Sostenibilità

Negli Emirati Arabi Uniti la batteria “virtuale” più grande del mondo

Il sistema, che può essere gestito da un unico punto di controllo è sufficiente ad alimentare Abu Dhabi per sei ore in caso di interruzione della rete.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno una reputazione importante quando si tratta di investimenti innovativi. Quindi era solo una questione di tempo – e dopo una ripresa dei prezzi del petrolio – prima che lo Stato del Golfo iniziasse a fare notizia nel settore delle energie rinnovabili. In questo caso per la più grande batteria virtuale al mondo.

LA BATTERIA È IN GRADO DI ALIMENTARE ABU DHABI PER SEI ORE IN CASO DI INTERRUZIONE DELLA RETE

Secondo quanto riporta Quartz gli Emirati avrebbero realizzato una batteria virtuale, composta cioè da dieci impianti di stoccaggio dell’energia. Il sistema, che può essere gestito da un unico punto di controllo, ha una capacità di 108 MW / 648 MWh, che è sufficiente per alimentare Abu Dhabi per sei ore in caso di interruzione della rete. Questo lo rende il più grande sistema di batterie al mondo fino ad oggi.

GLI INVESTIMENTI RECORD NELL’ENERGIA SOLARE HANNO RESO LA FONTE COMPETITIVA

Ma non si tratta solo del record. Un recente rapporto dell’International Renewable Energy Agency (Irena) ha rivelato che gli investimenti record nell’energia solare negli Emirati Arabi Uniti e in Arabia Saudita hanno reso tale fonte competitiva con le centrali elettriche a combustibili fossili. Gli Emirati ospitano già quasi il 79% della capacità di energia solare installata nel Gulf Cooperation Council. I piani in via di attuazione negli Emirati Arabi Uniti prevedono di attirare il 27% del fabbisogno di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2021. Entro il 2050, gli Emirati auspicano di avere il 40% della capacità di generazione prodotta da fonti rinnovabili.

IN TUTTO IL GOLFO PROGETTI PER 7 GW DI NUOVA CAPACITÀ INSTALLATA

Ci sono progetti per un totale di 7 GW nella nuova capacità installata nel Consiglio di cooperazione del Golfo pianificato per il futuro. La maggior parte di questi è negli Emirati Arabi Uniti e dovrebbe entrare in funzione nei prossimi anni, secondo il rapporto Irena. Il paese ha stanziato 160 miliardi di dollari nelle rinnovabili entro il 2030.