skip to Main Content

La Russia snobba Opec Plus: nel 2019 nuovo record produzione petrolio

Petrolio

Mosca ha prodotto 11,25 milioni di barili di petrolio al giorno. Il record di 11.416 milioni di barili al giorno solo nel 1987, quando era ancora Unione sovietica.

La produzione di petrolio e condensa in Russia ha raggiunto il picco massimo del post-sovietico lo scorso anno, malgrado la frenata della produzione dovuta all’accordo Opec plus.

IL MANCATO RISPETTO AI TARGET OPEC PLUS

Secondo Bloomberg, “l’undicesimo anno consecutivo di crescita della produzione sottolinea la realtà della cooperazione della Russia con l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio. Nonostante sia uno degli architetti dell’accordo originale del 2016, Mosca ha una cattiva reputazione nell’adempiere ai suoi tagli di produzione promessi ed è stata messa sotto pressione dai suoi alleati per fare meglio”.

LE SCUSE DI MOSCA

Lo scorso anno il paese non ha praticamente mai raggiunto la propria quota, superando il proprio obiettivo in nove dei 12 mesi, secondo i calcoli di Bloomberg. Il ministero dell’Energia ha fornito varie spiegazioni per il fatto che il paese ha superato i target in varie occasioni: dai limiti di un clima rigido a problemi tecnici dopo la crisi della contaminazione da idrocarburi di Druzhba.

QUANTO HA PRODOTTO LA RUSSIA NEL 2019

La Russia ha prodotto 560,2 milioni di tonnellate di petrolio nel 2019, in crescita dello 0,8% rispetto all’anno precedente, informano i dati preliminari del programma CDU-TEK del Ministero dell’Energia. Ciò equivale a 11,25 milioni di barili al giorno, secondo i calcoli di Bloomberg. La Russia ha prodotto di più – 11.416 milioni di barili al giorno – solo nel 1987, quando era ancora Unione sovietica.

GLI ACCORDI OPEC PLUS

In base all’accordo Opec Plus la Russia si è impegnata a ridurre la produzione di 228.000 barili al giorno dalla base di ottobre 2018 di 11.418 milioni di barili al giorno. Tale allocazione cambierà questo mese dopo che l’Opec e i suoi alleati hanno concordato a dicembre di aumentare i tagli. Mosca ha accettato di aumentare le riduzioni di 70.000 barili al giorno a circa 300.000 al giorno nel primo trimestre. Ma i suoi calcoli di base e di produzione mensile escludono la condensa, rendendo potenzialmente più facile raggiungere il suo obiettivo di taglio.

“I tagli alla produzione di petrolio non possono essere eterni”, ha detto Novak n un’intervista alla rete televisiva statale Rossiya24 il mese scorso, aggiungendo che la Russia deve difendere la sua quota di mercato globale e lasciare che le sue compagnie petrolifere sviluppino nuovi progetti. “Avremo gradualmente bisogno di prendere una decisione sull’uscita.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore