skip to Main Content

L’Asia si prepara a un rimbalzo dei prezzi del Gnl in estate

Gnl

I prezzi spot regionali del Gnl dovrebbero raggiungere i 10 dollari per MMBtu per la maggior parte dell’estate, il prezzo più alto per questo periodo in sette anni

La ripresa economica e un rimbalzo della domanda di gas naturale liquefatto nella più grande regione importatrice di Gnl, l’Asia, dovrebbero mantenere i prezzi spot regionali di combustibile intorno ai livelli attuali di 10 dollari per milione di unità termiche britanniche (MMBtu) per la maggior parte dell’estate, che potrebbe essere il prezzo più alto per questo periodo in sette anni.

I DATI

Nonostante le preoccupazioni per lo stallo della domanda spot a breve termine in India e Giappone a causa del COVID, le importazioni asiatiche stanno reggendo forte a maggio, secondo i dati sul monitoraggio delle navi e sui porti di Refinitiv, citati dall’editorialista di Reuters Clyde Russell.

Le importazioni di Gnl sono state forti dalla fine dell’inverno, nonostante la tipica debole “stagione di transizione” tra il picco invernale e il picco della domanda estiva. Il rigido inverno nell’emisfero settentrionale ha portato a ritiri di scorte maggiori del solito, soprattutto in Corea del Sud, il terzo importatore di Gnl al mondo. Ora la regione sta rifornendo la domanda estiva di elettricità, con una domanda di carichi spot robusta per questo periodo dell’anno.

I PREZZI

Di conseguenza, i prezzi spot del Gnl in Asia sono stimati a circa 10 dollari / MMBtu in questi giorni, un balzo di cinque volte rispetto ai prezzi estivi dello scorso anno inferiori a 2 dollari / MMBtu quando il coronavirus spazzò via la domanda e sia i fornitori sia gli importatori affrontarono un’elevata incertezza sul breve termine.

“I futures sul Gnl suggeriscono prezzi intorno a 10 dollari / MMBtu da giugno a settembre, suggerendo un mercato relativamente stretto in Asia quest’estate e quella che potrebbe essere la performance estiva più alta dal 2014”, osserva Russell di Reuters.

FORTI IMPORTAZIONI DA PARTE DI GIAPPONE, CINA, COREA DEL SUD E INDIA

Le valutazioni delle importazioni di Gas liquefatto da Refinitiv mostrano forti importazioni a maggio in tutti e quattro i principali importatori mondiali: Giappone, Cina, Corea del Sud e India.

“Guardando al futuro, la forte ripresa della domanda nei principali mercati asiatici sarà soddisfatta da un altrettanto forte recupero dell’offerta nel 2021. Ciò dovrebbe impedire una ripetizione delle riduzioni dell’offerta dell’estate 2020 e ridurre la probabilità di una ripetizione dei prezzi dello scorso inverno”, ha scritto Gavin Thompson, vicepresidente Energy – Asia Pacific a Wood Mackenzie il mese scorso.

EUROPA E USA

I prezzi spot intorno ai 10 dollari / MMBtu in Asia, oltre a un mercato più ristretto in Europa con livelli di scorte di gas inferiori alla media, sono un’ottima notizia per gli esportatori di Gnl statunitensi.

L’Europa aveva già iniziato a rifornirsi di gas naturale dopo un inverno rigido che ha prosciugato le scorte quando un’ondata di freddo in aprile ha causato insoliti prelievi aggiuntivi dallo stoccaggio.

“L’ondata di freddo ad aprile ha causato un ritiro netto contro-stagionale delle scorte, peggiorando la situazione di stoccaggio che per diversi mesi è stata al di sotto delle medie stagionali”, ha detto WoodMac nella sua previsione sul commercio a breve termine e sui prezzi del GNL Q2 questa settimana.

L’aumento dei prezzi spot del Gnl sia in Asia sia in Europa lascerebbe aperta per tutta l’estate la finestra per le esportazioni di Gnl degli Stati Uniti in queste due regioni, poiché il costo per la spedizione del Gnl americano sarebbe inferiore ai prezzi spot in Asia e in Europa, ha evidenziato Oilprice.

live
Back To Top