Advertisement
skip to Main Content

La carenza di gas naturale in Europa potrebbe innescare una crisi alimentare

Gas

I fertilizzanti industriali NPK dipendono fortemente dalle forniture di gas naturale, e circa il 70% del costo della loro produzione è esclusivamente il prezzo del gas

Il problema di una crisi energetica è che in realtà è una crisi di tutto. In un mondo in cui praticamente ogni settore fa affidamento sull’energia, in qualche modo, l’inflazione galoppante è inevitabile. Questo fenomeno non è una novità, lo stiamo vivendo da quasi due anni. Ma, mentre i governi globali stanno utilizzando tutti gli strumenti a loro disposizione per frenare i tassi di inflazione in aumento, c’è molto meno che possono fare per un’eventuale carenza di cibo.

L’ALLARME DELL’INDUSTRIA AGRICOLA

Per mesi l’industria agricola ha avvertito il resto del mondo che la produzione alimentare del prossimo anno è gravemente minacciata, poiché l’industria dei fertilizzanti è in rovina. I fertilizzanti industriali NPK (così chiamati per la loro composizione di azoto, fosforo e ossido di potassio), dipendono fortemente dalle forniture di gas naturale. Circa il 70% del costo della produzione di fertilizzanti è esclusivamente il prezzo del gas naturale, che viene utilizzato in quantità generose per produrre i fanghi di fosfato di ammoniaca che si trasformano in fertilizzanti. Infatti, secondo il gruppo CRU, i produttori europei di fertilizzanti nella regione stanno attualmente perdendo circa 2.000 dollari per ogni tonnellata di ammoniaca prodotta. Quindi, mentre la Russia ha arginato e poi interrotto indefinitamente il flusso di gas in Europa, facendo salire i prezzi del gas alle stelle, il settore dei fertilizzanti del continente ha fermato fino al 70% della sua capacità di produzione.

Questa è una cifra spaventosa. I fertilizzanti commerciali svolgono un ruolo essenziale nel 40-60% della produzione alimentare mondiale. A meno che non si coltivi il cibo in proprio o non si acquisti da una cooperativa profumata di patchouli, è probabile che la maggior parte dei nostri alimenti di base dipenda interamente dai NPK. Gli esperti di sicurezza alimentare da anni avvertono di questo tipo di crisi e, dall’inizio di quest’anno, di questa specifica crisi. Dopo così tanti decenni di uso liberale di fertilizzanti chimici, i suoli agricoli globali sono colpiti in modo devastante dai nutrienti. Senza un maggiore uso di fertilizzanti ogni anno, queste terre degradate potrebbero produrre solo una frazione della loro attuale capacità, e con un contenuto di nutrienti inferiore.

RUSSIA E UCRAINA, IL “CESTINO DEL PANE DEL MONDO”

E tutto questo si aggiunge all’altra crisi alimentare in corso. Insieme, Russia e Ucraina producono così tanto grano per il mercato globale che vengono spesso definite “il cestino del pane del mondo”. Il conflitto nella regione ha messo in pericolo anche la consegna del grano della regione al mercato, creando all’inizio di quest’estate una stretta alimentare nell’Africa subsahariana, dipendente dalle importazioni. Un recente accordo sul commercio del grano tra le Nazioni Unite, Mosca e Kiev – che ha tentato di mitigare il problema fornendo anche entrate all’Ucraina occupata – ha fatto infuriare il presidente russo, Vladimir Putin. Sebbene abbia accettato di lasciare che l’accordo “truffa” andasse avanti – almeno per ora – l’andirivieni ha mostrato l’estrema volatilità delle catene di approvvigionamento di cereali e fertilizzanti coinvolte dalla Russia.

GUERRA, FERTILIZZANTI E ALIMENTI

A luglio – quando i prezzi del gas erano molto più bassi e la situazione della sicurezza alimentare non era così grave com’è ora – l’International Fertilizer Association ha stimato che, se la guerra russa in Ucraina si prolungherà e i prezzi elevati del gas continueranno a ridurre l’uso dei fertilizzanti, quasi il 2% della produzione mondiale di mais, grano, riso e soia potrebbe andare perduta.

“Anche dei piccoli cali nella produzione di grano possono comportare degli aumenti di prezzo significativi”, ha spiegato Newsweek. Come sempre, i Paesi più poveri pagheranno il prezzo più alto: la contrazione del grano di quest’estate in Africa impallidirà rispetto alle crisi alimentari che potrebbero colpire le nazioni africane, il Messico e altri Paesi in via di sviluppo con grandi settori agricoli dipendenti dagli input.

Allora perché il mondo non dirige semplicemente più dollari e gas verso i fertilizzanti, considerando qual è la posta in gioco? “I Paesi non possono imporre la produzione di fertilizzanti perché sono molto più preoccupati di avere abbastanza gas per riscaldare le case delle persone”, ha detto a Newsweek John Harpole, un broker di gas naturale per il settore dei fertilizzanti. “Dovranno scegliere tra la futura produzione alimentare e il calore, e sceglieranno il calore”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore