Advertisement vai al contenuto principale
Dubai Carbone

Nel 2023 il picco per carbone e CO2 nel settore energia? Sì secondo Rystad Energy

Se è vero che il carbone ha dominato il settore energetico globale negli ultimi 30 anni, e altrettanto vero che i modelli di Rystad Energy mostrano che il 2024 segnerà l’inizio del declino del combustibile man mano che la generazione solare ed eolica crescerà in popolarità.
La produzione globale di energia elettrica da carbone è sulla buona strada per raggiungere il picco nel 2023, e ciò grazie all’espansione sempre più rapida di nuove fonti di energia rinnovabile e a basse emissioni di carbonio. È quanto rileva Rystad Energy nella sua ultima ricerca, dalla quale emerge che se è vero che il carbone ha dominato il settore energetico globale negli ultimi 30 anni, e altrettanto vero che i modelli di Rystad Energy mostrano che il 2024 segnerà l’inizio del declino del combustibile man mano che la generazione solare ed eolica crescerà in popolarità.

ELETTRICITA’ DA RINNOVABILI SUPERERA’ CRESCITA DOMANDA DI ENERGIA

Si prevede che la nuova fornitura di elettricità da fonti rinnovabili supererà la crescita della domanda di energia, portando allo spostamento del carbone a partire dal prossimo anno e ad un aggravamento negli anni a venire. Di conseguenza, la produzione da carbone scenderà marginalmente a 10.332 terawattora (TWh) nel 2024, in calo di 41 TWh rispetto al 2023. “Un calo relativo, ma è un segno di ciò che accadrà man mano che le energie rinnovabili continuano la loro traiettoria di crescita”, ha spiegato Rystad Energy.

Man mano che la quota del carbone diminuirà, “diminuiranno anche le emissioni di anidride carbonica (CO2) associate. Grazie al ruolo dominante del carbone nell’alimentazione del mondo, il settore energetico è il maggiore contributore all’inquinamento globale, rappresentando circa il 40% di tutte le emissioni”.

CALATI GLI INVESTIMENTI NEL CARBONE NEGLI ULTIMI ANNI

Negli ultimi anni gli investimenti nella capacità di carbone e nell’utilizzo complessivo sono diminuiti in Europa e Nord America a causa di una combinazione di rigide politiche sulle emissioni e di un’abbondante disponibilità di forniture di gas naturale a prezzi accessibili, rileva la società di ricerca scandinava. Tuttavia, la crescita duratura in Asia, in particolare in Cina, ha mantenuto vivace il consumo globale di carbone. Anche così, il carbone verrà gradualmente sostituito dal rapido sviluppo di fonti energetiche a basse emissioni di carbonio, inaugurando un sistema più pulito e più snello anche se gli investimenti in nuova capacità in Asia continueranno nei prossimi anni.

“L’utilizzo del carbone nel settore energetico sta raggiungendo il picco. Il calo della produzione totale di carbone nel 2024 potrebbe essere piccolo sulla carta, ma segna l’inizio dell’era delle energie rinnovabili nel mercato energetico. Tuttavia, ci sono ancora sfide da superare in un settore elettrico ad alta intensità di fonti rinnovabili, comprese le questioni di intermittenza. Per questo motivo, le centrali elettriche a carbone e gas naturale continueranno a svolgere un ruolo chiave fornendo fornitura di carico di base e flessibilità”, ha detto Carlos Torres Diaz, vicepresidente senior, Rystad Energy

LA CINA GUIDA I CONSUMI DI CARBONE

La produzione globale di energia da carbone è aumentata da 4,4 TWh nel 1990 a 10,2 TWh nel 2022, registrando un aumento del 133%. La Cina ha guidato in modo preponderante questa crescita, ma anche l’India e altri paesi asiatici hanno contribuito. La capacità installata globale è cresciuta da 856 gigawatt (GW) nel 1990 a circa 2,1 TW nel 2022, con i paesi asiatici che hanno aggiunto circa 1,4 TW.

“Grazie alle abbondanti riserve di carbone e alla necessità di aumentare rapidamente la fornitura di energia per sostenere la crescita economica, l’Asia è responsabile di oltre i tre quarti della produzione mondiale di energia da carbone – ammette Rystad Energy -. La capacità di generazione del carbone continua a crescere nella regione, ma il ritmo dei nuovi progetti sta rallentando a causa delle preoccupazioni ambientali. I paesi di tutto il mondo che dipendono fortemente dal carbone, come Cina, Germania e Stati Uniti, stanno sviluppando capacità rinnovabile abbastanza velocemente e con condizioni economiche favorevoli da sostituire facilmente il carbone”.

EUROPA E NORD AMERICA SEMPRE PIU’ PROIETTATE VERSO GAS E RINNOVABILI

L’Europa e il Nord America stanno sistematicamente sostituendo la produzione di carbone con fonti più pulite come il gas naturale e le energie rinnovabili, riducendo la capacità di energia elettrica dal carbone di oltre 200 GW dal 1990. Il declino dell’Europa è principalmente guidato da rigide politiche sulle emissioni, mentre il Nord America ha principalmente sostituito la produzione di carbone con il gas. potere poiché l’abbondante produzione regionale ha tagliato i prezzi. Ad esempio, nel novembre 2023, i costi di produzione del gas sul mercato Pennsylvania-New Jersey-Maryland Interconnection (PJM) negli Stati Uniti erano la metà dei costi di produzione del carbone.

