Advertisement Skip to content

Gli sforzi dei paesi occidentali sulle rinnovabili sono (troppo) limitati

Il conto totale per i settori della filiera dell’energia pulita nei paesi occidentali sarà vicino ai 700 miliardi di dollari

La maggiore attenzione dell’Occidente alla sicurezza energetica da quando la Russia ha invaso l’Ucraina all’inizio del 2022 ha costretto i governi ad assumersi maggiori responsabilità per le catene di approvvigionamento rinnovabili e a tecnologia pulita. La Cina, ad esempio, domina la produzione di celle solari e batterie e, con le crescenti preoccupazioni sull’affidabilità, l’UE e gli Stati Uniti hanno avviato grandi piani per invertire questa dipendenza.

SICUREZZA ENERGETICA (E NON SOLO): PERCHÉ L’OCCIDENTE PUNTA ALL’ENERGIA PULITA

I paesi occidentali – per combattere il predominio della Cina nelle catene di approvvigionamento globali di energia pulita – stanno cercando di rafforzare la propria capacità produttiva per garantire una fornitura affidabile e conveniente. Questi sforzi potrebbero tuttavia essere troppo limitati e troppo tardi, poiché la ricerca di Rystad Energy mostra che questa espansione costerà fino a 700 miliardi di dollari e non avrà un impatto significativo prima del prossimo decennio.

La ricerca condotta da Rystad Energy copre la spesa necessaria per costruire catene di approvvigionamento nazionali per l’estrazione, la lavorazione, la raffinazione e la produzione di materiali per l’energia solare, eolica e per le batterie, i pilastri del futuro sistema energetico. Il conto totale per questi settori nei paesi occidentali sarà vicino ai 700 miliardi di dollari.

“Affidarsi a un unico partner commerciale per importanti produzioni o materie prime è intrinsecamente rischioso. Mentre la transizione energetica accelera e cresce la domanda di capacità di energia pulita a prezzi accessibili, l’Occidente sta cercando freneticamente di spezzare la roccaforte della Cina sulle catene di approvvigionamento per aumentare i tassi di adozione e ridurre i costi. Tuttavia, questi paesi stanno combattendo una dura battaglia e ci vorranno molti anni e investimenti significativi per avere un impatto”, afferma in una nota Audun Martinsen, responsabile della ricerca sulla catena di approvvigionamento presso Rystad Energy.

NON SOLO RINNOVABILI: I PIANI DELLA CINA PER ESTRARRE MATERIE PRIME

Oltre all’approvvigionamento interno, la Cina sta guardando oltre i suoi confini per estrarre materie prime. Ad esempio, la Cina ha investito in progetti africani di estrazione di minerali di terre rare, inclusa l’estrazione di litio in paesi come la Namibia. Ciò – sottolinea la ricerca condotta da Rystad Energy – aumenterà l’offerta globale, ma sono ancora solo poche le nazioni che dispongono della maggior parte dei giacimenti minerari necessari per la catena di approvvigionamento delle energie rinnovabili. Per molti elementi delle terre rare, i volumi potrebbero essere estratti in depositi nuovi ed esistenti, anche se il costo di estrazione sarebbe più elevato. Se altre nazioni vogliono ridurre la loro dipendenza dai materiali controllati dalla Cina, la questione non è tanto quella di espandere la capacità mineraria, quanto di interrompere le rotte commerciali di questi materiali in modo che finiscano in siti di lavorazione e produzione al di fuori della Cina.

La capacità di elaborare, perfezionare e produrre materiali per lo sviluppo di energia pulita richiederà investimenti significativi prima che venga creata una catena di fornitura affidabile. Gli investimenti annuali della Cina continentale nello sviluppo della propria capacità produttiva e di lavorazione sono saliti da 10 miliardi di dollari nel 2016 a 140 miliardi di dollari nel 2023. Di conseguenza, la sua capacità solare fotovoltaica è cresciuta da 14 gigawatt di corrente alternata (GWac) a 850 GWac, e la capacità delle celle della batteria è passato da 126 gigawattora (GWh) a 1.550 GWh. In confronto, l’investimento annuale combinato in tutte le altre nazioni è cresciuto solo da 7 miliardi di dollari nel 2016 a 20 miliardi di dollari nel 2023.

I PIANI DELL’UE E DEGLI STATI UNITI

Diversi programmi e politiche nell’UE e negli Stati Uniti stanno cercando di spianare il terreno di gioco. L’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, infatti, ha innescato diverse nuove iniziative, tra cui sovvenzioni redditizie, per incoraggiare la costruzione di celle batteria, moduli solari e produzione di componenti eolici in tutto il paese. Tuttavia, i progetti al di fuori della Cina rappresentano meno di un quarto degli investimenti necessari per dissociarsi completamente dalla Cina. Nel complesso, per spezzare il dominio cinese in questi mercati sono necessari 700 miliardi di dollari di investimenti minerari e manifatturieri.

Oltre ad avere un vantaggio nel settore manifatturiero e minerario – sottolinea Rystad Energy – la Cina ha un vantaggio in termini di know-how e proprietà intellettuale poiché le aziende cinesi possiedono una miriade di brevetti e guidano lo sviluppo di nuove tecnologie. Ciò ritarderà anche la velocità con cui l’UE e gli Stati Uniti riusciranno a recuperare il ritardo, spingendo la loro tempistica di autosufficienza fino al 2030. Sarà necessario anche il riciclaggio dei minerali su larga scala, comprese le attrezzature dismesse, con l’UE che mira a soddisfare il 25% della sua domanda di minerali dal riciclaggio.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su