Fact checking e fake news

Italgas: ecco com’è andata la semestrale 2020

italgas

Le performance registrate da Italgas “dimostrano la capacità della Società di continuare a generare solidi risultati economico-finanziari grazie alle azioni di efficientamento e di innovazione digitale intraprese negli ultimi anni

Ricavi totali a quota 646,8 milioni di euro (+6,1%), Margine Operativo Lordo (EBITDA) a 462,7 milioni di euro (+6,6%) e Utile netto a 153,4 milioni di euro (-7,7%). Il Consiglio di Amministrazione di Italgas, riunitosi sotto la presidenza di Alberto Dell’Acqua, ha approvato i risultati consolidati del primo semestre 2020 e in breve le performance registrate da Italgas “dimostrano la capacità della Società di continuare a generare solidi risultati economico-finanziari grazie alle azioni di efficientamento e di innovazione digitale intraprese negli ultimi anni, che hanno consentito di mitigare gli impatti della Delibera 570/2019/R/gas relativa alla regolazione tariffaria dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo 2020-2025, di assorbire gli effetti negativi della pandemia, nonché di garantire la sicurezza e la continuità del servizio durante il periodo di lockdown”.

I NUMERI

I 369,5 milioni di euro di investimenti realizzati nel periodo (+16,3% rispetto al primo semestre 2019) sono stati dedicati allo sviluppo e al rinnovamento delle reti e alla trasformazione digitale.

Nel corso del primo semestre 2020 sono stati posati circa 486 km di nuove condotte contro i circa 379 km del corrispondente periodo del 2019. In Sardegna l’attività di costruzione delle reti di distribuzione è proseguita con la posa di circa 216 km di nuove reti superando i 680 km complessivi su un totale da realizzare di circa 1.100 km.

Nonostante le difficoltà derivanti dall’emergenza sanitaria, il piano di sostituzione dei contatori tradizionali è proseguito con l’installazione, considerate anche le società partecipate, di 0,6 milioni di smart meter, portando a circa 7,1 milioni il numero complessivo di contatori intelligenti installati alla fine del primo semestre 20204. Il piano, che si prevede di terminare nel 2020, è parte del più ampio progetto di trasformazione digitale dell’intero network gestito e ad oggi ha portato già all’upgrade tecnologico di oltre 400 reti di distribuzione. I fabbisogni connessi agli investimenti netti del primo semestre 2020 sono stati integralmente coperti dal positivo flusso di cassa da attività operativa, pari a 388,8 milioni di euro.

La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2020 è pari a 4.625,8 milioni di euro (4.410,6 milioni di euro al 31 dicembre 2019), al netto dei debiti finanziari ex IFRS 16 pari a 75,5 milioni euro (74,7 milioni di euro al 31 dicembre 2019).

L’EBITDA del primo semestre 2020 ammonta a 462,7 milioni di euro (+6,6% rispetto al 30 giugno 2019) e l’utile netto è pari a 153,4 milioni di euro.

GALLO: LE PERFORMANCE DEL PRIMO SEMESTRE 2020 DIMOSTRANO LA CAPACITÀ DI ITALGAS DI REAGIRE DI FRONTE A SITUAZIONI ECCEZIONALI

“Le performance del primo semestre 2020 dimostrano la capacità di Italgas di reagire di fronte a situazioni eccezionali – come quelle che stiamo vivendo a causa del Covid-19 – continuando a produrre solidi risultati. Nonostante la nuova regolazione tariffaria in vigore dal 1° gennaio, abbiamo conseguito un EBITDA di 462,7 milioni, in crescita di quasi il 7% rispetto allo scorso anno, e un utile netto di Gruppo di 153,4 milioni, la cui leggera flessione rispetto allo stesso periodo del 2019 è attribuibile ai pesanti effetti economici della nuova regolazione mitigati da tutte le azioni messe in campo dalla Società – ha commentato Paolo Gallo, Amministratore Delegato di Italgas -. I nostri investimenti si confermano in crescita attestandosi attorno ai 370 milioni di euro, la gran parte dei quali concentrati sulla trasformazione digitale e sul continuo sviluppo e rinnovamento delle reti. Grazie alla trasformazione digitale realizzata negli ultimi tre anni ed al grande impegno delle nostre persone, abbiamo garantito la sicurezza e la continuità del servizio durante il lungo lockdown e siamo riusciti a far ripartire rapidamente i nostri cantieri a inizio maggio. Una ripartenza resa possibile dalle tecnologie proprietarie, sviluppate e realizzate in house nella nostra Digital Factory, come ‘WorkOnSite’, l’applicazione che grazie all’intelligenza artificiale e all’operatività da remoto ha reso estremamente efficiente il processo di verifica della conformità dei cantieri e dei lavori”.

“Completato il 65% dei 1.100 chilometri di reti del piano di metanizzazione della Sardegna, ci prepariamo a mettere in esercizio alcune di esse, con immediati benefici per l’economia e la popolazione locale; benefici sostenibili nel tempo che richiedono però, anche una chiara regolazione dell’intera filiera del gas e l’applicazione della perequazione tariffaria analogamente a quanto avviene nel resto dell’Italia. Sul fronte delle gare Atem auspichiamo una grande accelerazione, per sbloccare, nel nostro settore, nuovi investimenti di oltre 3 miliardi l’anno, vitali per la ripartenza del Paese. Nell’attesa raccogliamo i frutti del lavoro svolto con l’assegnazione a Italgas anche dell’Atem Belluno e ci prepariamo ad avviare nei prossimi mesi – su questo e su gli altri Atem che ci sono stati assegnati – tutti gli investimenti da noi pianificati. Innovazione tecnologica, digitalizzazione, efficienza, investimenti e vicinanza alle comunità caratterizzeranno ancor di più Italgas nei prossimi mesi”, ha concluso Gallo.