sicurezza energetica del Continente europeo. Grazie all’adozione della Convenzione sullo status del Mar Caspio, è stato creato, inoltre il quadro giuridico necessario per la posa del gasdotto attraverso il Mar Caspio.

FORNITURE TURKMENE AL MERCATO EUROPEO PER 30 MILIARDI DI METRI CUBI DI GAS L’ANNO PER ALMENO 30 ANNI

Il progetto del gasdotto transcaspico prevede la fornitura di risorse energetiche turkmene al mercato europeo per 30 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno per almeno 30 anni con il suo trasferimento dalle coste turkmene del Mar Caspio. Il Turkmenistan ha tutte le carte in regola per realizzare grandi progetti energetici. Le infrastrutture necessarie, compreso il gasdotto interno est-ovest, che prevede trasferimenti di gas dal Turkmenistan orientale alle regioni occidentali e viceversa, sono state create nel paese proprio a questo scopo. I negoziati per la fornitura di gas del Turkmenistan all’Europa sono in corso dal 2011. Mentre il corridoio meridionale del gas, che comprende il progetto transcaspico, rimane una priorità per l’Ue. L’intero progetto nasce nel maggio del 2015, con la firma della dichiarazione di Ashgabat sull’energia da parte dei ministri dell’energia di Azerbaigian, Turchia, Turkmenistan e dal commissario Ue Sefcovic. Il progetto prevede la posa di un tubo di 300 km lungo il fondo del Mar Caspio fino alle coste dell’Azerbaigian, per agganciarsi alla rete turca ed europea.