Sostenibilità

Nasce nuovo portale sull’economia circolare con Enea coordinatore scientifico

economia circolare

La neonata testata giornalistica pubblica anche un magazine con l’obiettivo di rispondere all’esigenza di analisi e diffusione di pratiche concrete di economia circolare

È nato il nuovo portale economiacircolare.com, un progetto editoriale frutto della collaborazione tra CDCA e il sistema multi-consortile ERION, con Enea che cura il coordinamento scientifico delle altre istituzioni coinvolte (CNR, ISPRA, UNI e POLIEDRA).

Il portale, aperto al contributo di tutti, si candida a diventare uno dei riferimenti principali dell’informazione sull’economia circolare e luogo di incontro e dibattito di tutti gli attori in collegamento con le diverse realtà istituzionali, industriali, scientifiche e sociali.

MORABITO: ENEA HA IL COMPITO DI GARANTIRE LA CONVIVENZA DI DIVERSE POSIZIONI

“Enea, tramite il Dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e territoriali (SSPT), avrà il compito di garantire la convivenza delle diverse posizioni di approfondimento sulle tematiche multidisciplinari che caratterizzano l’economia circolare. Siamo certi che una maggiore diffusione di conoscenza e dialogo e un approccio collaborativo tra gli attori coinvolti, siano fondamentali per innescare il cambiamento culturale che sta alla base della transizione verso l’economia circolare”, sottolinea Roberto Morabito, direttore del Dipartimento SSPT dell’ENEA.

ANCHE UN MAGAZINE

La neonata testata giornalistica pubblica anche un magazine con l’obiettivo di rispondere all’esigenza di analisi e diffusione di pratiche concrete di economia circolare, di scelte imprenditoriali e industriali orientate alla sostenibilità e di accadimenti che a livello nazionale e internazionale influiscono sulle politiche energetiche e ambientali, con un occhio di riguardo alle attività di ricerca e ai processi relativi alle istituzioni comunitarie.

“Vogliamo fornire uno strumento in grado di assicurare una reale opportunità di conoscenza e orientamento laddove la comunicazione diventa un elemento fondamentale per avviare un concreto percorso di cambiamento”, conclude Morabito.