Fact checking e fake news

Gnl, il Qatar potrebbe riprogrammare le forniture alla Cina

Gnl

Lo scoppio dell’epidemia ha spinto il JKM, il benchmark dei prezzi del Gnl per la regione del Nord-est asiatico, a scendere al minimo storico di 2,776 dollari / MMBtu lunedì, in calo del 34% dal 20 gennaio.

Il Qatar sta lavorando con la Cina per reindirizzare o riprogrammare le consegne di prodotti energetici nel paese asiatico, che è alle prese con un rallentamento della domanda di energia a causa del coronavirus. A informare della questione, secondo quanto ha evidenziato S&P Global Platts è stato il ministro dell’Energia del paese al-Kaabi.

“Tutte le società energetiche del Qatar interessate stanno già lavorando a stretto contatto con i loro partner cinesi per aiutare a identificare e valutare potenziali aree di supporto e che sono attivamente impegnate a soddisfare alcune richieste di riprogrammazione o reindirizzamento di consegne di prodotti energetici del Qatar in Cina” ha detto al-Kaabi.

LA CINA UNO DEI MAGGIORI CLIENTI DEL QATAR

La Cina è uno dei maggiori clienti Gnl per il Qatar, che si contende l’Australia il ruolo di esportatore numero uno al mondo nel Gnl. Pechino, al contrario, è il secondo maggior importatore di gas liquefatto dopo il Giappone, e ha già dichiarato che offrirà dei certificati di forza maggiore (vale a dire certificati che attestano l’esistenza di motivi non derogabili) alle società di trading del gas nel caso in cui non fosse in grado di adempiere ai propri obblighi contrattuali internazionali a causa dell’epidemia di coronavirus. Ma la protezione offerta da questi certificati dipende dal contratto specifico e dalle circostanze. Il CNOOC, il più grande importatore cinese di Gnl ad esempio, ha già dichiarato la forza maggiore la scorsa settimana.

RIDUZIONE DEL 5-7% PER IL CORONAVIRUS

S&P Global Platts Analytics prevede che se la riduzione dell’attività industriale nella provincia di Hubei, epicentro dell’epidemia di coronavirus, si protrarrà fino alla fine di febbraio, la domanda di Gnl cinese dovrebbe ridursi del 5-7% rispetto al suo caso di base, facendo ridurre le importazioni.

Lo scoppio dell’epidemia, d’altronde, ha spinto il JKM, il benchmark dei prezzi del Gnl per la regione del Nord-est asiatico, a scendere al minimo storico di 2,776 dollari / MMBtu lunedì, in calo del 34% dal 20 gennaio.

IL QATAR PENSA AD AUMENTARE LE FORNITURE

Il Qatar prevede di aumentare la sua capacità di produzione di Gnl a 126 milioni di tonnellate / anno entro il 2027, un aumento del 64% rispetto agli attuali 77 milioni di tonnellate / anno, aveva detto Kaabi a novembre.

Il North Field offshore, da dove viene pompata la maggior parte del gas del Qatar, da anni garantisce al Paese il ruolo di più grande esportatore mondiale di Gnl, con spedizioni in media di circa 300 milioni di m3 al giorno. Ma una serie di recenti progetti in Australia potrebbe spodestare il Qatar da questa posizione.

Lo scorso anno il Qatar ha fornito 76 milioni di tonnellate di Gnl, che rappresentavano quasi un quarto della fornitura globale di Gnl stimata in 348 milioni di tonnellate.