Advertisement Advertisement Skip to content
Clima Estate

L’Europa ha attraversato il terzo gennaio più caldo mai registrato. Il report Copernicus

In gran parte dell’Europa – nel mese di gennaio 2023 –  sono state registrate temperature dell’aria superiori alla media. L’estensione del ghiaccio marino antartico, invece, è stata del 31% al di sotto della media, classificandosi all’ultimo posto tra i valori più bassi di gennaio registrati dai satelliti. Cosa dicono i dati Copernicus

Il Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service – C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con il finanziamento dell’UE, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti registrati globalmente nella temperatura superficiale dell’aria, nella copertura del ghiaccio marino e nelle variabili idrologiche. Tutti i risultati riportati si basano su analisi generate al computer utilizzando miliardi di misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche di tutto il mondo.

COPERNICUS: GENNAIO 2023 CON TEMPERATURE ANOMALE

Secondo il bollettino climatico mensile pubblicato dal Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service – C3S), il mese di Gennaio 2023 è stato il terzo più caldo in Europa. In gran parte dell’Europa – secondo quanto emerge dal report Copernicus –  sono state registrate temperature dell’aria superiori alla media, compresi i Balcani e l’Europa orientale, in cui il giorno di Capodanno si è registrato un caldo record; anche la regione delle Svalbard ha registrato rilevanti anomalie in termini di calore
Stati Uniti, Canada, Messico e una fascia da sud-est a nord-ovest della Russia occidentale hanno registrato temperature superiori alla media. Inoltre, sono state registrate temperature inferiori alla media in Australia, in Siberia, in Afghanistan, in Pakistan e nei paesi limitrofi.

GHIACCIO MARINO: A GENNAIO 2023 RAGGIUNTO MINIMO STORICO

Secondo il bollettino climatico mensile pubblicato dal Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service – C3S), l’estensione del ghiaccio marino antartico è stata del 31% al di sotto della media, classificandosi all’ultimo posto tra i valori più bassi di gennaio registrati dai satelliti e rimanendo ben al di sotto del precedente record del gennaio 2017. Tutti i settori dell’Oceano Meridionale sono stati caratterizzati da concentrazioni di ghiaccio marino inferiori alla media. In particolare, l’estensione del ghiaccio marino artico è stata del 4% al di sotto della media, classificandosi al terzo posto nella classifica dei dati satellitari di gennaio. Mentre, per quanto riguarda le concentrazioni di ghiaccio marino artico sono state particolarmente al di sotto della media nel Mare di Barents e nella regione delle Svalbard.

BURGESS: TEMPERATURE SEGNALE INTANGIBILE DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Samantha Burgess, Vicedirettore del Servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus (Copernicus Climate Change Service – C3S), in una nota ha affermato, “Molti di noi hanno assistito alle temperature eccezionalmente calde di fine anno. Sebbene il mese di gennaio 2023 sia stato un fenomeno eccezionale, queste temperature estreme rappresentano un segnale tangibile degli effetti del cambiamento climatico per molte regioni e possono essere intese come un ulteriore avvertimento di futuri eventi estremi. È indispensabile che le parti interessate a livello globale e regionale agiscano rapidamente per mitigare l’aumento delle temperature globali”

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su