Scenari

La produzione di petrolio della Libia dovrebbe stabilizzarsi nel 2021

Libia

Il governo ha approvato un finanziamento di 1,6 miliardi di dollari per la National Oil Corporation (NOC), il maggior beneficiario del budget per lo sviluppo della Libia.

La Libia potrebbe essere in grado di mantenere il suo attuale livello di produzione di petrolio di circa 1,2 milioni di barili al giorno fino alla fine dell’anno, grazie al fatto che il settore petrolifero sta finalmente ricevendo fondi sufficienti per la manutenzione e lo sviluppo dei campi. Lo ha detto a Bloomberg il ministro del petrolio libico Mohamed Oun in un’intervista.

OUN È IL NEO MINISTRO DEL PETROLIO LIBICO

Oun ha prestato giuramento come primo ministro del petrolio del paese da quando il nuovo governo di unità libico si è insediato all’inizio di questo mese. Il nuovo gabinetto è il primo governo di unità del Paese dal 2014 e potrebbe potenzialmente aprire la strada a una maggiore stabilità nella produzione di petrolio nel membro africano dell’Opec, esentato dai tagli OPEC +.

DAL GOVERNO LIBICO FINANZIAMENTI PER 1,6 MLD DI DOLLARI ALLA NOC

Secondo Bloomberg, il governo ha approvato un finanziamento di 1,6 miliardi di dollari per la National Oil Corporation (NOC), il maggior beneficiario del budget per lo sviluppo della Libia.

“C’è una ragionevole assegnazione di fondi per le attività del settore petrolifero”, ha detto Oun a Bloomberg, sottolineando che i fondi potrebbero essere sufficienti per le esigenze del settore petrolifero per il resto dell’anno.

LA LIBIA SOFFRE DI UNA CRONICA MANCANZA DI FONDI PER LO SVILUPPO DEI GIACIMENTI

A parte i frequenti blocchi dei porti petroliferi durante i combattimenti, la produzione di petrolio della Libia ha sofferto negli ultimi anni di una cronica mancanza di fondi a NOC per lo sviluppo dei giacimenti petroliferi e la manutenzione delle infrastrutture.

Ciò ha portato a volumi di produzione abbastanza altalenanti in Libia, che è esentata dai tagli OPEC + a causa della sua situazione. Un livello di produzione più stabile, tuttavia, potrebbe compromettere i piani di OPEC + per la gestione della fornitura di petrolio quest’anno.

Quando l’alleanza ha annunciato i massicci tagli nell’aprile 2020, la Libia pompava meno di 100.000 barili al giorno e i suoi terminali per l’esportazione di petrolio sono stati bloccati dal sedicente Esercito nazionale libico (LNA) del generale Khalifa Haftar. Il blocco è terminato a settembre e la Libia è riuscita a riportare rapidamente la sua produzione ai livelli precedenti al blocco , sorprendendo molti analisti.

Alcuni giorni prima del giuramento del governo di unità della Libia, il presidente di NOC Mustafa Sanalla aveva detto a Bloomberg Television che il paese prevedeva di aumentare la sua produzione di petrolio a 1,45 milioni di barili al giorno entro la fine di quest’anno.