Energie del futuro

Iren scommette su Torino: oltre 600 mln in 4 anni

Iren

Da qui al 2024 la multiutility torinese Iren si focalizzerà su riciclo, teleriscaldamento, illuminazione e mobilità

“Riciclo. Teleriscaldamento. Illuminazione. Mobilità. Da qui al 2024 il gruppo Iren investirà 2 dei 3,3 miliardi previsti nel proprio piano industriale sulla sostenibilità ambientale. E una buona parte di questa scommessa – circa un terzo – si giocherà a Torino e in Piemonte. L’ ultimo tassello di questo mosaico è stato poggiato qualche giorno fa, quando la multi-utility costruita sull’ asse Piemonte-Liguria-Emilia Romagna ha chiuso l’ acquisizione dell’ 80% di I. Blu, società che opera nel mercato del recupero delle plastiche”. È quanto si legge su La Stampa.

GLI IMPIANTI PER LA PLASTICA

La tecnologia di I. Blu “ora verrà applicata agli impianti per il trattamento della plastica che Iren già possiede, a cominciare da quelli di Borgaro e La Loggia e permetterà di utilizzare il 100% del prodotto che arriva per essere trattato. ‘A oggi il 50% della plastica diventa scarto mentre l’ altra metà viene riciclata’, spiega il presidente di Iren Renato Boero. (…) Il secondo fronte è il teleriscaldamento. Torino è già capitale d’Italia ma nell’arco di un paio d’ anni si estenderà al 90% della città, raggiungendo altre 150 mila persone, oltre alle attuali 650 mila. L’intervento si concentra sull’area Nord Est: grazie all’ accordo con la centrale termoelettrica Engie, a Leinì, si fornirà calore per alimentare da 6 a 12 milioni di metri cubi, dunque da 70 a 150 mila abitanti”.

LA MOBILITÀ ELETTRICA

“L’ ultimo fronte che riguarda la città di Torino – oltre al piano di aumento della raccolta differenziata avviato dalla giunta Fassino e pesantemente spinto da Appendino – è l’investimento sulla mobilità elettrica. Ecco, su questo aspetto, i dettagli dell’ operazione. Delle oltre 400 centraline che il Comune prevede di installare – obiettivo che ha scontato forti ritardi, almeno finora – 183 nascono dall’ alleanza tra Be Charge e Iren Mercato, che si sono fatte avanti per posizionarne 183”.