Sostenibilità

La Ue dà il via libera agli incentivi lituani per le rinnovabili

rinnovabili

L’obiettivo di quota nazionale di fonti rinnovabili nel consumo finale lordo di energia è stato fissato al 38% entro il 2025

La Commissione europea ha dato il via libera, in base alle norme Ue in materia di aiuti di Stato, al regime di sostegno alla produzione di elettricità da fonti rinnovabili in Lituania. La misura, aperta a tutti i tipi di produzione rinnovabile, contribuirà al conseguimento degli obiettivi ambientali dell’Ue senza indebite distorsioni della concorrenza.

COMMISSARIA VESTAGER: CONTRIBUIRÀ ALLA TRANSIZIONE DELLA LITUANIA VERSO ENERGIA SOSTENIBILE

La commissaria Margrethe Vestager, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato: “Il regime contribuirà alla transizione della Lituania verso un approvvigionamento energetico a basse emissioni di carbonio e sostenibile dal punto di vista ambientale, in linea con gli obiettivi ambientali dell’Ue e con le nostre norme in materia di aiuti di Stato”.

GLI INCENTIVI DAL 1 MAGGIO

Il 1° maggio 2019 la Lituania introdurrà un nuovo regime di aiuti a sostegno degli impianti che producono elettricità da fonti rinnovabili come l’energia eolica, solare o idroelettrica. Il regime aiuterà la Lituania a raggiungere l’obiettivo nazionale di fonti energetiche rinnovabili nel consumo finale lordo di energia, che è stato fissato al 38% entro il 2025. Il regime sarà applicabile fino al 1° luglio 2025 o, in alternativa, fino al raggiungimento dell’obiettivo del 38%. Il programma, con una dotazione complessiva di 385 milioni di euro, sarà aperto a tutti gli impianti rinnovabili.

IL PREMIO MEDIANTE GARA INDIPENDENTEMENTE DA GRANDEZZA E TECNOLOGIA UTILIZZATA

Gli impianti che beneficiano del regime riceveranno un sostegno sotto forma di un premio, che sarà stabilito mediante una procedura di gara d’appalto per tutti i tipi di impianti, indipendentemente dalle dimensioni e dalla tecnologia utilizzata. Tuttavia, il premio finale non sarà fissato ad un livello superiore alla differenza con il prezzo di mercato dell’elettricità in Lituania (“prezzo di riferimento”) e con i costi medi di produzione della tecnologia energetica rinnovabile più efficiente in termini di costi in Lituania (“prezzo massimo”). Le autorità lituane hanno definito questo concetto per la produzione di energia eolica onshore. Sia il prezzo di riferimento che il prezzo massimo saranno fissati dall’autorità nazionale lituana di regolamentazione energetica per ogni asta.

NESSUN AIUTO DI STATO, PER L’UE IN LINEA CON NORME

La Commissione Ue ha constatato che l’aiuto ha un effetto incentivante, in quanto il prezzo di mercato non copre interamente i costi di produzione di elettricità da fonti energetiche rinnovabili e i beneficiari dovranno presentare domanda di aiuto prima che gli impianti di produzione entrino in funzione. L’aiuto è inoltre proporzionato e limitato al minimo necessario, in quanto copre soltanto la differenza tra i costi di produzione e il prezzo di mercato dell’elettricità. La Commissione ha pertanto concluso che la misura lituana è in linea con le norme Ue in materia di aiuti di Stato, in quanto promuove la produzione di elettricità da fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi ambientali dell’Ue, senza falsare indebitamente la concorrenza.