Advertisement vai al contenuto principale
Treno

Greenpeace: in Europa viaggiare in aereo è molto più economico del treno

Gli attivisti hanno confrontato i biglietti su 112 rotte in nove giorni diversi e hanno scoperto che, ad esempio, per andare da Londra a Barcellona, il costo del treno è fino a 30 volte il costo di prenotare un volo

Secondo gli ambientalisti, i voli economici e i costosi biglietti del treno in Europa promuovono delle forme di trasporto sporche, con agevolazioni fiscali “oltraggiose”, che incoraggiano le persone a riscaldare il pianeta mentre organizzano le loro vacanze. Secondo un’analisi di Greenpeace pubblicata oggi, i biglietti del treno costano in media il doppio dei voli per le stesse tratte. Gli attivisti hanno confrontato i biglietti su 112 rotte in nove giorni diversi e hanno scoperto che, ad esempio, per andare da Londra a Barcellona, il costo del treno è fino a 30 volte il costo di prenotare un volo.

L’ACCUSA DI GREENPEACE

Le destinazioni di vacanza in tutta Europa questa settimana sono state colpite da un caldo infernale, reso più caldo dai gas serra rilasciati dalla combustione dei combustibili fossili. “I biglietti aerei da 10 euro sono possibili solo perché altri – come lavoratori e contribuenti – pagano il vero costo”, ha affermato Lorelei Limousin, attivista per il clima di Greenpeace. “Per il bene del pianeta e delle persone, i politici devono agire per ribaltare questa situazione e rendere il treno l’opzione più conveniente”.

VOLARE SENZA INQUINARE: MISSIONE IMPOSSIBILE?

Volare è una delle attività più inquinanti che una persona possa svolgere, e anche una delle più difficili da ripulire. A differenza di mangiare un hamburger o guidare un’auto – che hanno delle alternative più pulite, come le carni a base vegetale e i veicoli elettrici – non c’è modo di volare senza alterare il clima. Gli esperti hanno detto gli schemi che affermano di compensare le emissioni del volo sono imperfetti.

Gli attivisti di Greenpeace hanno scoperto che viaggiare in treno è più costoso che volare, in media, su 79 delle 121 rotte studiate. Su molte tratte ci sono stati dei singoli giorni in cui il treno costava meno dell’aereo, anche se il costo medio era maggiore. I treni battono gli aerei in 8-9 dei 9 giorni testati su 23 delle tratte. La metà di questi è stata giudicata “ottima” per avere collegamenti regolari e affidabili, una buona velocità e biglietti inferiori a 150 euro.

Le migliori linee includono Lisbona-Porto e Madrid-Barcellona per i viaggi nazionali, e Berlino-Praga, Zurigo-Vienna e Praga-Budapest per i viaggi internazionali. Nessuna delle principali linee ferroviarie internazionali ha coinvolto il Regno Unito, la Francia, la Spagna o l’Italia. Nel complesso, lo studio è stato “ben fatto” e ha considerato le complessità del sistema, come il momento della prenotazione, ha affermato Stefan Gössling, professore all’Università di Linneo, in Svezia, che ha studiato le emissioni dei voli. “Detto questo, i risultati non sono una sorpresa, poiché il trasporto aereo è fortemente sovvenzionato”.

LE SOVVENZIONI AL TRASPORTO AEREO

In Europa le compagnie aeree non pagano tasse sul cherosene e poche tasse sui biglietti o IVA. Le loro emissioni hanno un prezzo solo per i voli all’interno dell’Europa, ad un livello inferiore al costo sociale del carbonio. Uno studio pubblicato all’inizio di questo mese da Transport and Environment, un gruppo di attivisti, ha rilevato che i governi europei nel 2022 hanno perso 34,2 miliardi di euro a causa della scarsa tassazione sull’aviazione. Secondo il rapporto, nel 2025 il “divario fiscale” è destinato a salire a 47,1 miliardi di euro. “Insomma – ha spiegato Gössling – se voli sei sovvenzionato, se prendi il treno, sei punito con prezzi più alti, oltre al fatto che il viaggio spesso è più lungo”.

I DATI SUI VOLI E LE RICHIESTE AI GOVERNI

L’industria aeronautica è responsabile di circa il 2,5% dell’inquinamento globale da carbonio, ma rilascia altri gas che riscaldano ulteriormente il pianeta. Uno studio di cui Gössling è co-autore ha rilevato che nel 2018 ha volato solo l’11% del mondo, e che il 4% al massimo ha volato all’estero.

L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha invitato i responsabili politici a “tassare l’aviazione in base all’impatto, riconoscendo che solo una minoranza del mondo vola”, e ha anche raccomandato di aumentare i carburanti sostenibili per l’aviazione.

Greenpeace ha chiesto ai governi di introdurre dei “biglietti climatici nazionali, semplici e convenienti”. Nel 2021, l’Austria ha iniziato a vendere un biglietto del genere, che copre tutti i trasporti pubblici del Paese al prezzo di 3 euro al giorno. Nel 2020, il Lussemburgo è diventato il primo Paese in Europa a fornire trasporti pubblici gratuiti. Gli attivisti hanno chiesto anche l’eliminazione graduale dei sussidi alle compagnie aeree. “Gli aerei inquinano molto più dei treni, quindi perché le persone vengono incoraggiate a volare?”, si chiede Limousin.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su