Scenari

Come vanno i conti di Italgas e quali sono i piani per il futuro

Approvati i conti del primo trimestre 2018. I numeri della società e il commento dell’ad Paolo Gallo

Il cda di Italgas ha approvato i conti del primo trimestre 2018 che vedono ricavi totali a quota 281 milioni (+1%), un Ebitda che si attesta a 198,4 milioni (+2,7%), un Ebit a 112,4 milioni (+8,4%) e un utile netto salito a 74,7 milioni (+4,5%). Gli investimenti tecnici del periodo si sono attestati a 106,1 milioni e il flusso di cassa netto da attività operativa a 241,2 milioni, a fronte di un indebitamento finanziario netto di 3,65 miliardi in miglioramento rispetto al 31 dicembre 2017 (3.720,3 milioni di euro).

OLTRE 67MILA CHILOMETRI DI RETE GESTITA

italgasTra i principali highlight operativi, comprensivi delle società partecipate non consolidate, spiccano 1.695 concessioni gas e 7,5 milioni di contatori attivi con una rete di distribuzione che supera 67mila chilometri gestiti e i 7,5 milioni di punti di riconsegna serviti in 1.695 concessioni riaffermano la leadership di Italgas in Italia, con una quota di mercato che supera il 34%, e la terza posizione in Europa.

IN CORSO IL PIANO DI INSTALLAZIONE DEGLI SMART METERS

Italgas – con 106,1 milioni di euro di investimenti organici nel primo trimestre – conferma le tempistiche contenute nel Piano Industriale, con investimenti superiori ai 3 miliardi di euro entro il 2023 sull’attuale rete gestita. Una quota rilevante degli investimenti ha riguardato il piano di installazione degli smart meters in sostituzione dei misuratori tradizionali. Con l’obiettivo di completare l’intero programma di sostituzione nei primi mesi del 2020, nel primo trimestre 2018, considerando anche le società partecipate, sono stati installati circa 470.000 nuovi misuratori, portando il totale attuale dei contatori installati a circa 3,6 milioni, pari a circa il 44% dell’intero parco contatori. L’installazione degli smart meters è parte del progetto più complessivo di digitalizzazione della rete per il quale sono stati avviati oltre 40 progetti pilota su tutto il territorio nazionale condotti su circa 190 chilometri di reti di distribuzione e 20.000 smart meters.

GALLO: GRUPPO ALL’AVANGUARDIA NEL PANORAMA EUROPEO DEI DISTRIBUTORI DI GAS E MODELLO DI RIFERIMENTO ANCHE NEL CAMPO DELL’INNOVAZIONE

“I risultati del primo trimestre 2018 registrano un miglioramento di tutti i principali indicatori economici rispetto al corrispondente periodo del 2017 e in continuità con i risultati dell’anno appena trascorso, segno della grande vitalità del Gruppo che, in attesa delle gare d’ambito, continua a lavorare per migliorare la propria competitività e la qualità del servizio e nel contempo persegue obiettivi di crescita attraverso linee esterne – ha sottolineato l’amministratore delegato Paolo Gallo –. Gli investimenti realizzati, in linea con il piano industriale, sono stati per quasi la metà indirizzati all’installazione degli smart meters che hanno raggiunto il 44% dell’intero parco contatori gestito e che rappresentano il primo tassello del processo di digitalizzazione delle reti avviato nel 2017. In questo scenario, l’adozione del Cloud Azure, frutto dell’accordo di partnership con Microsoft, rappresenta il fattore abilitante per la digitalizzazione dei processi aziendali e pone il Gruppo Italgas all’avanguardia nel panorama europeo dei distributori di gas e modello di riferimento anche nel campo dell’innovazione”.