skip to Main Content

Gli Emirati Arabi Uniti puntano allo zero netto entro il 2050

Emirati Arabi Uniti

Il sovrano di Dubai, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum aveva già affermato tempo fa che gli Emirati Arabi Uniti avrebbero investito quasi 165 miliardi di dollari in energia pulita entro il 2050.

Gli Emirati Arabi Uniti sono diventati il primo dei petrostati del Golfo Persico a impegnarsi per eliminare le emissioni che provocano il riscaldamento del pianeta all’interno dei propri confini. “L’iniziativa net-zero degli Emirati Arabi Uniti ci fornirà precisione e aumenterà i nostri sforzi per accelerare la transizione energetica”, ha affermato in una nota citata da Al Jazeera il Dipartimento dell’Energia di Abu Dhabi,

QUASI 165 MILIARDI DI DOLLARI IN ENERGIA PULITA ENTRO IL 2050

Il sovrano di Dubai, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum aveva già affermato tempo fa che gli Emirati Arabi Uniti avrebbero investito quasi 165 miliardi di dollari in energia pulita entro il 2050.

UNA SCOMMESSA CHE ALLINEA GLI EMIRATI AI PAESI AVANZATI

Il nuovo obiettivo allinea gli Emirati Arabi Uniti con la maggior parte delle principali economie e con la scadenza che secondo gli scienziati il mondo ha per evitare i peggiori effetti del riscaldamento globale. L’impegno è l’ultimo dei paesi in vista dei colloqui sul clima sponsorizzati dalle Nazioni Unite che inizieranno alla fine di questo mese a Glasgow, in Scozia, e noti come COP26.

È una scommessa che probabilmente giocherà bene con Stati Uniti, Unione Europea e Regno Unito, che hanno spinto i produttori di combustibili fossili ad accelerare i piani per ridurre le loro emissioni. Potrebbe anche fare pressione sulla vicina Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio del mondo, affinché prenda un impegno simile.

DIPENDENZA ALTA DALL’EXPORT DI PETROLIO E GAS

Gli Emirati Arabi Uniti dipendono fortemente dall’esportazione di petrolio e gas, che costituisce circa il 30% del suo prodotto interno lordo, nonostante decenni di sforzi per diversificare l’economia. Il paese, che conta 10 milioni di persone, ha anche uno dei tassi di emissioni pro capite più alti del mondo, davanti a paesi come l’Australia e gli Stati Uniti

È un “passo molto ambizioso”, ha affermato Jim Krane, autore di “Energy Kingdoms: Oil and Political Survival in the Persian Gulf” e membro della Rice University di Houston. “Per una delle economie più dominate dal petrolio del mondo dichiarare un obiettivo zero è davvero un segno dei tempi. Gli porterà molta influenza”.

NESSUN ABBANDONO DEI COMBUSTIBILI FOSSILI

Il governo non ha intenzione di abbandonare presto i combustibili fossili. Il gigante energetico statale Abu Dhabi National Oil Co. è destinato ad aumentare la sua capacità di produzione di petrolio a 5 milioni di barili al giorno da poco più di 4 milioni entro un decennio.

Eppure quell’espansione potrebbe ancora essere compatibile con un obiettivo di zero netto come definito dalle regole delle Nazioni Unite, che tengono conto solo delle emissioni generate all’interno dei confini di un paese. Gli Emirati Arabi Uniti sarebbero responsabili solo dell’attuazione di misure per ridurre le emissioni derivanti dall’estrazione e dalla lavorazione del carburante esportato.

“Questo è il messaggio: petrolio e gas fanno parte del nostro futuro, ma forniremo un prodotto più pulito”, ha affermato Karen Young, senior fellow presso il Middle East Institute di Washington DC Gli Emirati Arabi Uniti “vogliono vedere se stessi come diversi e avanti- cercando all’interno della regione.”

L’OPEC È PIÙ RIALZISTA

Nel tracciare uno scenario per il mondo per raggiungere lo zero netto, l’Agenzia internazionale per l’energia vede ancora il pianeta consumare fino a 24 milioni di barili di petrolio al giorno entro il 2050, in calo rispetto ai circa 100 milioni attuali. L’idea è che a quel punto qualsiasi emissione residua sarà bilanciata catturando e seppellendo l’anidride carbonica o piantando alberi.

Gli Emirati Arabi Uniti sono membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, che ha una prospettiva più ottimista per il futuro del petrolio. Il cartello pensa che la domanda di combustibili fossili si stabilizzerà solo negli anni 2040 in uno scenario normale. Compagnie petrolifere internazionali come BP plc e TotalEnergies SE prevedono che il consumo ha già raggiunto il picco o lo farà entro un decennio.

“Un obiettivo zero netto per l’intera economia è un importante passo avanti”, ha affermato Randolph Bell, direttore senior dell’Atlantic Council. “Farà ulteriore pressione sull’Arabia Saudita affinché lo faccia”.

EMIRATI HANNO CREDENZIALI ECOLOGICHE DI PRIM’ORDINE: FORSE AD ABU DHABI LA COP28

Gli Emirati Arabi Uniti hanno già adottato misure per costruire le proprie credenziali ecologiche. Abu Dhabi ospita il quartier generale dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili e il fondo sovrano della città da 240 miliardi di dollari, Mubadala, ha investito pesantemente nel suo braccio di energie rinnovabili Masdar. Adnoc ha avviato spedizioni di prova di idrogeno blu, un carburante considerato cruciale per la transizione energetica.

La decisione potrebbe rafforzare l’offerta degli Emirati Arabi Uniti di ospitare la COP28. L’unico altro paese in lizza per ospitare i colloqui sul clima del 2023 è la Corea del Sud, che ha già un obiettivo zero. Tuttavia, la mossa rimarrà in gran parte simbolica fino a quando i responsabili politici non annunceranno misure a breve termine che mostreranno come raggiungere l’obiettivo di neutralità del carbonio degli Emirati Arabi Uniti.

“Per anni, i paesi del Golfo hanno ignorato le preoccupazioni sul clima e hanno fatto finta che non fossero realistici o che fossero lontani decenni”, ha affermato Ben Cahill, senior fellow presso il Center for Strategic and International Studies. “C’è stato un cambiamento epocale nell’approccio e l’obiettivo zero netto degli Emirati Arabi Uniti ne è un grande simbolo”.

Back To Top