skip to Main Content

Il petrolio potrebbe schizzare a 120 dollari il prossimo anno? Il report Bank of America

Petrolio

A innescare il rialzo del petrolio la crisi globale del gas, del boom dei viaggi aerei con il ritorno dei voli internazionali e l’aumento della domanda asiatica

I prezzi del greggio Brent potrebbero salire fino a 120 dollari al barile nella prima metà del 2022 a causa della crisi globale del gas, del boom dei viaggi aerei con il ritorno dei voli internazionali e l’aumento della domanda asiatica. Lo afferma Bank of America in un’analisi ripresa su Oilprice.

EUROPA E ASIA ESPOSTI ALLA CRISI DEL GAS

Sebbene gli Stati Uniti non siano molto esposti alla crisi del gas naturale, l’Europa e l’Asia lo sono, e il passaggio dal gas al petrolio aumenterà la domanda di greggio, ha dichiarato a Bloomberg Francisco Blanch, responsabile globale della ricerca su materie prime e derivati presso Bank of America.

I VIAGGI FATTORE TRAINANTE

L’altro importante fattore trainante della domanda più elevata e dei prezzi del petrolio più elevati potrebbe essere un grande ritorno dei viaggia dopo che gli Stati Uniti hanno riaperto i confini ai viaggiatori vaccinati internazionali. Ci sarà una “finestra di viaggi aerei in forte espansione nei prossimi sei mesi e presumibilmente anche l’Asia tornerà”, ha detto Blanch.

AUMENTO DELLA DOMANDA E RIGIDITÀ DELL’OFFERTA

A causa dell’aumento della domanda, il mercato petrolifero globale deve affrontare “rigidità dell’offerta”, secondo Bank of America.

Queste rigidità dell’offerta sono sia il risultato del passato che il futuro del settore. Le passate rigidità dell’offerta risiedono nei “terribili ritorni” per il settore petrolifero negli ultimi sei-sette anni, ha detto Blanch a Bloomberg. “Gli investitori sono davvero stanchi di buttare soldi”, ha aggiunto.

LE FUTURE RIGIDITÀ RISIEDONO NELL’INCERTEZZA DELLA DOMANDA DI PETROLIO

Le future rigidità dell’offerta risiedono nell’incertezza su come andrà la domanda di petrolio nella transizione energetica. “Non sappiamo dove sta andando la domanda globale di petrolio, quanto velocemente avverrà la transizione energetica e questo è un grosso ostacolo per riportare denaro nel settore”, ha detto Blanch.

Alla domanda sulla possibilità che l’ amministrazione statunitense rilasci greggio dalla Strategic Petroleum Reserve (SPR), Blanch ha affermato che “rilasciare SPR e allo stesso tempo stampare molti soldi da dare alla gente è una pessima idea”, suggerendo che gli Stati Uniti dovrebbero ridurre lo stimolo prima di rilasciare SPR, che è per scopi di emergenza.

“È un’emergenza avere una domanda di petrolio in forte espansione ora che stiamo uscendo dal Covid? Non è proprio un’emergenza – ha concluso Blanch -. Bisognerebbe lasciare che il mercato faccia il suo lavoro”.

Back To Top