Sostenibilità

Geotermia, incentivi in arrivo con il Dm Fer 2

Croazia

La risposta sull’incentivazione alla geotermia è arrivata dal sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico Alessandra Todde a un’interrogazione del Pd

Con il DM Fer 2 arriveranno gli incentivi per la Geotermia anche per gli impianti con assetto tradizionale, purché migliorino le prestazioni ambientali. Il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico Alessandra Todde ha chiarito così, in una risposta scritta a un’interrogazione del Pd alla Camera, la posizione del governo sulla geotermia.

IL GOVERNO INTENDE SOSTENERE LA PRODUZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI INNOVATIVE

“Gli interroganti rilevano che il decreto cosiddetto Fer1 (DM 4 luglio 2019) non contiene incentivi per l’elettricità da geotermia. A riguardo, preliminarmente, vorrei rassicurare che il Governo intende con il cd DM Fer2 sostenere la produzione elettrica da fonti rinnovabili innovative, tra cui la geotermia – ha ammesso la Todde -. L’intendimento di trattare la geotermia in tale secondo decreto deriva dal fatto che il DM Fer1 tratta solo di incentivazione alle fonti e tecnologie più mature”.

TIPOLOGIE DI IMPIANTO PIÙ ADATTE AD ESSERE TRATTATE NEL DM FER2

Per quanto riguarda la geotermia, infatti, ha ricordato la sottosegretaria, sono attualmente possibili, in relazione alle caratteristiche del campo geotermico, due tipologie di impianto: Impianti aventi un assetto riconducibile a quello degli impianti già operativi; Impianti con totale re-iniezione dei fluidi. “Si è ritenuto, pertanto, che entrambi tali tipologie di impianto siano più adatte ad essere trattate nel DM Fer2 – ha precisato -. Gli impianti con totale reiniezione dei fluidi sono ancora in fase di sviluppo, come è evidente alla luce della circostanza che in Italia non vi è ancora alcun impianto del genere in esercizio”.

CONSAPEVOLI DELLE POTENZIALITÀ DI QUESTA TECNOLOGIA E DELL’INTERESSE DI DIVERSI OPERATORI

“Il Governo, poiché gli operatori interessati hanno segnalato difficoltà e rallentamenti delle procedure di autorizzazione menzionate alla costruzione degli impianti citati, sollecitando una proroga del termine di entrata in esercizio, ha valutato favorevolmente la norma di proroga di 24 mesi – ha ammesso la Todde -. Per tali impianti, dunque, si è in attesa che maturino le condizioni per l’autorizzazione e che si proceda alle prime realizzazioni. Si è tuttavia consapevoli delle potenzialità di questa tecnologia e dell’interesse di diversi operatori, e pertanto, si è orientati a sostenerli, con il DM Fer2”.

CON IL DM FER2 SI PROMUOVERANNO ANCHE IMPIANTI GEOTERMICI CON CONFIGURAZIONE RICONDUCIBILE AGLI IMPIANTI IN ESERCIZIO

Anche per gli impianti geotermici aventi un assetto riconducibile a quello degli impianti già ad oggi operativi, “ribadisco che l’intendimento è quello di sostenerli con il successivo DM Fer2, tuttavia, con una spinta volta a migliorarne le prestazioni ambientali – ha spiegato il sottosegretario -. A questo fine, negli ultimi mesi si è svolto, da un lato, un confronto con operatori ed esperti del settore, e dall’altro si è avviato un dialogo con la regione Toscana e i Comuni interessati. In esito a tali confronti, si è convenuto che con il DM Fer2 si promuoverà anche la realizzazione di impianti geotermici con configurazione riconducibile agli impianti in esercizio, e ciò sia con riferimento alla realizzazione di nuovi impianti che al rifacimento di impianti esistenti. Si è però concordato sul fatto che è opportuno promuovere la realizzazione di nuovi assetti che migliorino sostanzialmente le prestazioni ambientali, poiché sono oggi disponibili soluzioni tecnologiche che consentono tale risultato con un’accettabile maggiorazione degli incentivi”.

“In conclusione, il DM Fer2 recherà incentivazione agli impianti geotermici, sia a totale reiniezione dei fluidi, sia con assetto tradizionale, ma opportunamente modificato per conseguire un sostanziale abbattimento delle emissioni dai nuovi impianti e da impianti esistenti oggetto di interventi di rifacimento”, ha concluso la Todde.