Nonostante il carbone abbia perso terreno in Europa e Nord America, la crescita dell’Asia ha messo in ombra i loro sforzi. Inoltre, con l’impennata dei prezzi del gas e del GNL nella seconda metà del 2022, molti paesi si sono rivolti al carbone per soddisfare il proprio fabbisogno energetico, con conseguente aumento delle emissioni del settore energetico. Per metterlo in prospettiva, una centrale elettrica a carbone media emette circa 1 tonnellata di CO2 per megawattora (MWh), mentre le centrali a gas emettono quasi 0,5 tonnellate per MWh. Ciò significa che le emissioni per megawattora sono già dimezzate semplicemente tornando al gas naturale ora che i prezzi sono più stabili.

LA CRESCITA CONTINIERA’ IN ASIA PER IL MOMENTO

L’Asia ha aggiunto più di 40 GW di nuova capacità di carbone in ciascuno degli ultimi cinque anni e si prevede che aggiungerà 52 GW l’anno prossimo. In altre parole, nel 2024 l’Asia aggiungerà più capacità di carbone rispetto alla capacità totale installata in Argentina. La maggior parte di questa nuova capacità si trova in Cina, seguita da India e Indonesia. Rystad Energy prevede che gli aumenti di capacità continueranno fino al 2027, anche se più lentamente, dopodiché le centrali elettriche a carbone inizieranno a diminuire.

I tassi di utilizzo di queste nuove centrali a carbone asiatiche saranno dettati dalla crescita della domanda di elettricità, dalla crescita della capacità delle energie rinnovabili e dall’età e dallo stato di salute delle infrastrutture del carbone esistenti in ciascun Paese. Oltre il 16% delle centrali a carbone esistenti nella regione hanno 20 anni o più, il che significa che si prevede all’orizzonte un calo di efficienza o un aumento dei costi di manutenzione e operativi. Nuovi impianti potrebbero sostituire questa infrastruttura obsoleta, soprattutto nei paesi in cui fonti di generazione alternative potrebbero aiutare a soddisfare la domanda.

RINNOVABILI COMINCIANO A SUPERARE IL CARBONE

Anche se il parco di produzione del carbone continua ad espandersi, le aggiunte annuali sono oscurate dalla nuova capacità di energia rinnovabile. spiega Rystad Energy. L’energia rinnovabile è cresciuta in modo esponenziale dal 2010 a causa del calo dei costi di produzione e degli ambiziosi obiettivi nazionali e regionali. Il costo medio globale dell’energia (LCOE) per il solare fotovoltaico e l’eolico onshore è di circa 50 dollari per MWh. Ciò si confronta con 84 dollari per MWh per il carbone e 144 dollari per MWh per l’energia a gas in Asia (considerando un prezzo del carbone di 122 dollari per tonnellata e un prezzo del gas di 17 dollari per MMBtu). Pertanto, gli investimenti nelle energie rinnovabili rappresentano una scelta più economica per la maggior parte dei paesi, portando ogni anno le installazioni a stabilire nuovi record.

“Nel 2024 saranno installati a livello globale circa 300 GW di energia solare fotovoltaica e 140 GW di capacità eolica, più della metà dei quali verranno aggiunti in Asia, dove è più urgente avviare lo spostamento della produzione di energia dal carbone – ha osservato la società di ricerca -. Ciò porterà la spesa globale in conto capitale nel solare fotovoltaico e nella capacità eolica a superare i 600 miliardi di dollari l’anno prossimo. Tuttavia, i guadagni di capacità hanno valore tanto quanto la loro produzione. L’efficienza delle centrali elettriche ad energia rinnovabile rimane ben al di sotto della produzione di energia da combustibili fossili, ma la crescita della capacità solare fotovoltaica ed eolica si sta muovendo abbastanza velocemente da compensare la differenza”.

La domanda persistente è se l’offerta di energia pulita potrà crescere abbastanza rapidamente da soddisfare la domanda. Si prevede che la domanda globale di elettricità raggiungerà circa 25.400 TWh l’anno prossimo, il 3% in più rispetto al 2023. Anche in questo caso, la maggior parte di questa crescita proverrà dall’Asia, dove l’attività economica continua ad espandersi. Si prevede che il tasso di crescita della domanda rimarrà stabile in questo decennio per poi accelerare a causa della rapida elettrificazione dei settori dei trasporti e dell’industria durante gli anni ’30.

GENERAZIONE DA FONTI PRIVE DI CARBONIO AGGIUNGERANNO 845 TWH NEL 2024

Rystad Energy prevede che la generazione da fonti prive di carbonio, tra cui solare fotovoltaico, eolico e altre (come nucleare, idroelettrico e bioenergia), aggiungerà 845 TWh di nuove forniture nel 2024. “Ipotizzando perdite del 5%, la nuova fornitura da fonti pulite è ancora significativamente maggiore dell’aumento della domanda, il che significa che esiste il potenziale per sostituire la produzione di energia da combustibili fossili. Dato che la produzione di energia rinnovabile, in media, ha costi operativi molto inferiori rispetto agli impianti a combustibili fossili, queste fonti avranno la priorità nell’ordine di merito e dovrebbero comportare un minore utilizzo degli impianti a carbone e gas”, ha sottolineato la società di analisi.

“Lo spostamento a lungo termine della produzione di energia da combustibili fossili sembra destinato a iniziare il prossimo anno, indicando che quest’anno potremmo sperimentare il picco di produzione di carbone e di emissioni di carbonio dal settore energetico”, ha concluso Rystad Energy.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su