skip to Main Content

Il riscaldamento globale potrebbe aumentare, ecco perché

Clima

Il 2023 sembra più mite rispetto agli ultimi anni, e ha buone possibilità di entrare nei primi cinque più caldi, a seconda di come avverrà la transizione verso il fenomeno atmosferico El Niño

Nonostante quel che si potrebbe pensare, negli ultimi 3 anni le temperature superficiali globali medie sono state relativamente basse, ma le cose stanno per cambiare. Le temperature quest’anno dovrebbero salire, e il 2024 potrebbe stabilire un nuovo record globale. Nel 2022 un raro “triplo tuffo” de La Niña nell’Oceano Pacifico tropicale ha tenuto sotto controllo le temperature, con l’anno scorso che si è piazzato al quinto posto dei più caldi dall’inizio dei record strumentali. Gli eventi de La Niña sono caratterizzati da acque più fredde della media nel Pacifico tropicale equatoriale, e contribuiscono a mettere un freno alle temperature globali.

Ad ogni modo, secondo la NASA e il Copernicus Climate Change Service il 2022 è stato il quinto anno più caldo mai registrato e se, come indicano sempre più le previsioni, i fenomeni si dissiperanno, probabilmente questo e il prossimo anno le temperature globali aumenteranno.

IL 2023 E IL 2024 POTREBBERO ESSERE DUE ANNI RECORD

Se un evento El Niño – caratterizzato da temperature oceaniche più miti della media, – si verificasse nel Pacifico tropicale, anche il 2023 potrebbe raggiungere livelli record. “Prevedo circa il 15% di possibilità di un nuovo record nel 2023. E, se entro la fine del 2023 ci ritroveremo con un evento El Niño, per il 2024 è quasi certo un nuovo record “, ha affermato Gavin Schmidt, che dirige il Goddard Institute for Space della NASA Studi a New York.

Secondo la NASA, l’anno record più caldo si è verificato nel 2016 e nel 2020, l’ultimo dei quali si è verificato quando era in corso un grande evento El Niño. Ciò ha portato alcuni scettici sul cambiamento climatico ad affermare che il riscaldamento globale si è fermato nel 2016.

COSA MOSTRANO GLI INDICATORI CLIMATICI

Tuttavia, le temperature superficiali sono solo un segno del riscaldamento globale. Tutti gli altri indicatori climatici hanno mostrato segni di un continuo riscaldamento globale durante il 2022. Il contenuto di calore dell’oceano ha raggiunto un livello record, i ghiacciai hanno continuato a ridursi, il livello del mare ha continuato a salire e gli eventi meteorologici e climatici estremi hanno continuato a colpire i Paesi di tutto il mondo.

Gli studi hanno collegato molti di questi eventi estremi al cambiamento climatico causato dall’uomo. Quest’anno sembra più mite rispetto agli ultimi, e ha buone possibilità di entrare almeno nei primi cinque, se non nei primi tre anni più caldi, a seconda di come si svolgerà la transizione verso un evento El Niño. Secondo gli scienziati, quindi, il 2024 ha maggiori probabilità di stabilire un nuovo record, e ciò in parte è dovuto al ritardo nella risposta dell’atmosfera a El Niño.

Il Met Office del Regno Unito prevede che le temperature medie globali nel 2023 saranno almeno 1,2°C superiori alla media preindustriale. L’accordo di Parigi cerca di limitare il riscaldamento a 1,5°C: se il riscaldamento supera questo obiettivo, le probabilità di conseguenze potenzialmente devastanti del cambiamento climatico aumenteranno, come un maggiore scioglimento delle calotte polari e la perdita delle barriere coralline tropicali.

Zeke Hausfather, responsabile ricerca sul clima per Stripe, ha affermato che il 2023 sembra più caldo degli ultimi anni, ma individuare esattamente quanto è difficile. “Considerati i ritardi nella risposta della temperatura superficiale, una transizione alle condizioni di El Niño nella seconda metà del 2023 avrebbe un impatto maggiore sul 2024”, ha detto Hausfather.

L’IMPATTO DELLE TEMPERATURE SUI PAESI IN VIA DI SVILUPPO

Un aumento della temperatura media annua di 1 grado Celsius per una sola volta è più dannoso per i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo che per le economie avanzate, secondo un’analisi dei dati di 190 Paesi pubblicata oggi. È quanto emerge dal report di S&P Global Ratings “Is climate change another obstacle to economic development?“.

“Scopriamo che sette anni dopo tale aumento, il PIL pro capite è inferiore di 0,6-0,7 punti percentuali nei Paesi con temperature medie annue attuali di 22°C-24°C rispetto a quelli con temperature medie di 15°C – a parità di altre condizioni”, ha dichiarato Marion Amiot, responsabile dell’economia climatica di S&P Global Ratings.

Il report ha riscontrato, inoltre, perdite permanenti di reddito dovute alla riduzione della produttività e degli investimenti, con il settore agricolo che subisce un colpo a lungo termine. Dove le temperature annue sono in media di 24 gradi il PIL pro capite dei Paesi meno pronti a far fronte ai cambiamenti climatici rimane inferiore di 2 punti percentuali, mentre i Paesi più pronti non registrano perdite durature, sette anni dopo lo shock termico di un grado. “Negli ultimi decenni, le economie si sono in qualche modo adattate agli aumenti di temperatura una tantum, e la sensibilità del PIL agli shock termici è diminuita di circa il 30% negli ultimi 20 anni”, ha dichiarato Amiot.

Anche le risposte di politica macroeconomica di sostegno hanno aiutato le economie a riprendersi dagli shock climatici; una politica monetaria restrittiva sembra amplificare lo shock, mentre i bassi tassi di interesse reali sono associati a una scarsa incidenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore