Scenari

Gas: nel Permiano possibile produzione record shale nel 2021

gas

A livello globale, la combustione del gas naturale è aumentata a 150 miliardi di metri cubi l’anno scorso, con un incremento del 3% rispetto all’anno precedente

La pandemia ha ridotto la produzione di gas nel bacino permiano ma il bacino stesso potrebbe tornare a livelli di produzione di gas record entro la fine del 2021. Ed entro il 2023, il tasso di flaring del gas potrebbe aumentare in modo sostanziale. Secondo Rystad Energy, a partire dall’anno prossimo, l’attività di perforazione inizierà a riprendere nel ricco bacino non convenzionale americano, soprattutto se si suppone che il WTI rimanga al di sopra dei 45 dollari al barile. E naturalmente, l’aumento delle perforazioni porterà ad una maggiore produzione di gas.

L’ANALISI RYSTAD

Rystad prevede che la produzione di gas continuerà ad aumentare, raggiungendo i 16 miliardi di piedi cubi al giorno (bcf/d) entro il 2023, che è di circa 2 bcf/d al di sotto delle precedenti previsioni dell’azienda di quest’anno.

Tuttavia, la crisi del mercato ha anche ritardato gli investimenti in nuovi gasdotti, ha sottolineato Rystad, come il Pecos Trail e il Permian to Katy. L’azienda ha anche affermato che è improbabile che il gasdotto Driftwood LNG di Tellurian e il gasdotto che lo accompagna si muovano in avanti nel breve termine.

Questi elementi insieme, in assenza di nuovi gasdotti, ipotizza Rystad Energy, potrebbe portare a incrementare il gas flaring. “Si può concludere che con un prezzo del WTI a 45-50 dollari, ci sarà bisogno di nuovi progetti di gas per l’esportazione nel Permiano già nel 2023-2024 – ha detto in un comunicato il responsabile della ricerca sugli shale di Rystad Energy, Artem Abramov -. Se questi progetti non saranno approvati abbastanza presto, il bacino potrebbe finire in un periodo di ‘degrado dei differenziali locali’ e con un potenziale aumento del flaring del gas”. Rystad ha aggiunto che è “altamente probabile” che nuovi gasdotti verranno approvati ma in ritardo rispetto alle necessità.

IL PROBLEMA DEL FLARING

Il problema del flaring è il risultato del fatto che i regolatori del Texas hanno deciso che tale pratica è preferibile all’imposizione di restrizioni che potrebbero influenzare i livelli di produzione di petrolio. La Texas Railroad Commission ha dato il via libera a più di 27.000 permessi di flaring e non ne ha negato uno da anni.

Non tutto il gas che esce dal terreno viene comunque bruciato. Gran parte di esso fuoriesce liberamente, tanto che le emissioni di metano rappresentano un problema in quasi tutte le fasi del processo, dall’estrazione alla lavorazione e alla spedizione. Una recente indagine del Fondo per la difesa dell’ambiente ha rilevato che un flare su 10 non funziona bene o non è acceso.

IN TEXAS CAMBIAMENTI IN ARRIVO

La pressione è aumentata sull’RRC, la commissione sul flaring texana, che recentemente ha annunciato un inasprimento dei limiti in autunno. Tra le possibili proposte si prevede una riduzione del tempo che una perforatrice è autorizzata a svasare a 90 giorni a partire da 180 giorni, anche se la domanda è se sarà facile o meno ottenere estensioni.

I NUMERI A LIVELLO GLOBALE

A livello globale, la combustione del gas naturale è aumentata a 150 miliardi di metri cubi l’anno scorso, con un incremento del 3% rispetto all’anno precedente. Secondo un nuovo rapporto della Banca Mondiale, il totale del 2019 è stato il più importante a livello quantitativo degli ultimi dieci anni. Gli Stati Uniti hanno rappresentato il 23 per cento dell’aumento, seguiti dal Venezuela (+16 per cento) e dalla Russia (+9 per cento). In termini assoluti, i primi quattro paesi per il flaring sono Russia, Iraq, Stati Uniti e Iran, che insieme rappresentano il 45 per cento del totale.

I DATI SATELLITARI

Tuttavia, la tecnologia satellitare sta migliorando, consentendo per la prima volta agli analisti di avere un quadro più chiaro delle emissioni di metano. La società di consulenza energetica Kayrros sta utilizzando i dati dell’Agenzia Spaziale Europea per rilevare automaticamente le fuoriuscite di metano. L’azienda ha rilevato 790 grandi emissioni di metano l’anno scorso, una cifra che è probabilmente prudente dato che le nuvole e altri ostacoli impediscono una contabilità completa. Kayrros ha affermato che 686 punti di emissione di metano possono essere attribuiti a specifici impianti di produzione di petrolio e gas e oleodotti.

Bloomberg Green ha riferito che anche altre aziende stanno usando gli stessi dati satellitari per trovare le principali perdite di metano, come quella in Turkmenistan l’anno scorso. “Questa capacità significa che non abbiamo più bisogno di combattere il cambiamento climatico ad occhi chiusi”, ha detto a Bloomberg Green Yotam Ariel, il fondatore di Bluefield Technologies.

Diverse major petrolifere hanno promesso di ridurre il flaring e le emissioni di metano, ma ci sono poche prove che suggeriscono che ci si possa fidare degli impegni volontari, o che gli impegni individuali possono risolvere un problema a livello di settore.